Musica & Memoria | Cover anni ’60-’70. Lista. Parte II

HOME

MENU

 

 Vedi anche   Il fenomeno delle cover / Cover “adulterate” / Covers al contrario / Nuovi inserimenti / Le copertine / Le canzoni di protesta / I testi / Le traduzioni / I complessi beat / Speciali: Le cover di Mina, Le cover da Burt Bacharch, Le cover di Petula Clark, Le cover dei Rolling Stones, Le cover dei Beatles, La musica leggera e le covers // Note alla Lista 2

 

 Indice

 

Lista I: Adriano Celentano / Adriano Pappalardo / Alain Barrière / Alberto Testa / Alessandra Casaccia / Alligatori / Alpha Centauri / Alusa Fallax / Amiche / Angela Bi / Angeli / Anime / Anna Identici / Anna Marchetti / Anna Maria Berardinelli / Anna Maria Izzo / Annarita Spinaci / Anonima Sound / Antoine / Antonio e Corrado / Apostoli / Armando Savini / Astrali / Augusto Righetti / Balordi / Bad Boys / Barabba / Barrittas / Baronetti / Barry Ryan / Bat Bat / Beans / Beati / Becchini / Bertas / Betty Curtis / Big Ben's / Bigs / Bisce / Bisonti / Bit-Nik / Blackbirds / Blacks / Bobby Solo / Bounty Killers / Box Tops / Brian / Brunetta / Bruno Filippini / Bruno Lauzi / Bruno Martino / Bruzi / Bushmen / Califfi / Calipop / Camaleonti / Capricorn College / Carmen Villani / Castellani

Lista II: Casuals / Caterina Caselli / Catherine Spaak / Cavernicoli / Chiodi / Chilla Black / Claudia Mori / Christophe / Chriss & The Stroke / I 5 dell'88 / Les 5 Gentlemen / I 5 Monelli / Claude François / Claudia Mori / Claudio Lippi / Claus / Cliff Richard / Club 76 / Code / Colours / Computers / Condors / Corvi / Crazy Boys / Cuccioli / Dalida / Danny Lorin / Da Polenta / Dave, Dee, Doozy, Beacky, Mick & Tich / David Alexandre Winter / David Bowie / David & Jonathan / Day Costello / Delfini / Diabolici / Dik Dik / Dino / Dion Di Mucci / Dionne Warwick / Domodossola / Donatello / Don Backy / Don Miko / Dori Ghezzi / Dusty Springfield / Edda Ollari / Edwin Starr / Eileen / Elio Ciprì / Elio Gandolfi / Elisabetta / Elisabetta Ponti / Elsa e i Beats

Lista III: Equipe 84 / Evy / Fabulous Four / Facce di bronzo / Fantom's / Faraoni / Favolosi / Fausto Leali e i Novelty / Fiammetta / Flora, Fauna e Cemento / Formula Tre / Four Kents / Four Tops / Franco dei New Dada / Françoise Hardy / Fratelli / Fuggiaschi / Gatti Rossi / Gene Guglielmi / Gene Pitney / Gens / Ghigo Agosti e i Goghi / Gian Pieretti / Gianni Morandi / Gianni Pettenati / Giganti / Gino Paoli / Gino Santercole /  Giorgio Albertazzi e Anna Proclemer / Gino Paoli /Giorgio Gaber / Giuliana Valci

Lista IV: Giuliano e i Notturni / Giusy Balatresi / Giusy Romeo / Gleemen / Grass Roots / Guidone / Honeybeats / Herb Alpert / Herbert Pagani / Herbie Goins & The Night Timers / Hugu Tugu / Ico Cerutti / Igor Mann e i Gormanni / Ingoes / Innominati / Iva Zanicchi / Ivana Spagna / Jaguars / James Radcliffe / Jean François Michael / Jenny Luna / Jimmy Fontana / Jimmy Radcliffe / Jimmy Ruffin / John Foster / Johnny Dorelli / Johnny Kendall e gli Heralds / Jonathan & Michelle / Juniors / Katty Line / Kidders / Kings / La Ragazza '77 / Lara Saint Paul / Latins / Lello Tristano e il suo Complesso / Leo Sardo / Leonardo / Lesley Gore / Little Boys / Little Tony / Longobardi / Lucia Altieri / Luciano Vieri / Lucio Dalla / Luigi Tenco / Macchie Rosse / Mal & The Primitives / Mario Guarnera / Marcellos Ferial / Mark e Marta & Splash / Maria Belardinelli / Mariarosa / Marie Laforêt / Marino's / Mario Tessuto / Mario Zelinotti / Marisa Sannia / Martò / Marzio / Mat 65 / Maurizio dei New Dada / Memphis / Memo Remigi / Meri Marabini / Meteors / Mia Martini / Michele / Michel Delpech / Michel Polnareff / Michel Tadini / Mike Liddel e gli Atomi 

Lista V: Milena Cantù / Milva / Mimì Bertè / Mina / Minstrels / Miro Banis e i Transistors / Mita Medici / Mods / Monelli / Moody Blues / Motowns / Nada / Nana Moskouri / Nancy Sinatra / Neil Sedaka / New Dada / New Rangers / Nico e i Gabbiani / Nico Fidenco / Nicola Arigliano / Nicola di Bari / Niemen / Nina Simone / Nino Ferrer / Nomadi / Nuovi Angeli / Ombre di bronzo / Ombretta Colli / Onde blu / 1910 Fruitgum Co. / Orietta Berti / Orme / Ornella Vanoni / Paki & Paki / Paola Battista / Paola Musiani / Paolo Bracci / Pascal Danel / Patrick Samson / Patty Pravo / Paul Anka / Pelati / Pennies / Peppino di Capri / Persiani / Peter & Gordon / Petula Clark / Piermaurizio / Piero Focaccia / Pilade / Pino Donaggio / Pino Masi / (The) Planets / Pooh / Pops / Pop Tops / Procol Harum / Profeti / Punti Cardinali / Pyranas / 4 di Lucca / Quattro Satelliti

Lista VI: Quelli / Raffaella Carrà / Ragazzi dai capelli verdi / Ragazzi della Via Gluck / Ragazzi del sole / Ragazzi di pietra / Rascals / Ravers / Remo Germani / renata Pacini / Renato e i Misfits / Renegades / Ribelli / Riccardo Del Turco / Riccardo Fogli / Ricchi e poveri / Richard Anthony / Ricky Gianco / Ricky Shayne / Riki Maiocchi / Rita Pavone / Roberta Mazzoni / Roberto Carlos / Roberto Vecchioni / Roby Castiglione / Roby Matano / Rocky Roberts / Rogers / Rokes / Rokketti / Rolando Gambelli / Rolling Stones / Roll's 33 / Rosy / Rossano / Royals / Sacha Distel / Sammy Barbot / Sandie Shaw / Santino Rocchetti / Satelliti / Sauterelles / Schola Cantorum / Scorpions / Sergio Leonardi / Showmen / Smokey Robinson & I Miracles / Snobs / Soliti ignoti / Sonia e le Sorelle / Sopworth Camel / Sorrows / Stevie Wonder / Stormy Six / Superbi / Supergruppo / Supremes / Surfs / Sylvie Vartan / Templari / Teoremi / Tipi / Tom Jones / Tony Dallara / Tony Del Monaco / Tony e Nelly / Tony Mark e i Markmen / Tony Renis / Trappers / Tremeloes/ Trolls / Uh! / Uragani / Vagabondi della verità / Valeria Fabrizi / Vanguards / Vasso Ovale / Verde Stagione / Wess / Wilma De Angelis / Wilma Goich / Wretched / Youngbloods / Zager & Evans

Versione italiana

Interprete

Versione originale

Interprete

Note

Il sole non tramonterà (1967)

Casuals

The Sun Ain't Gonna Shine

Walker Brothers

Un successo beat del momento per il gruppo anglo-italiano dei Casuals, prodotto da Gino Paoli. Registrato per l'album "Gino Paoli and The Casuals", una facciata per uno con il musicista genovese, che aveva scoperto e "importato" in Italia i quattro ragazzi del Lincolnshire. Testo italiano dello stesso Gino Paoli. LP CBS ‎– 52437.

Il grigio Mr. James (1967) Casuals Semi-detached Suburban Mr. James Manfred Mann Altra cover per lo stesso album, prima traccia della seconda facciata. Testo italiano di Alberto Testa. I Casuals a differenza di molti altri gruppi stranieri arrivati in Italia avevano all'attivo diversi successi da classifica in UK e hanno continuato l'attività in parallelo anche nel paese di origine.
L'amore dura solo un attimo (1966) Casuals If You Walk Out (1965) Casuals Risaliva all'anno prima il primo singolo dei Casuals in Italia Era una auto cover inserita nel lato B/1 del 45 giri tris "Il sole non tramonterà", etichetta CBS - 2368, pubblicato nel 1966, testo italiano di Gino Paoli che lo firmava con lo pseudonimo Snupi. Gli autori originali dichiarati sono Oranx Boranx, evidentemente due pseudonimi. Disco originale: Singolo 45 giri Fontana - TF 635, pubblicato nel 1965.

Massachusetts (1967)

Casuals

Massachusetts

Bee Gees

La traduzione dei Casuals di uno dei primi successi internazionali dei Bee Gees, una specie di risposta a San Francisco di Scott McKenzie. Sarà il più significativo (relativo) successo per il gruppo inglese in Italia, nonostante la terribile copertina.

Adios amor (1968) Casuals Adios Amour (1968) Josè Feliciano Auto-cover di un brano post-beat per il mercato UK degli stessi Casuals. L'originale era un brano di Norman Newell and Tom Springfield inciso anche da molti altri interpreti, tra cui Josè Feliciano. La versione dei Casuals comunque non era male.
Jesamine (1968) Casuals When Jezamine Goes (1968) The Bystanders Singolo 45 giri Joker - M 7013, pubblicato nel 1968, testo italiano di Ronnie Scott. L'originale era stato registrato dal gruppo rock gallese The Bystanders, col titolo "When Jazemine Goes" (Pye Records - 7N 17476) e pubblicato in febbraio 1968, raggiungendo la posizione #24 nella UK singles chart. Tre mesi dopo, fu rilanciata al #2 della stessa classifica dai Casuals, che col titolo semplificato in "Jezamine" l'avevano pubblicata a maggio del 1968 come singolo 45 giri, Decca - F 22784.
Amore sto dicendo a te (1968) Casuals Toy (1968)Casuals Altra auto cover nel retro del precedente singolo, con testo italiano di Herbert Pagani. L'originale era stato scritto e composto dal cantautore inglese Chris Andrews ed affidato al gruppo inglese e non registrato e pubblicato da lui, a differenza della maggior parte delle sue composizioni. Per i Casuals è stata una hit da #30 della classifica inglese dei singoli a dicembre del 1968. Disco originale: singolo 45 giri Decca - F.22852.
Domani domani (1969) Casuals Tomorrow Tomorrow (1969) Bee Gees Lato A del 45 giri promo, condiviso con la cantante italiana Stefania Tozzi, registrato per l'etichetta Jolly - M 7034 x 45°, pubblicato nel 1969, testo italiano di Michele Anzoino. Autori dell'originale, i fratelli Barry e Maurice Gibb dei Bee Gees. Canzone meno ricordata del gruppo mannese, ma pur sempre di grande effetto e con una performance ineccepibile. Si tratta comunque di una hit da #23 della UK singles chart di giugno del 1969, in classifica per ben 8 settimane. Il loro disco è un singolo 45 giri Polydor - 56331, pubblicato nel 1969.
Non è il violino (1969) Casuals Now You Can Be (1969) Casuals Altra auto cover dei Casuals, nel lato B del singolo 45 giri "Alla fine della strada", Joker - M 7019 del 1969. Quest'ultima, nello stesso anno 1969, era stata portata a Sanremo dalla beat band inglese ed eseguita in coppia con Junior Magli, ma non entrò in finale. L'autore dell'originale è Jackie Lynton, nome d'arte di John Bertram Lynton (dati ISWC-Net), uno tra i primi rocker inglesi, in anticipo rispetto all'imminente fenomeno che da lì a momenti esplodeva con la beatlemania. Disco originale dei Casuals: LP 33 giri "Hour World", Jolly - LPJ 5097, pubblicato nel 1969.

Sciocca (1964)

Caterina Caselli

She's A Fool 

Lesley Gore

Lesley Gore era una tipica cantante per adolescenti inizio anni '60, suo primo successo "It's My Party" del 1963, prodotto da Quincy Jones (celebre anche anni dopo perché usato nella colonna sonora del film "Piccola peste"). "She's A Fool" è un suo successo dell'anno dopo. Lato B del primo singolo della Caselli con la MCR. Sul lato A "Ti telefono tutte le sere". Vedi anche la discografia di Caterina Caselli.

Sono qui con voi (1965)

Caterina Caselli

Baby Please Don't Go

Them

Uno dei brani classici del complesso beat irlandese nel quale iniziò la carriera Van Morrison, a sua volta una cover da Muddy Waters, grande successo in UK, era la base del brano di esordio con una casa discografica importante (la CGD) della famosa cantante emiliana, che all'epoca suonava anche il basso, con il suo gruppo, Gli Amici. Il brano venne presentato al Cantagiro del 1965, girone esordienti ma, troppo avanzato per i gusti dell'epoca, non vinse nemmeno una tappa.

La ragazza del Piper (1965) Caterina Caselli Kuk Astronauts Secondo diverse fonti il retro del singolo precedentemente citato, che omaggiava il Piper Club (dove la Caselli era stata una delle prime "reginette") era ancora una cover, di questo brano surf USA. Che effettivamente ci assomiglia molto, anche se si differenzia nel refrain, ma assomiglia anche a molti altri brani surf.

Tutto nero (1966)

Caterina Caselli

Paint It Black

Rolling Stones

Buona versione del classico degli Stones di ispirazione "etnica" (arabeggiante), con testo sostanzialmente fedele all'originale.

Sono bugiarda (1967)

Caterina Caselli

I’m A Believer

Monkees

Grande successo della cantante emiliana, riprendeva il n.1 in USA dei Monkees, allora all'apice della fama, un brano scritto per loro da Neil Diamond.

Puoi farmi piangere (1966)

Caterina Caselli

I Put A Spell On You

Screamin' Jay Hawkins

Un brano del 1956 che è diventato nel tempo un classico proposto da molti altri interpreti. Screamin' Jay Hawkins ne è stato l'autore ed il primo interprete. Contenuto nel primo LP per la CGD: "Casco d'oro" (1966).

Kicks (1966) Caterina Caselli Kicks Paul Revere & The Raiders Altra cover in italiano per l'LP "Casco d'oro". Dal successo omonimo di Paul Revere e dei suoi Raiders. Non male la versione di Caterina. Prudentemente i "calci" dell'originale non sono tradotti.
E' la pioggia che va (1966) Caterina Caselli Remember In The Rain Bob Lind Sempre nello stesso LP la cover da Bob Lind già proposta con grande successo dai Rokes, con lo stesso testo. Eseguita anche nel film musicale Perdono con protagonista la Caselli.
Il Sole non tramonterà (1967) Caterina Caselli The Sun Ain't Gonna Shine Anymore Walker Brothers Cover contenuta nel secondo LP per la CGD, "Diamoci del tu". Dal nome di un programma TV al quale partecipava la Caselli in coppia con Giorgio Gaber, la cui sigla era "Sono bugiarda". Anche negli anni '60 del monopolio RAI il traino televisivo aveva grande importanza.

Cielo giallo (1967)

Caterina Caselli

Mellow Yellow

Donovan

Altra cover (davvero non memorabile) per lo stesso LP.

Una farfalla (1967)

Caterina Caselli

Elusive Butterfly Of Love (1966)

Bob Lind

Un'altra cover per l'LP "Diamoci del tu" con una buona versione di Mogol del poetico testo dell'originale. Che è il maggior successo del cantautore americano Bob Lind (#5 USA e UK). Sul retro del brano originale era pubblicata  Cheryl's Going Home, versione originale di Che colpa abbiamo noi.  Altra cover l'anno prima da Milena Cantù con titolo leggermente diverso (La farfalla), ma testo sempre di Mogol.

L'ombra di nessuno (1967) Caterina Caselli Standing in the Shadows of Love (1966) The Four Tops Altra cover da un classico brano Motown dell'anno prima. Sempre in scaletta nell'LP "Diamoci del tu". (Vedi la scaletta completa di tutti gli LP nella discografia di Caterina Caselli).

Il volto della vita (1968)

Caterina Caselli

Days Of Pearly Spencer

David Mc William

Grande successo per la rinnovata Caterina in uscita definitiva dal periodo beat con la cover di un bel brano di un cantautore irlandese, che aveva avuto un discreto successo in UK e in Europa quell'anno. Ottima versione e ottima interpretazione, testimoniata da video ripresi al Cantagiro di quell'anno (e facilmente reperibili su YouTube) che vinse con questa canzone, a smentita delle incertezze come interprete della cantante n.1 del beat italiano. Il testo italiano ignora del tutto l'originale.

L’umanità (1970)

Caterina Caselli

Sympathy (1969)

Rare Bird

Ritorno al successo nel '71 per la Caselli (dopo un '69 e un '70 di insuccessi) di nuovo sulla cresta dell'onda nonostante il cambio di decennio (e di gusti del pubblico)grazie ad una cover azzeccata da un brano molto valido di uno dei primi gruppi progressive.

Nel 2023 (1970)

Caterina Caselli

In The Year 2025 (1969)

Zager & Evans

Successo internazionale di Zager & Evans (unico per questo duo folk USA) ripreso anche da altri cantanti, per esempio Dalida. Retro del singolo precedente. Una versione anche dagli stessi Zager & Evans (con forte accento americano) con titolo Nell'anno 2033 su etichetta RCA Victor e testo più vicino al loro originale in inglese. Sul retro un'altra loro auto cover dal primo LP del duo (Exordium & Terminus, 1969), Donna, dall'originale Woman.

La mia vita, la nostra vita (1970) Caterina Caselli Girl, I've Got News From You  Mardi Gras Un singolo di scarso successo del '70 per la Caselli.
Morire due volte (1970) Caterina Caselli Geh Nicht Vorbei (Non andare oltre)(1969) Christian Anders Testo di Mogol, registrata su 45 giri (Spero di svegliarmi presto/ Morire due volte) etichetta CGD, cat: N 9774, pubblicato in aprile del 1970, è la cover di “Geh Nicht Vorbei (Non andare oltre), un grande successo europeo, la cui musica era stata composta dal prolifico compositore tedesco Joachim Heider e il testo è del paroliere ed ex presentatore radiofonico tedesco Joachim Relin. Altre informazioni sull'originale e sul cantante italo-austriaco Christian Anders nelel Note alla lista 2.

La casa degli angeli (1971)

Caterina Caselli

I am, I Said

Neil Diamond

Versione italiana ancora una volta di fantasia. In particolare, gli unici angeli nella versione originale americana sono quelli nel nome della città californiana, contrapposta a New York.

Per chi (1972)

Caterina Caselli

Without You (1972)

Harry Nilsson

Un successo internazionale di Harry Nilsson cover di un brano composto due anni prima dal gruppo inglese The Badfingers, proposto in italiano anche da Dorelli e dai Gens (con maggiore fortuna per questi ultimi). Pubblicato dalla Caselli nel suo album omonimo del 1972, che conteneva numerose cover del periodo, azzardando anche scelte insolite. Cover elencate nel seguito.

Com'è buia la città (1972) Caterina Caselli Ain't No Sunshine (1971) Bill Withers Una convincente interpretazione del classico del soul (allora però sconosciuto da noi), presentata anche alla trasmissione televisiva Teatro 10 di quell'anno. Pubblicata anche come singolo dell'album. Primo singolo per Bill Withers, autore del brano, e grande successo nel 1971 in USA.
L'uomo del paradiso (1972) Caterina Caselli Lady in Black (1971) Uriah Heep Anche una incursione nel nascente heavy metal per la Caselli nel suo secondo periodo. L'originale è una bella ballata contenuta nel secondo album della band inglese, Salisbury.
Il silenzio vale più delle parole (1972) Caterina Caselli We Have All The Time in the World (1971) Louis Armstrong Meno convincente la interpretazione della Caselli del brano di addio di Armstrong, tratto dalla colonna sonora del film "007 Al servizio segreto di sua Maestà".
Triste amore (1972) Caterina Caselli Sad Lisa (1970) Cat Stevens Una ottima interpretazione della bella e classica canzone di Cat Stevens.
Lady Eleonora (1972) Caterina Caselli Lady Eleanor (1970) Lindisfarne Anche un assaggio del folk-rock più semplificato degli inglesi Lindisfarne per la scaletta di questo album della Caselli.
Tu sei mio padre (1972) Caterina Caselli Nachts scheint die sonne (1971) Michael Holm Il titolo tedesco sarebbe "Di notte appare il sole", probabile versione libera, ma gradevole, da parte della Caselli. Un brano molto ritmato, quasi disco, un poco fuori registro rispetto agli altri della scaletta (vedi la discografia e gli album della Caselli).

Quelli della mia età (1963)

Catherine Spaak

Tout le garçons et le filles

Françoise Hardy

Cover in italiano del grande successo internazionale della deliziosa e allora giovanissima cantautrice francese, che per la prima volta metteva in primo piano i sentimenti di una adolescente e la sua difficoltà a confrontarsi con gli altri. Versione italiana di Pallavicini, una volta tanto veramente fedele all'originale.
La versione italiana non poteva essere affidata ad una interprete più azzeccata, la giovanissima Catherine Spaak, attrice e interprete proprio delle nuove ragazze degli anni '60, spregiudicate e dolci, e con una voce altrettanto esile e delicata (n.3 nel 1963 a settembre, ma dopo che l'originale aveva raggiunto la prima posizione in estate).

Ho scherzato con il cuore (1963)

Catherine Spaak

J'ai jeté mon coeur

Françoise Hardy

Retro della precedente, la scelta cadde su un altro brano della cantautrice francese.

Mes amis, mes copains (1966)

Catherine Spaak

Mes amis, mes copains (1966)

Annie Phillipe

Annie Phillipe era un'altra giovanissima cantante francese che, sull'onda del successo di Françoise Hardy (o di Rita Pavone in Italia), si rivolgeva in via  preferenziale agli adolescenti.

Non hai pietà

Cavernicoli

Pretty Flamingo

Manfred Mann


Se vuoi restare sola

Cavernicoli

Summer In The City (1966)

Lovin' Spoonful

L'originale del gruppo di John Sebastian è stato uno dei grandi successi della "summer of love" californiana. La versione italiana diventa una storia di ripicche tra lui e lei, chissà che fine hanno fatto l'estate, la città e i rumori del traffico del celebre brano di partenza.

Nel solaio dei tuoi sogni (1966) Chiodi A Little You (1965) Freddy & The Dreamers I Chiodi sono un gruppo di Bergamo con all'attivo una intensa attività discografica e concertistica iniziata sin dai primi anni '60 (vedi la scheda). In questo loro terzo singolo la prima cover, adattamento di Amenni (Antonio Melillo) di un brano beat del gruppo di Manchester Freddie & The Dreamers (#26 UK), autore Gordon Mills, singolo Columbia DB 7526. L'originale è stato a lungo introvabile perché in alcune emissioni del disco e anche nel DB della Discoteca di stato era indicato un inesistente On the Rooftop of Your Mind, che invece è la traduzione del titolo italiano. Forse non riuscivano più a ritrovare l'originale neanche loro e hanno risolto così.

Accendi una stella (1967)

Chiodi

I'm a Believer

Monkees

Versione alternativa a quella ben più nota di Caterina Caselli (Sono bugiarda). Testo del paroliere Pace, piuttosto lontano dall'originale, a differenza di quello adottato dalla Caselli. Il singolo dei Chiodi è uscito comunque 3 mesi dopo il disco della cantante modenese.

Mai mi fermerò (1967)

Chiodi

Homeward Bound

Simon & Garfunkel

Pubblicata sul retro (o sul lato A, la intenzione della casa discografica non era chiara) del singolo precedente.

Ti devi lavare il cervello (1967)

Chiodi

Step Out of Your Mind (1967)

American Breed

Un originale quasi sconosciuto. Si trattava di un minor-hit del gruppo USA The American Breed, di Chicago, che raggiunse la top-10 USA nel '68 con un altro brano, Bend Me, Shape Me.

Il mondo così non va (1967) Chiodi Times Are Gonna Be Different (1966) The Loading Zone Sul lato B del singolo precedente era incisa la cover di un altro brano USA non facilmente individuabile. The Loading Zone erano un gruppo R&B con ascendenze jazz attivo in California nel '67, abbastanza noto da aprire i concerti dei Big Brother, il primo gruppo che accompagnava Janis Joplin, e dei Cream al Fillmore West. Il leader del gruppo Paul Faverso aveva indirizzato progressivamente il sound verso la psichedelia ottenendo un contratto con la RCA nel 1968, e aggiungendo come front-woman la cantante Linda Tillery. Il loro esordio su LP è del 1968 e compare in scaletta questo brano, attribuito da diverse fonti come l' originale per la versione dei Chiodi, ma incoerente per data. Questo brano era però uscito anche in precedenza su un singolo 45 giri del 1966, etichetta Columbia n.cat. 4-43938, retro "I Couldn't Care", arrivato non si sa come negli ambienti della Losiérès, la casa discografica dei Chiodi.
Arcobaleno Silvio Rossi e i Chiodi (Somewhere) Over the Rainbow Judy Garland I Chiodi con il front-man Silvio Rossi hanno inciso anche una cover del celeberrimo brano, tema conduttore del film Il Mago di Oz.

Per niente al mondo (1969)

Chriss & The Stroke

Golden Slumbers

Beatles

Gruppo, presumibilmente italiano, ma Chriss dalla voce sembra straniero, di 9 elementi con potente sezione fiati (utilizzata anche in alcune incisioni di Battisti, come Dieci ragazze) impegnato in una efficace versione funky di due successi dei Beatles (da Abbey Road e dal White Album).
Torno in Russia (1969) Chriss & The Stroke Back in the USSR Beatles Retro del disco precedente, pubblicato dalla Durium (Ida 7658)
Aline (1965) Christophe Aline (1965) Christophe Christophe, alias Daniel-Georges-Jacq Bevilacqua, è un cantante e autore francese di origini italiane che ha avuto un buon successo in Francia negli anni '60 e che ha proposto una gran parte della sua produzione anche in Italia, con numerosi singoli tra cui 15 auto-cover, anche da noi con discreto successo, Per il suo primo successo Aline la versione italiana era di Herbert Pagani, su singolo 45 giri, Disc’AZ-J 35086, pubblicato nel 1965. Versione francese di Christophe su  singolo 45 giri, Disc’AZ– J 35078, pubblicato sempre nel 1965.
Non ti amo più (1965) Christophe Je ne t’aime plus (1965) Christophe Versione italiana di Alberto Testa e Herbert Pagani,lato B del singolo45giri “Aline (it)”,Disc’AZ-J35086,pubblicato nel 1965. Versione francese di Christophe, lato B del singolo 45 giri “Aline (fr)”, Disc’AZ – J 35078,pubblicato nel 1965.
Le marionette (1966) Christophe Les marionettes (1965) Christophe Versione italiana di Herbert Pagani, singolo 45 giri, Disc’Az – J 35101, pubblicato nel 1966. Versione francese di Christophe, Disc’AZ – 35090, pubblicato nel 1965.
Sei cambiata (1966) Christophe Tu n’est plus comme avant (1965) Christophe Versione italiana di Herbert Pagani, lato B del singolo 45 giri “Le Marionette”, Disc’Az – J 35101, pubblicato nel 1966. Versione francese di Christophe e Albert Raisner, Disc’AZ – 35090, pubblicato nel 1965.
Christina (1966) Christophe Christina (1966) Christophe Versione italiana di Herbert Pagani, singolo 45 giri, Disc’Az/Vogue – J 35116, pubblicato nel 1966. Versione francese di Christophe, lato B/2 del 45 giri EP “Excusez-moi Mr le professeur”, Disc’AZ – EP 1036, pubblicato nel 1966.
Dimmi si, dimmi no (1966) Christophe Pour un oui (1966) Christophe Versione italiana di Herbert Pagani, retro del 45 giri “Christina”, Disc’Az/Vogue – J 35116, pubblicato nel 1966. Versione francese di Ralph Bernet e Danyel Gérard, lato B/1 del 45 giri EP “Excusez-moi Mr le professeur”, Disc’AZ – EP 1036, pubblicato nel 1966.
Estate senza te (1967) Christophe J’ai entendu la mer (1966) Christophe Canzone che partecipò a Canzonissima / Partitissima del 1967/68, versione italiana di Herbert Pagani, singolo 45 giri, Disc’AZ- J 35141, pubblicato nel 1967.Versione francese di Christophe, singolo 45 giri EP, Disc’AZ-EP1055, pubblicato nel 1966.
Io sono qui (1967) Christophe J’ai remarché (1965) Christophe Versione italiana di Herbert Pagani,lato B del singolo 45 giri “Estate senza te” Disc’AZ-J35141,pubblicato nel 1967. Versione francese di Christophe, lato B/2 del 45 giri EP “Je chante pour un ami”,Disc’AZ–EP1018, pubblicato nel 1965.
Io prego, e pregherò (1967) Christophe Je sais que c’est l’eté (1967) Christophe Versione italiana di Herbert Pagani, singolo 45 giri, Rare / Barclay, (distribuz. RIFI) SIF NP 77501, pubblicato nel 1967. Versione francese di Jean Albertini e Christophe, singolo 45 giri EP, Barclay - 71191, pubblicato nel 1967.
Occhi blu (1967) Christophe Coup de Fouet (1967) Christophe Versione italiana di Herbert Pagani, lato B del singolo 45 giri “Io prego, e pregherò”, Rare / Barclay, (distribuz. RIFI) SIF NP 77501, pubblicato nel 1967. Versione francese di Christophe e Jacques Plante, lato B/1 del singolo 45 giri EP “Je sais que c’est l’eté “, Barclay - 71191, pubblicato nel 1967.
Gli occhi del cuore (1969) Christophe Amour interdit (1968) Christophe Versione italiana di Daiano (Claudio Fontana), lato B del singolo 45 giri ”Gelsomina”, Rare/Barclay-RAR NP 77530, pubblicato nel 1969. Versione francese: musica e testo di Christophe, singolo 45 giri EP, Barclay – 71230, pubblicato nel 1968.
Sei mia (1970) Christophe The Girl From Salina (1970) Christophe Ripresa anche da Nada con “Sei Mio” che la registrò nel suo LP 33 giri “Io l’ho fatto per amore” del 1970, con testo italiano di Paolo Dossena. Altro singolo 45 giri registrato da Christophe per il mercato italiano su etichetta Delta Italiana di proprietà del musicista, paroliere e produttore discografico Paolo Dossena, numero di catalogo ZD-50075, pubblicato nel 1970. L’originale fa parte della colonna sonora del film franco-italo-americano “La route de Salina” del 1970, diretto da Georges Lautner, in Italia uscì col titolo “Quando il sole scotta” e in USA “Road to Salina”. Nel retro del disco c’è la versione strumentale intitolata “Sunny road to Salina”. Testo e musiche di Christophe. Disco: singolo 45 giri, etichetta Les Disques Motor (di proprietà dello stesso artista francese), numero di catalogo di catalogo MT 4001, pubblicato nel 1970.
Io non ne parlo mai (1971) Christophe La petite fille du 3eme (1970) Christophe Singolo 45 giri, etichetta EMI italiana/Columbia, numero di catalogo – 3C 006 9255, pubblicato nel 1971, versione italiana scritta da Ettore Lombardi. Versione francese di Gilles Thibaut e Christophe, singolo 45 giri, etichetta Les Disques Motors, numero di catalogo MT 4002, pubblicato nel 1970.
Madre, sei la sola (1971) Christophe Mére, tu es la seule (1970) Christophe Retro del precedente singolo 45 giri “Io non ne parlo mai”, la versione italiana è di Nino Tristano Versione francese di Georges Aber e Jean-Guy Ruff, composta ed eseguita da Christophe, lato B del singolo 45 giri, etichetta Les Disques Motors, numero di catalogo MT 4002, pubblicato nel 1970.
Adesso si,domani no (1977) Christophe Oh! Mon amour (1972) Christophe Versione italiana di Cristiano Malgioglio, singolo 45 giri, Baby Records – BR 034, pubblicato nel 1977. Versione francese di Michaele (Jaqueline Misrahi), Olivier Toussaint e Paul de Senneville, singolo 45 giri, Les Disques Motors – MT 4024, pubblicato nel 1972.
La fine di un amore (1977) Christophe Petite fille du soleil (1975) Christophe Versione italiana di Cristiano Malgioglio, lato B del singolo 45 giri “Adesso si,domani no”, Baby Records – BR 034, pubblicato nel 1977. Versione francese di Christophe, Singolo 45 giri, Les Disques Motors – MT 4073, pubblicato nel 1975.

M’innamoro    (1967)

Cilla Black

Step Inside Love  (1967)

Cilla Black

Una canzone scritta da Paul McCartney per Cilla Black, come la copertina della versione italiana non manca di far notare. I Beatles conoscevano Cilla Black sin dai primi anni '60 perché faceva la cameriera e occasionalmente cantava nel celebre Cavern Club di Liverpool. Grazie anche alla loro amicizia nel 1964 incominciò una brillante carriera come cantante pop avendo come produttore lo stesso Brian Epstein e potendo contare anche su alcune canzoni scritte per lei dagli stessi Lennon e McCartney. Versione italiana per la autocover della Vlack del solito onnipresente Mogol, singolo Ricordi International SIR 20.080.

Io ho in mente te Cinque dell'88 You Were On My Mind We Five Altra versione rispetto a quella notissima dell'Equipe 84. I 5 dell'88 (o Cinque dell'88) erano un gruppo abruzzese, di Sulmona.

Nel mio cuore è nato un fiore (1968)

Cinque Monelli

We Will Be There (1967)

After Tea

Singolo 45 CAR-Juke Box -CRJNP 1034, pubblicato nel 1968. L’originale del gruppo olandese After Tea,  venne composto e scritto dall’organista Hans Van Eijck e dal chitarrista Ray Fenwick , facenti parte dello stesso gruppo, il loro brano venne registrato come singolo 45 giri alla Decca Records, numero di catalogo: AT 10 299, pubblicato il 18 dicembre del 1967.

Dubi dubi (1963) Claude François Language Of Love (1961) John D. Loudermilk Singolo 45 giri, etichetta Philips - BF 373 285, pubblicato nel 1963, testo italiano di Alberico Gentile. Il brano e il testo originale erano stati scritti ed eseguiti dal prolifico cantautore statunitense John D. Loudermilk, noto anche con lo pseudonimo Johnny Dee. Questo suo singolo è stato un relativo successo, #32 della classifica Billboard hot 100 in novembre del 1961 e #13 della UK singles chart di gennaio 1962. Disco originale: singolo 45 giri RCA - 47-7938.
Diglielo (1963) Claude François Tell Her (1962) Gil Hamilton Retro del precedente singolo "Dubi dubi", testo italiano di Ettore Carrera e Mario Panzeri (dati SIAE). Claude François si cimentò con questo brano, sempre nel 1963 in Francia, col titolo "Dis Lui", già cover dell'originale "Tell Her", scritta e composta dal cantautore statunitense Bert Russell, pseudonimo di (Bertrand Russell Berns). In origine la canzone "Tell Her" fu registrata dal cantante R&B e Soul afro-americano Gil Hamlton, noto anche con lo pseudonimo di Johnny Thunder, famoso per la breve collaborazione con The Drifters di Clyde McPhatter e come cantante di supporto per Dionne Warwick e altri. Il suo disco è un singolo 45 giri, Capitol Records-4766, pubblicato a maggio del 1962. Cover notevole e di grande successo è da segnalare quella del gruppo vocale pop afro-americano The Exciters, composto da tre donne ed un uomo. La loro versione fu registrata col titolo volto al maschile "Tell Him", una hit da # 4 della Hot 100 e # 5 della R&B sempre della classifica Billboard in dicembre del 1962.
Dai Patata (1964) Claude François Do The Mashed Potatoes (1960) Nat Kendrick and The Swans Singolo 45 giri, etichetta Philips, numero di catalogo: BF 373284, pubblicato in Italia nel 1964, il testo italiano è di Giorgio Calabrese, che lo intitola scherzosamente "Dai Patata", lungi dalla traduzione in italiano che è (Fare il purè di patate). Sul disco di Claude François è dichiarata la cover di "Hey Potatoes!" ma viene omesso il compositore originale, mentre i crediti per la musica vengono assegnati ad un certo Billy Nash, che è lo pseudonimo del compositore francese Marcel Pomes Pedabadie. Claude François, prima della versione italiana, ne registrò un'altra in inglese su 45 EP, Fontana-460.841ME del 1962 e nonostante la citazione del titolo originale "Mashed Potatoes", anche qui viene omesso il compositore originale. La musica era stata composta da Dessie Rozier, unico caso dove questo pseudonimo è stato usato per firmare un brano musicale dal grande (Padrino del Soul) James Brown. Suo è anche lo pseudonimo Nat Kendrick, che usò come esecutore e nel disco lo si sente enunciare una frase urlata ogni fine giro armonico, una sua tipica caratteristica, che dà la carica all'esecuzione strumentale. Questa era eseguita dal gruppo R&B-Soul denominato "Nat Kendrick and The Swans". Un particolare curioso: James Brown, si limitò in questa registrazione al solo parlato perché non poteva cantare per un'altra etichetta, onde evitare noie legali con la propria King Records. Il brano originale, sul disco è articolato in "Part 1" per il lato A e "Part 2" per il lato B, su 45 giri Dade Records, numero di catalogo: 1804, pubblicato nel 1960.
Le ragazze vogliono amor (1964) Claude François Made To Love (1960) Everly Brothers Lato B del precedente singolo 45 giri "Dai patata", il testo italiano, che si accosta molto all'originale, era stato scritto da Biri (Ornella Ferrari). L'originale è stata scritta e composta da Phil Everly, il fratello minore di Don Isaac Everly, del famoso duo country-rock statunitense "Everly Brothers". Il loro brano, guida la track list dell LP "A Date With The Everly Brothers", etichetta Warner Bros. Records, numero di catalogo: W 1395, pubblicato nel 1960. Una curiosità che può condurre a una svista, perché oltre al titolo originale "Made To Love", la stessa canzone esiste con il titolo alternativo, depositato ufficialmente come "Girls girls girls" (dati BMI). Claude François aveva già interpretato questa canzone adattando lui stesso il testo in francese, col titolo "Belles belles belles" nel 1962, che è anche il suo primo successo francese.
Povera stella (1964) Claude François Pauvre petite fille riche (1963) Claude François Testo italiano di Giorgio Calabrese, è un singolo 45 giri registrato per la Philips col numero di catalogo: BF 373.422, pubblicato nel 1964. L'originale è stata coscritta dal compositore e paroliere francese Hubert Giraud in collaborazione con Claude François. Disco originale; lato B/2 del singolo 45 giri EP "Si tu veux être heureux", registrato per la Philips, col numero; 432.864 BE, pubblicato nel 1963.
Dammi un bacio ma dammelo (1964) Claude François Petite mèche de cheveux (1964) Claude François Retro del precedente singolo 45 giri "Povera Stella", testo italiano di Vito Pallavicini. L'originale era stata scritta e composta da Claude François, coadiuvato nell'arrangiamento e nella direzione orchestrale dal pianista jazz francese Kenneth Chambers, pseudonimo di Christian Chevallier. Disco originale: lato B/1 del singolo 45 giri EP "Maman Chérie", registrato per la Philips, serie Medium, numero di catalogo: 434 863 BE, pubblicato nel 1964.
Non è più casa mia (1967) Claude François Même si tu revenais (1965) Claude François Singolo 45 giri promo, Philips - 373 951 BF, pubblicato nel 1967. Questa versione italiana fu registrata lo stesso anno anche da Orietta Berti e Dalida col titolo modificato "Non è casa mia", entrambi col testo scritto da Herbert Pagani e si tratta di un altro adattamento in italiano di un successo francese di Claude François. La sua "Même si tu revenais" fu scritta dallo stesso artista in collaborazione con Andre-Jacques Chaumelle e composta da Bernard Kesslair, nome d'arte di Jean Cohen. Disco originale; singolo 45 giri EP, Philips - 437 118 BE, pubblicato nel 1965.
Quanto male (1967) Claude François Je sais (1964) Claude François Retro del 45 giri "Non è più casa mia", testo italiano di Luciano Beretta . L'originale era stata scritta dal noto paroliere francese Buggy Vline e composta da Claude François in collaborazione col compositore, pianista e direttore d'orchestra francese Gerard-Maurice Gustin (dati SACEM). Il testo inquieto, che racconta di due innamorati che si lasciano, pare che sia stato scritto su suggerimento dello stesso interprete Claude François, allora in crisi amorosa sentimentale con la sua giovane moglie, la ballerina inglese Janet Woolcoot, che sposò nel 1960 e inevitabilmente dopo questo disco, nel 1968, i due divorziarono. Altro fatto analogo capitò per la stesura del testo della sua canzone più famosa "Comme D'Habitude", scritta per la allora sua (fiamma), la cantante francese France Gall, con la quale si accingeva a rompere il rapporto sentimentale. Disco originale: lato B/1 del singolo 45 giri EP "Donna Donna", Philips - 434.964 BE, pubblicato nel 1964.
Se torni tu (1968) Claude François Mais quand le matin (1967) Claude François Un successo francese del 1967 che Claude François bissò anche in Italia, proprio con la sua versione "Se torni tu", la quale stazionò per tre settimane nella top ten, con punta massima al #6 dal 28 settembre al 12 ottobre 1968. Testo italiano di Herbert Pagani, disco: singolo 45 giri, etichetta Disques Flèche, numero di catalogo: SIF NP 78001, pubblicato nel 1968. L'originale è stata coscritta da: Gilles Thibault ed Eric Charden per Claude François (dati SACEM). Questo brano originale ebbe un significativo successo, testato dalla Hit Parade francese, dove risulta al #4 posto tra i dischi più venduti nel 1967 su i 170 in lista. Disco originale: singolo 45 giri EP a quattro tracce, etichetta Philips, numero di catalogo: 437.357 BE, pubblicato in giugno del 1967.
Come sempre (1968) Claude François Comme D'habitude (1967) Claude François Auto cover di un successo dell'artista francese, che lo ripresentò anche da noi cantato in italiano col testo scritto da Andrea Lo Vecchio. Un brano noto in tutto il mondo per la versione del 1969 di Frank Sinatra, adattato per lui in inglese da Paul Anka, il suo immortale cavallo di battaglia "My Way". La versione italiana pre-Sinatra è contenuta nel lato B del singolo 45 giri precedente "Se torni tu". Gli autori dell'originale sono Jacques Revaux e Claude François per la musica e Gilles Thibault per il testo (dati SACEM). Disco originale: singolo 45 giri SP a tre tracce, etichetta Disques Fléche/Philips, numero di catalogo: 424 550 BE, pubblicato in novembre del 1967.
... E la musica suonava (1969) Claude François Un monde de musique (1969) Claude François Testo italiano di Daiano (Claudio Fontana). Altro singolo 45 giri prodotto dallo stesso artista francese per la propria etichetta Disques Flèche, numero di catalogo: FLC/NP 78009, pubblicato nel 1969. La canzone originale è stata scritta dal cantautore e compositore francese Ralph Bernet, noto per aver collaborato con Johnny Hallyday. L'autore francese scrisse diverse canzoni per il citato rocker, oltre ad averne composto e scritto per se e per altri cantanti noti francesi come in questo caso con Claude François e a quest'ultimo si devono la composizione musicale e l'esecuzione del brano in questione. Disco originale: singolo 45 giri EP, etichetta Disques Flèche/Philips, numero di catalogo: 424.557 BE, pubblicato nel 1969.
Sono qualcuno (1969) Claude François Show me (1967) Joe Tex Principalmente è stata una cover in francese eseguita da Claude François, col titolo "Cherche" del (1969). Mentre la sua versione italiana è stata registrata come singolo 45 giri, inciso anche questo per la sua stessa casa discografica Disques Flèche, col numero di catalogo: SIF NP 78007, pubblicato in Italia nel 1969, il testo italiano era di Bruno Pallesi e Luigi Ingrosso. L'originale è un R&B, composto ed eseguito da un altro grande interprete di musica soul: Joe Tex, pseudonimo di Joseph Arrington Jr., cantautore afro-americano nativo del Texas, scoperto dall'editore e produttore della Dial: Buddy Killen, etichetta nata a New Orleans, a quanto pare proprio per lanciare la sua più grande scoperta, appunto (Joe Tex). Il suo è un singolo 45 giri, registrato per la nascente etichetta statunitense Dial, numero di catalogo: 4055, pubblicato nel 1967.
Ma se vuoi (1969) Claude François Aussi loin (1968) Claude François Retro del 45 giri precedente "Sono qualcuno", il testo italiano è stato scritto dalla giornalista Annarita Torsello, nota per essere stata la seconda moglie di Mike Buongiorno, la quale si dilettò anche alla scrittura di qualche canzone, la più nota è "Il Rischio" del 1970, usata come sigla della trasmissione TV "Rischiatutto", che venne cantata da George Moustaki. L'originale è stata scritta dal paroliere francese, autore della hit "Comme D'Habtude" Gilles Thibaut e Claude François e composta da Reginald Guest e Claude François. Disco originale: lato B del singolo 45 giri "Jacques a dit", adattamento francese di Simon Says, etichetta Disques Flèche, numero di catalogo: 370 852, pubblicato nel 1968.
Prendi prendi (1969) Claude François Bend me, Shape me (1967) The Outsiders Brano già proposto in ottobre del 1967 da Gianni Morandi e in tempi successivi interpretato in francese da Claude François, col titolo "Serre moi, griffe moi" nel 1969, stesso anno di questa auto-cover italiana. Ancora un singolo 45 giri registrato da François per la Disques Flèche, numero di catalogo: SIF/NP 78003, pubblicato nel 1969, testo italiano di Sergio Bardotti. Nel video, che si può trovare su YouTube, si può vedere Claude Françoise impegnato in una coreografia molto efficace assieme alle sue Claudettes. Il brano originale era coscritto dagli statunitensi Laurence (Larry) Weiss e Scott English (Sheldon David English) per il gruppo rock statunitense The Outsiders (ex The Starfires), attivi per un breve periodo, dal 1965 al 1968, da non confondere con gli omonimi, Outsiders inglesi o olandesi. Il loro brano è contenuto nel LP 33 giri "In", registrato per la Capitol Records, numero di catalogo T 2636, pubblicato in gennaio del 1967. Da segnalare le cover successive di un altro gruppo USA, "The American Breed" che ha riportato la canzone al successo, # 5 della Hot 100 Billboard in dicembre 1967 e quelle del gruppo gallese Amen Corner, gli stessi che portarono al successo la versione inglese de "Il Paradiso" con una versione che arrivò al # 3 della UK Singles Chart a gennaio del 1968.
Eloise (1969) Claude François Eloise (1968) Barry Ryan Singolo 45 giri, etichetta Disques Flèche, numero di catalogo SIF NP 78005, testo italiano di Giuseppe Cassia e Sergio Tocci. Canzone proposta in precedenza in versione francese da Claude François nello stesso anno dell'originale di Barry Ryan, che per lui hit da # 2 nella UK Singles Chart, ma anche #1 della classifica NME (New Musical Express), noto giornale britannico e primo ad aver curato ed incluso tra le sue pagine una classifica dei singoli già dal 1952, testata che risulta ancora attiva in UK. Brano scritto da Paul Ryan, fratello gemello di Barry. Il disco originale è un singolo 45 giri, etichetta MGM Records, numero di catalogo MGM 1442.
Sulle labbra, nel cuore (1969) Claude François Avec la tête, avec le coeur (1968) Claude François Retro del precedente singolo 45 giri "Eloise", testo italiano di Annarita Torsello. L'originale è una canzone autobiografica, così come diverse altre del repertorio di Claude François, che qui racconta di quando era ancora un ragazzino di diciassette anni, e la sua famiglia, insieme a tante altre famiglie francesi, ma anche inglesi, per effetto della guerra del Sinai e del canale di Suez, la cosiddetta "crisi di Suez" (1956/57), venne costretta ad abbandonare l'Egitto, dove il padre, francese di origine, lavorava al controllo del traffico del Canale di Suez e, insieme alla madre, calabrese di origine, scelsero di stabilirsi prima nel Principato di Monaco e dopo in Costa Azzurra, dove il giovane Claude iniziò la sua brillante e intensa, seppur breve, carriera, durata solo sedici anni. Gli autori del testo originale sono Vline Buggy e Yves Dessca e la musica è di Claude François e Jean-Pierre Burtayre. Singolo 45 giri EP, etichetta Philips/Disques Flèche, numero di catalogo: 424.553 BE.
Ciao, non sarà un addio (1970) Claude François C'est un départ (1970) Claude François Dopo l'introduzione al brano, la strofa che segue riprende la melodia e i versi del "Valzer delle candele", a sua volta cover del noto brano tradizionale scozzese "Auld Lang Syne", per il resto, la musica è una composizione originale francese. Nei due dischi, quello francese e quello italiano, nessun riferimento al citato brano tradizionale e i crediti sono solo per autori italiani e francesi. Singolo 45 giri Delta Italiana - ZD 50073, pubblicato nel 1970, testo italiano di Franca Evangelisti e Paolo Dossena. L'originale era stata scritta ed eseguita da Claude François e composta da Yves Dessca e Jean-Pierre Bourtayre (dati SACEM). Disco originale: lato B del singolo 45 giri "Le monde est grand, les gens sont beaux", Disques Flèche/Philips - 6061.151, pubblicato nel 1970.
Come l'acqua, come il vento (1970) Claude François C'est de l'eau, c'est du vent (1970) Claude François Retro del precedente singolo 45 giri "Ciao, non sarà un addio", testo italiano di Franca Evangelisti e Paolo Dossena. L'originale era stata scritta dal noto paroliere francese Pierre Delanoë e composta dalla cantante e compositrice francese Alice Donadel, nota anche come Alice Dona. Disco originale: singolo 45 giri Disques Fléche/Philips - 6061.150.
Quello che ti dico (1964) Claudia Mori The Loco-Motion (1962) Little Eva Una volta scalzata Milena Cantù come "ragazza del Clan" anche Claudia Mori ha inciso alcuni singoli da sola, come questa riuscita cover della celebre The Locomotion (#1 USA nel 1962) scritta da Carole King e Gerry Goffin.
Stringimi a te (1974) Claudia Mori Everything's Alright (1971) Yvonne Elliman Un brano interpretato principalmente da Maria Maddalena (Yvonne Elliman era l'attrice che la interpretava) nell'opera rock Jesus Christ Superstar composta da Andrew Lloyd Webber su testi di Tim Rice, prima rappresentazione a Pittsbourgh (Pennsylvania) l’11 luglio 1971 e a Broadway, Mark Hellinger Theatre il 12 ottobre 1971. L’intera opera era stata pubblicata ancor prima dell’esordio in teatro il 16.10.1970 su doppio LP alla MCA (MKPS 2011-2012). Testo italiano di Beretta e Del Prete, del tutto indifferenti all'originale che narrava un momento cruciale del Vangelo con un contrastato dialogo tra Maria Maddalena, Giuda Iscariota e Gesù Cristo. Questo crimine musicale, secondo solo alla celebre Superstar dei Flora Fauna e Cemento, era stato registrato su 45 giri e poi incautamente pubblicato su etichetta Clan con numero di catalogo CLN 2443.
Per ognuno c’è qualcuno (1966) Claudio Lippi Everybody Loves Somebody (1947) Peggy Lee Il futuro presentatore televisivo e per un breve periodo leader della Pattuglia azzurra impegnato in una cover di un celebre brano scritto da Irving Taylor e Ken Lane interpretato, dopo la cantante jazz Peggy Lee, da Frank Sinatra nel 1948 e poi da almeno altri 59 cantanti.
Il brano originale era stato .
La lettera (1966)Claudio Lippi The Letter (1958)Don & Dewey Singolo 45 giri Bluebell Record - BB. 03159, pubblicato nel 1966, testo italiano di Federico Monti Arduini. L'originale era stata scritta e composta dal duo R&R e R&B statunitense Dewey Terry e Don Harris, noti come Don & Dewey. La fortuna di questo straordinario duo si deve soprattutto alle interpretazioni delle loro canzoni da parte di altri famosi artisti, un ritorno gratificante in termini economici, visti i loro risultati. Erano anche degli ottimi polistrumentisti, spesso richiesti in sala di registrazione per cantanti come Little Richard e Frank Zappa. Questo brano era stato registrato nel 1965 anche dalla coppia Sonny & Cher, con Sonny Bono allora impegnato a produrre diversi brani del duo Don & Dewey. Disco originale 45 giri Specialty - 639.
Sì Maria (1967)Claudio Lippi Sweet Maria (1967) Steve Lawrence Singolo Bluebell Record - BB 3178, testo italiano di Mirella Gamacchio, nota principalmente per aver scritto la versione italiana di "Yummy Yummy Yummy" del 1968 degli Ohio Express, versione ripresa anche dallo stesso gruppo statunitense, oltre che da I Ribelli. L'originale è basato su una composizione strumentale del 1966 per orchestra, dei tedeschi Bert Kaempfert e Rehbein dal titolo "Milica", (nome proprio femminile, molto popolare nei paesi slavi), in seguito utilizzata per la canzone intitolata Sweet Maria, con testo di Milton Gabler ed eseguita da Steve Lawrence (Sydney Leibowitz) e pubblicata su singolo 45 giri Columbia - 4-44084. La canzone è stata proposta in tedesco "So Wie Es Früher Einmal War" dal cantante slavo Ivo Robić e in francese (Maria, souviens-toi) da Mirelle Mathieu, e in italiano appunto dal futuro presentatore. Il brano strumentale era pubblicato sul LP di Bert Kaempfert "Strangers In The Night" Polydor - 184 053.
Il nostro giorno (1967)Claudio Lippi The More I See You (1945)Dick Haymes Retro del singolo 45 giri "Maria Maria", Bluebell Records - 03162, pubblicato nel 1967, testo italiano di Fausto Cigliano, Ermanno Parazzini e Ettore Carrera (dati SIAE). L'originale era stata coscritta dallo statunitense Mack Gordon, nome d'arte di Morris Gittler, insieme all'italo-americano Harry Warren, nome d'arte di Salvatore Antonio Guaragna. La prima interpretazione era dell'attore e cantante statunitense di origine argentina Richard Benjamin "Dick" Haymes, protagonista nel film musicale statunitense "Billy Rose's Diamond Horseshoe" del 1945, diretto da George Seaton. Dick Haymes, era molto noto nei circuiti radio negli anni 40, grazie a Frank Sinatra che lo volle suo sostituto nella band di Tommy Dorsey, con la quale il grande interprete jazz confidenziale registrò una ottantina di canzoni. Un validissimo sostituto poiché molto dotato tecnicamente, ma ciò che attirò le attenzioni del pubblico era la sua voce baritonale calda e piacevole. Tra i sei matrimoni da lui contratti, emerge anche quello con l'attrice Rita Hayworth (1953-1955). Questa canzone è stata una hit da #7 della classifica hot 100 Billboard in giugno del 1945. Disco originale: singolo 78 giri Decca - 18662.
Scusa (1969)Claudio Lippi Oh Why (1959)The Teddy Bears Retro del 45 giri "Supersabato" - RCA Milano M 1, testo italiano di Guido Lamberti, per un breve periodo attivo nel Clan Celentano con lo pseudonimo "Ugolino". Il testo e la musica originale sono di Harvey Philip "Phil" Spector, il notissimo produttore e musicista, con il suo gruppo vocale The Teddy Bears, attivo un solo anno (1958/59). Gli altri membri erano Marshall Lieb, Harvey Goldstein e Annette Kleinbard. Disco originale: singolo 45 giri EP Polydor - 27 705.

Soldato universale (1967)

Claus

Universal Soldier (1965)

Buffy Saint-Marie

Versione italiana (fedele) del celebre brano di protesta anti-militarista idi Buffy Saint-Marie celebre soprattutto nella interpretazione del cantante folk scozzese del 1967. Testo italiano di Herbert Pagani.

San Francisco (1966) Claus San Francisco (1966) Scott McKenzie Versione italiana anche dai Claus, che si affianca a quella più nota di Bobby Solo. Testo italiano di Mogol. Bluebell Record ‎– MINI 2008.
Colori (1966) Claus Colours (1965) Donovan Sul lato B altra cover da Donovan. Testo italiano di Herbert Pagani. Usata come lato B per entrambe le cover da Donovan,
Non l’ascoltare (1965) Cliff Richard Don’t Talk To Him (1963) Cliff Richard Cover del singolo registrato da Cliff Richard and The Shadows per la EMI Columbia e pubblicato con n.cat. DB 7150 nel novembre 1963. Testo italiano di Giuseppe Cassia il singolo italiano è stato pubblicato dalla Columbia con n.cat. SCMQ cat: 1860. Sul lato B la canzone italiana “Per un bacio d’amor”. Cliff Richard era molto interessato al mercato italiano e ha pubblicato molto nrl nostro paese, tuttavia senza grande riscontro di vendite e popolarità. (Vedi la pagina delle Note)
Immagina un giorno (1967) Cliff Richard The Day I Met Marie (1967) Cliff Richard Originale su musica di Hank Marvin, chitarrista del famoso gruppo rock inglese The Shadows, nato come gruppo d’accompagnamento di Cliff Richard, per poi proseguire la carriera in proprio. Originale EMI Columbia DB 8245, 11 agosto 1967. Testo scritto da Vito Pallavicini pubblicato in Italia dalla Columbia con numero di catalogo SCMQ 7075.
Oh, no, no (1967) Cliff Richard I Got The Feeling (1966) Neil Diamond Retro del singolo precedente, la canzone originale era composta, scritta e cantata da Neil Diamond, registrata come singolo 45 giri alla Bang Records, numero di catalogo B-536.
Congratulations (1968) Cliff Richard Congratulations (1968) Cliff Richard Già inserita nell'elenco Le cover dell'Eurofestival (al quale partecipò con successo, edizione UK, arrivando al 2° posto). Testo di Claudio Daiano per la versione italiana ("congratulations, il mondo è tondo ...") pubblicata su singolo Columbia SCMQ 7099. Successo relativo in Italia dove venne quasi preferita la versione di Mario Guarnera.

Non dimenticare chi ti ama (1969)

Cliff Richard

Don't forget to Catch Me (1968)

Cliff Richard

Singolo italiano Columbia SCMQ 7131. L'originale era stato un minor hit in patria per Cliff Richard, #21 UK nel 1968. Versione italiana di Cassia.

Chi lo sa? (1969)

Cliff Richard

On The Beach (1964)

Cliff Richard

Retro del singolo precedente. Era la sigla del programma televisivo Chissà chi lo sa. L'originale era stato un buon successo, #7 UK, inciso ancora assieme a The Shadows.

Me ne andrò domani (1966) Club 76 Heart Full Of Soul Yardbirds Prima incisione per la casa discografica Melody con due cover dagli Yardbirds per i bresciani Club 76 (Franco Pellegrini voce e basso, Pierpaolo Carinci chitarra, Giorgio Moser chitarra ritmica e Giorgio Mirandi batteria). Non distribuito ufficialmente all'epoca.
Ma adesso basta (1966) Club 76 Putty in Your Hands Yardbirds Retro del precedente.

Ti prego resta

Code

Under The Boardwalk

Drifters

L'ultimo successo dei Drifters con ancora Ben E. King nella formazione.

Hush (1968)

Colours

Hush (1968)

Deep Purple

La versione italiana del primo successo internazionale dei futuri inventori dell'hard-rock e padri putativi del metal. I Colours erano la seconda incarnazione del gruppo beat sardo dei Pelati, che avevano provato a lanciare un look troppo in anticipo coi tempi (praticamente erano quattro controfigure del commissario Montalbano).

Un bel sottomarin (1966)   Compagnons de la chanson Yellow Submarine Beatles Singolo 45 giri CBS 2472 (1966) autore testo italiano non noto. D'accordo che non si può considerare un grande risultato per i Beatles, ma come sia venuto in mente ai Compagns di discreta notorietà in Francia di fare questa cover non si capisce, come non si capisce chi potesse avesse interesse a comprarla in Italia. Il mercato era veramente ampio. La prima versione era in francese, dove il sottomarino per ragioni di metrica diventa addirittura verde.

Ragazzo solo, ragazza sola (1970)

Computers

Space Oddity

David Bowie

Vedi le note per la versione del brano proposta dallo stesso David Bowie.

Lei per la vita (1967) Condors Trapped (1966) Los Bravos Primo e unico singolo pubblicato dai Condors, un gruppo della "Verona beat", con la etichetta Tiffany Records di Marino Marini (Tif 521 è il numero di catalogo). La Tiffany pubblicava in Italia anche i singoli del gruppo spagnolo diventato celebre a livello internazionale nel 1966 con Black Is Black e quindi è un caso evidente di sinergia. In particolare Trapped è un singolo successivo a Black Is Black, ma dello stesso anno 1966. Da varie parti in Internet il singolo dei Condors è citato erroneamente come "Lei per la via".
Tu non sai niente (1967) Condors I Want A Name (1966) Los Bravos Sul retro un'altra cover dai Los Bravos. L'originale era proprio il lato B di Black Is Black.

Un ragazzo di strada (1966)

Corvi

I Ain't No Miracle Worker

The Brogues

I Brogues (Rozzi) erano un gruppo psichedelico della prima ora. Il brano è uno dei loro più famosi (assieme a Don't Shoot Me Down) ma non era un successo internazionale. Quindi è stata una scelta oculata dei Corvi, che ne fecero una ottima versione (traduzione come sempre molto libera). Gary Duncan e Greg Elmore dei Brogues (front-man e batterista) fonderanno poi il grande gruppo West-coast Quicksilver Messenger Service

Bang Bang (1966)

Corvi

Bang Bang

Cher

La versione dei Corvi arrivava dopo che la versione della Equipe 84 si era già imposta. Per distinguersi era molto più tirata. Vedi anche la discografia dei Corvi.

I colori (1966)

Corvi

Colours (1965)

Donovan

Decisamente eclettici i Corvi, dalla psichedelia dura dei Brogues alle delicate atmosfere di Donovan. Si trattava comunque di una cover per riempire il loro primo 33 giri. L'originale era uno dei primi successi del cantautore scozzese, pubblicato su singolo nel 1965. Testo italiano di Herbert Pagani.

Voglio finirla...!  (1966) Corvi To Try For The Sun Donovan Altra cover da Donovan. Testo italiano di Coppola, lo stesso di Bang bang. Contenuta anche questa nell'LP dei Corvi "Sono un ragazzo di strada" già citato in precedenza. L'originale era il retro di Colours.
Resterai (1966) Corvi I Don’t Mind (1961) James Brown E’ il lato B/6 della prima edizione del primo LP de I Corvi, la seconda edizione è del 1977, con l’unica differenza che al posto di “Resterai” è stato inserito uno dei brani più famosi del gruppo parmigiano “Sospesa ad un filo”. Disco LP 33 giri, etichetta Ariston, numero di catalogo: 0152/LP, pubblicato nel 1966, il testo italiano è di Manipoli (Alberto Salerno). La canzone originale è stata scritta, composta ed eseguita dal sorprendente “The Godfather of Soul” James Brown, accompagnato dal suo gruppo The Famous Flames, ex Starlighters, col quale esordì nel primi anni ‘50, quando ancora si esibiva con brani Gospel. Difficilmente smentibile per l’auto definizione di “Padrino del Soul”, perché brani di quel genere musicale ne ha composti ed eseguiti moltissimi, dandoci prova della sua grande esperienza e bravura, come lo è stato d'altronde con questo brano. Il suo brano è stato inserito nell’LP 33 giri “The Amazing James Brown and The Famous Flames”, etichetta King Records, numero di catalogo: K 743, pubblicato nel 1961. (Commento di Ignazio Sulis)

Che strano effetto (1968)

Corvi

This Strange Effect

Dave Berry

L'originale era stato scritto da Ray Davies dei Kinks per il cantante confidenziale per teen-agers Dave Berry, già noto per The Crying Game, molto popolare in UK a metà dei sessanta. Mai pubblicata dai Kinks. Testo italiano di Franco Califano e Nisa (Nicola Salerno).

Sospesa ad un filo (1967)

Corvi

I Had Too Much To Dream

Electric Prunes

Altra scelta originale e centrata dei Corvi, caduta questa volta su un gruppo di Los Angeles e sul suo brano di maggiore successo, un ottimo esempio di psichedelia degli inizi.

Bambolina (1968)

Corvi

Any Day Now (1962)

Chuck Johnson 

L'originale era un brano di Burt Bacharach e Bob Hilliard per il cantante soul e pop Chuck Johnson.

Datemi un biglietto d'aereo (1968)

Corvi

The Letter

Box Tops

Efficace versione dei Corvi del successo internazione R&B dei Box Tops, la band del geniale ragazzo prodigio del soul Alex Chilton. The Letter fu il loro primo singolo, primo posto in USA per 4 settimane.

Questo è giusto (1968)

Corvi

Morning Dew (1962)

Bonnie Dobson

Retro del precedente (e molto più interessante). L'originale era un brano scritto nel 1962 dalla cantautrice canadese Bonnie Dobson, ispirato al celebre film del 1959 "On The Beach" (in Italia L'ultima spiaggia, una frase entrata poi nell'uso comune) sulle conseguenze di una guerra atomica. Brano inciso dalla stessa autrice nel 1962 nell'album "Bonnie Dobson At Folk Cirty" (Prestige International ‎– INT 13057) poi portato al successo dal cantante Tim Rose (1966) e anche dal gruppo Episode Six (1967) è ispirata probabilmente a quest'ultima la versione italiana dei Corvi, dello stesso Gianni Ravasini, che cancella l'ambientazione apocalittica e allusiva e trasforma il tutto in una drammatica vicenda individuale. Curiosità: qualcuno ha scritto su un sito in modo sbagliato ("Episodi") il nome del gruppo UK Episode Six, nel quale hanno iniziato la carriera Roger Glover e Ian Gillan dei futuri Deep Purple, e su decine di siti questo gruppo, ma  solo nel mondo virtuale di Internet, compare come interprete originale.

Ama... (1969)

Corvi

Aime

Cristophe

 

No bugie no (1969)

Corvi

Confession

Cristophe

 

Vola con me Cowsills Fly With Me Cowsills Auto cover da parte del gruppo vocale, sconosciuto in Italia, scelto per presentare in coppia con i Rokes il brano Le opere di Bartolomeo al festival di Sanremo del 1968. Il brano non arrivò in finale (era piuttosto debole e poi parlava di un soggetto poco festivaliero: un operaio) e non ebbe neanche successo di vendita. Vola con me era il lato B del singolo che i Cowsills trassero da questa esperienza,

Sì, credile (1966)

Crazy Boys

You Know He Did (1965)

Hollies

Un brano in puro stile beat degli Hollies di Graham Nash era la base per questa cover dei Crazy Boys. Era il retro del loro primo singolo con la Durium (CNA 9192), sul lato A Addio Margaretha.

Quando un uomo ama una donna (1966)

Crazy Boys

When a Man Loves a Woman (1966)

Percy Sledge

Un classico del soul più pop in una delle molte versioni italiane. Terzo singolo per i Crazy Boys sempre per la Durium (CNA 9229). Autore del testo italiano non indicato nel disco.

Cerca cerca (il grande amore) (1967) Crazy Boys Searching For My Love (1966) Bobby Moore & The Rhythm Aces La cover era pubblicata sul quarto singolo del gruppo (Durium CNA 9246) ed era anche inclusa nella scaletta dell'LP pubblicato dai Crazy Boys nel 1968 per la stessa Durium (MSA 77198) che evidentemente credeva abbastanza in loro. L'originale era un R&B scritto dallo stesso cantante e sax tenore Bobby Moore, primo successo per il suo gruppo (#7 R&B chart USA nel 1966).
Fai un po' quello che vuoi (1968) Crazy Boys Words (1968) Bee Gees Testo italiano di Gino Paoli. Altra cover dello stesso notissimo brano dei fratelli Gibb da parte del gruppo beat femminile The Honeybeats.
L'esquimese (1968) Crazy Boys Mighty Quinn (1968) Manfred MannUn successo inglese numero uno nella classifica dei singoli di gennaio 1968, e #10 della hot 100 Billboard nel successivo mese di marzo, conquistato dal Manfred Mann Group, ripreso in italiano anche da I Dik Dik nel 1968. Meno nota è questa versione del gruppo della Romagna fondato da Paolo Simoncini, che registrò nel lato A/3 dell'unico LP 33 giri de I Crazy Boys col titolo "Hai negli occhi tutto il sole del mondo", registrato per la Durium - MSA 77198, pubblicato nel 1968, testo italiano di Mogol. La musica e il testo originali sono come noto di Bob Dylan. Disco dei Manfred Mann: singolo 45 giri Fontana - TF 897, pubblicato nel 1968.
Spooky (1968) Crazy Boys Spooky (1967)Classic IV Lato B/2 del precedente LP, testo italiano di Franco Zauli che firmò come Panesis. L'originale era uno strumentale delstata coscritta dagli statunitensi Mike "Sharpe" Shapiro, Buddy Buie, nome d'arte del cantautore dell'Alabama Perry Carlton Buie, dal suo concittadino e chitarrista della band originaria della Florida Classic IV James Barney Cobb e dal pianista e compositore georgiano Harry Middlebrooks. Per questa band si è trattato del loro più grande successo, #3 della Billboard hot 100 del dicembre 1967 e #46 della classifica dei singoli in Gran Bretagna di marzo 1968. Disco: singolo 45 giri, Imperial - 66259 del 1967.
Tu che conosci lei (1968) Paolo e i Crazy Boys Who’s Gonna Break Your Heart (1967) Franco Greco and The Pupi Nono singolo per la Durium (CNA 9280) e parziale cambio di nome. Il gruppo da questo singolo in poi era indicato come Paolo e i Crazy Boys. Paolo era il cantante Paolo Simoncini. L'originale ha una storia complessa e curiosa, era in pratica l'originale della notissima Cinque minuti e poi di Maurizio Arcieri, anche se con diverso arrangiamento, solo che nel singolo dei Crazy Boys è indicato l'autore nonché produttore in USA, mentre non lo era in quello dell'ex front-man dei New Dada (incolpevole, non era tra gli autori). La storia completa e i suoi insoliti risvolti si può leggere nelle Note alla Lista 4.
Un mondo su misura (1968) Paolo e i Crazy Boys

What A Wonderful World (1968)

Louis Armstrong

L'originale è il celebre brano del duo di compositori Bob Thiele  e George David Weiss per Louis Armstrong, n.1 in UK nel 1968, diventato un classico. Testo italiano di Paolo Gionchetta. Lato B del singolo precedente

Ti perderò (1970) Paolo e i Crazy Boys On A Rêvé (1970) Loris Singolo 45 giri Durium - CNA 9309, pubblicato nel 1970, testo italiano di un autore non meglio definito (M. Bruno). Sul disco italiano forse c'è un errore nel titolo della canzone originale "On A Rậté", mentre si scopre che si tratta di "On A Rêvé" (Abbiamo sognato), scritta, composta ed eseguita dal cantautore Stéphan Sulké, vissuto a Shanghai, poi in Svizzera ma tedesco di origine, che registrò la sua canzone in francese con lo pseudonimo Loris. Disco originale: singolo 45 giri Pathé - 2 C006-11030 M.
La mia colpa è di amare Maria (1971) Paolo e i Crazy Boys I Did What I Did For Maria (1971) Tony Christie Singolo 45 giri Italdisc - IT 221, pubblicato nel 1971, testo italiano di Ennio Cavalli. L'originale era stata scritta da Peter Callander e composta da Mitch Murray per il cantante e attore inglese Anthony Fitzgerald, noto con lo pseudonimo Tony Christie. I Did What I Did For Maria è stata la sua canzone di maggior successo, #2 della classifica dei singoli del Regno Unito nel mese di maggio del 1971. Disco originale: singolo 45 giri MCA Records - MK 5064.
Ora siamo grandi (1964) Cricca, La The Shoop Shoop Song (It's In His Kiss) (1964) Betty Everett La Cricca era un gruppo vocale primi anni '60 formato da 4 cantanti, 2 donne (le sorelle Marisa e Laura Fionda) e due uomini, tra cui il chitarrista e band leader, Enrico Ciacci, era il fratello di Little Tony. Alla voce solista nei dischi anche Anna Maria Izzo. Pubblicavano su una etichetta di prima grandezza, la ARC. Sull'altro lato il brano Amico va. Ciacci ha formato in seguito il gruppo La Nuova Cricca, con la cantante Mary Di Pietro e il chitarrista Ivan Basilio. Il brano originale è noto anche per essere la colonna sonora (nella interpretazione di Cher) del noto film Sirene (1990) nel quale la cantante era anche interprete principale.

Tu non sai (1967)

Cuccioli

The Kids Are Alright

Who

Traduzione italiana per un classico degli Who del primo periodo, diventato un loro inno come "My Generation". I "kids" erano i fratelli del movimento "mod" del quale i Who erano i cantori. I Cuccioli erano un gruppo di Varese che nel decennio successivo parteciparono al movimento progressive italiano con il nome "Franchi - Giorgetti -Talamo". Versione italiana assai lontana dall'originale.

Il giro (1967) Dalton The "In" Crowd (1964) Dobie Gray Un bel brano funk-soul, bene eseguito da questi ottimi musicisti bresciani, tra cui dal 1969 anche il polistrumentista Mauro Pagani, che lascerà nel 1970 il gruppo per passare a I Quelli e poi alla PFM. Testo italiano di Giorgio Calabrese. L'originale era stata scritta e composta dal cantautore statunitense Billy Page. Disco originale di Dobie Gray: singolo 45 singolo 45 singolo 45 giri Charger Records - CRG-105, pubblicato nel 1964. Si tratta di una esecuzione strumentale con vocalizzi, per i quali Giorgio Calabrese firmo il cosiddetto testo ripresa da un'altra esecuzione strumentale del Ramsey Lewis Trio del 1965, ma l'originale è di Dobie Gray del 1964 ed è cantato.
Era qui (1968) Dalton Just One More Chance (1967) Outer LimitsSingolo 45 giri "Era qui / Tempo d'estate", etichetta GSC - GS 4, pubblicato nel 1968, testo italiano di Luciana Medini che firmò con lo pseudonimo "De Vera". L'originale era stata scritta e composta dal chitarrista e cantante Jeff Christie del gruppo inglese The Outer Limits, colui che nel 1969 formerà il suo gruppo che porta lo stesso suo cognome Christie, noto per la hit internazionale "Yellow River" del 1970. Disco originale: singolo 45 giri Deram - DM 125, pubblicato nel 1967.
Tempo d’estate (1968) Dalton Summertime (1935) Da "Porgy & Bess" Sul lato B del singolo dei Dalton “Era Qui” pubblicato su etichetta GSC, cat: GS4 il gruppo di Brescia ha inciso una versione italiano della celeberrima Summertime, uno dei brani più noti del musical / opera Porgy & Bess di George Gershwin. Una curiosità: la immortale melodia pare sia ispirata ad una ninna nanna ucraina. Innumerevoli le versioni di questo brano, non si può non citare quella di Ella Fitzgerald e quella assai diversa di Janis Joplin, oltre alla versione per sola orchestra jazz di Miles Davis.
Monia (1968) Dalton Monya Peter Holm Una delle tante versioni di questo brano super-romantico e quasi strumentale, tormentone di fine anni '60; solo dopo metà del brano una voce suadente in parlato enuncia versi del tipo "Nel mio cuore c'è posto solo per un nome, un volto: Monia ...". L'originale era del cantante e playboy svedese Peter Holm (che però canta il breve inciso centrale) per un periodo sposato con la famosa attrice Judy Collins. Versione anche in spagnolo dai Los Comunicativos. I Dalton erano un gruppo di Brescia formatosi nel 1967.
Venus (1969) Dalton Venus (1969) Shocking Blue Altra cover sull'onda di un successo dell'epoca per i Dalton. Purtroppo è molto lontana come ritmo e convinzione dalla versione notissima e familiare a tutti gli adolescenti dell'epoca (impensabile una festa nella quale non passasse almeno una volta) degli olandesi Shocking Blue, con la loro cantante Mariska Veres dalla caratteristica voce profonda, quasi maschile.

Misery (1964)

Danny Lorin

Misery

Beatles

Singolo R.T. Club RT1502. Versione italiana di Danpa.

Se mi fai pedinare (1964)

Danny Lorin

I Saw Her Standing There

Beatles

Altra cover di un brano dei Beatles contenuto nel loro secondo album Please Please Me anche sull'altro lato del singolo. Versione sempre di Danpa e immemore dell'originale secondo gli usi del decennio (leggi il testo con il link a fianco).

Ho in mente te (1966)

Da Polenta

You Were On My Mind

We Five

Una delle versioni minori del successo americano portato al successo in Italia dall'Equipe 84 (vedi). Era pubblicata su un LP della RCA che riuniva vari complessi, orientato al mondo giovanile e dal titolo (echeggiante la trasmissione radio Bandiera Gialla) "Vietato ai maggiori di pochi anni".

Con le mie lacrime (1966) Da Polenta As Tears Go By (1965) Rolling Stones Una versione alternativa, ma con lo stesso testo, rispetto a quella proposta in italiano dagli stessi Rolling Stones, per la malinconica canzone che è stata il primo successo per Marianne Faithfull. Anche questa pubblicata sull'LP citato sopra.
Cara (1967) Da Polenta Things I Should Have Known (1965) Fortunes Per la successiva cover del gruppo di Ravenna, pubblicata questa volta su 45 giri dalla etichetta ATI ((Ati1 5152), l'originale è meno noto e consueto. Si tratta del retro di un successo del gruppo vocale di Birmingham The Fortunes, Here It Comes Again, n.4 in UK nel 1965.
Sopra Ogni Cosa Ci Sei Tu (1967) Da Polenta What in the World’s Come Over You Rockin' Berries Retro del disco precedente con un altro brano inglese di metà anni '60. I Rockin' Berries erano un altro gruppo di Birmingham, che ha pubblicato 15 singoli tra il 1963 e il 1968, con la Decca (i primi 2), la Piccadilly e la Pye (gli ultimi 3).

Zabadak

Dave, Dee, Doozy, Beacky, Mick & Tich

Zabadak

Dave, Dee, Doozy, Beacky, Mick & Tich

Una auto cover per i mercato italiano da parte del gruppo che, oltre a vantare il nome più lungo della storia del beat (e anche poco originale, erano i nomi dei sei musicisti) è stato l'iniziatore delle contaminazioni folk, quasi un progenitore della world music. Echi della musica greca nel loro successo Bend It, di Africa in Zabadak, tex-mex nel loro altro grande successo The Legend of Xanadu.

Oh Lady Mary (1969) David Alexandre Winter Oh Lady Mary (1968) David Alexandre Winter Grande successo in Francia per questo banale valzerone nello stile enfatico che è andato di moda brevemente a fine anni '60 (portabandiera il grande Tom Jones). Sedici settimane in testa alla classifica francese e disco d'oro nel 1968. Il cantante era in realtà olandese, si chiamava Leon Kleerekoper, e si vestiva, pettinava e presentava come un sentimentale e appassionato cantante latino, con qualche reminescenza anche dal sunnominato Tom Jones. Gli autori della canzone, citati solo per completezza perché certamente non si sono sforzati molto, erano Patricia Carli (Rosetta Ardito), una paroliera belga di origine italiana e il musicista turco Metin Bukey (Yilmar Bukey). Difatti era a sua volta una cover di un successo in Turchia del cantante Berkant (Berkant Akgürgen) e il testo originale turco, probabilmente diverso, dato che il titolo originale era “Samanyolu” (La Via Lattea) era stato scritto da Teoman Alpay
Immancabile la auto-cover anche in italiano con testo di Bruno Pallesi. Per gli appassionati di codici ecco i riferimenti dei tre singoli citati: cover in italiano Riviera RIV/NP 77021, versione in francese Riviera 232 340, originale in turco su etichetta Televizyon Plaka, numero di catalogo: T. 172, pubblicato anch'esso nel 1968.  
Vola, si vola  (1969) David Alexandre Winter Vole s’envole  (1969) David Alexandre Winter Pubblicato in Italia anche un singolo dedicato alla auto cover di una successiva uscita del cantante olandese sempre per il mercato francese. Testo italiano di Daiano (Claudio Fontana) etichetta: Riviera, numero di catalogo: RIV PN 77028. L'originale “Vole S’Envole” era sempre della paroliera italo-belga Patricia Carli(Rosetta Ardito) su musica composta dal bulgaro Emil Dimitrov, pubblicato in formato EP su etichetta Riviera, numero di catalogo: RIV NP 77028.
Addio addio  (1969) David Alexandre Winter Adieu nous deux (1969) David Alexandre Winter Sul lato B del precedente singolo con  testo italiano sempre di Daiano altra auto-cover dello stesso lato B dell'originale.  Era un brano scritto da  Christian Gaubert su musica di  Pierre-André Dousset.

Ragazzo solo, ragazza sola (1969)

David Bowie

Space Oddity

David Bowie

Una versione "completely unrelated" del suo grande successo, proposta dallo stesso Bowie con la complicità di Mogol.
Altra versione, con lo stesso testo, è stata proposta con un certo successo dai Computers (n.23 Hit-Parade 1970), in un 45 giri della Numero Uno, la etichetta di Mogol e Battisti. E' probabile che la prima ad uscire sia stata quella dei Computers, e che sia seguita quella del cantante inglese, che ha utilizzato lo stesso testo italiano.

Innamorati unitevi (1966)

David & Jonathan

Lovers of the World Unite

David & Jonathan

Auto-cover per questo successo inglese, più fedele nel testo (di Beretta) di quella proposta con maggiore successo in Italia dai Motowns con il titolo "Prendi la chitarra e vai" (vedi). David & Jonathan (che in realtà si chiamavano Roger tutti e due) erano prodotti da George Martin, il manager dei Beatles, e il loro primo successo fu una versione alternativa di "Michelle". Lato A 45 giri Columbia SCMQ 7026 – originale su 45 giri Columbia DB 7950.

Non dite il nome (1966) David & Jonathan Speak Her Name (1966) David & Jonathan Lato B del singolo Innamorati unitevi. Dal titolo non sembra che la versione italiana (di Paolo Limiti) sia un granché fedele.
La lunga strada che (1970) Day Costello The Long And Winding Road (1967) Beatles Ross McManus, in arte Day Costello, era un musicista irlandese, attivo in area beat negli anni '60 con un suo gruppo assieme a Jim Loss. Ha raggiunto un discreto successo con la cover della canzone di Paul McCartney da lui registrata nel 1970, particolarmente apprezzata in Australia dove è stata in classifica per 17 settimana arrivando al #16. Non si sa per quali strane combinazioni ne è stata fatta da lui una versione anche nella nostra lingua, pubblicata dalla etichetta Clan di Celentano con numero di catalogo CLAN BF ES 98, nello stesso 1970. Day Cosello era il padre del noto musicista Elvis Costello, che da lui ha preso il nome d'arte (mentre si chiama Declan McManus, ovviamente).

Voglio essere il tuo uomo (1965)

Delfini

I Wanna Be Your Man

Beatles

I Delfini erano un gruppo molto attivo e popolare negli anni '60. Questo, con una semi cover da un brano molto noto dei Beatles, è stato il loro primo 45 giri. Semi cover perché solo il titolo è in italiano, il testo è cantato temerariamente nella lingua originale.

Tu devi ritornare da me (1965)

Delfini

Tell Me

Rolling Stones

Diversa traduzione dello stesso brano proposto dall'Equipe 84 come "Quel che ti ho dato". Lato B del primo 45 giri dei Delfini. Testo italiano di Renzo Levi Minzi dei Delfini.

Stasera sono solo (1966) Delfini Hi-Heels Sneakers (1964) Tommy Tucker Sul lato B del loro terzo singolo 45 giri “Quella dei sogni miei” una probabile cover non dichiarata anche da parte dei Delfini e della loro casa discografica, la CDB di Carmine De Benedictis. Il giro di basso (cioè in pratica tutta la canzone o quasi) è infatti ripreso abbastanza chiaramente da un brano R&B numero 1 nella classifica Billboard di settore nel febbraio del 1964, eseguito dai Delfini solo con un tempo un po' più veloce. Si tratta di un giro di basso piuttosto comune e simile ad altri del periodo, ma l'analogia è piuttosto evidente ed è molto probabile che il presunto autore italiano (Ettore Ballotta secondo la SIAE) abbia ascoltato l'originale, che era peraltro stato già ripreso da molti interpreti conosciuti anche da noi, come i Searchers e addirittura i Rokes nel loro primo album del 1965. Nessun dubbio invece per il testo, di Giuseppe Negroni: che l'abbia ascoltato o meno il giovane protagonista del brano italiano, come nel 99% delle canzoni beat, è sempre uno sfigato (come si capisce dal titolo) mentre nell'originale si preparava a conquistare la notte con la sua ragazza.

Il mio dolore (1966)

Delfini

All My Sorrows (1957)

Glenn Yarbrough

Quarto singolo dei Delfini pubblicato sempre con la CDB di Carmine De Benedictis (CDB 1081). L'originale era un brano tradizionale pubblicato con questo titolo la prima volta da Glenn Yarbrough nel 1957 e poi diventata uno standard nel circuito folk USA. Le versioni più note e alle quali probabilmente i Delfini hanno fatto riferimento sono quelle uUK degli Shadows (1961) e dei Searchers (1963).

C'è un posto migliore per noi (1966)

Delfini

We've Gotta Get Out Of This Place

Animals

Sul lato B un classico degli Animals di Eric Burdon (#2 UK 1965) pubblicato in italiano anche dai Camaleonti con testo e titolo diverso (Io lavoro).
You Went Away (1966) Delfini Tu te ne vai (1966) Delfini Auto-cover per il mercato americano del loro successo italiano vagamente di protesta (anche vincitore a Bandiera gialla). I Delfini riuscirono infatti a partecipare, come noto, ad un programma televisivo in USA.
La speranza è giovane (1967) Delfini Midnight Girl (1966) John Carter Lato B del 45 giri “Beat,Beat….Hurrà”, brano in concorso a Un Disco Per L’Estate del 1967 (Decca, numero di catalogo: FI 712, pubblicato nell’aprile del 1967, autore del testo italiano è Dampa - Dante Panzutti). L’originale è stato scritto da John Carter su musica di Geoff Stephens e pubblicato dallo stesso Carter, noto anche come componente del gruppo britannico di buon successo The Ivy League. Pubblicato in UK nello stesso anno anche da Paul Craig (CBS 202406).

Quando tornerai (1969)

Delfini

Don't Forget To Remember (1969)

Bee Gees

L'originale dei Bee Gees, una ballata nel tipico stile del gruppo dei fratelli Gibb, pubblicata come singolo nel 1969 e poi inclusa nell'album Cucumber Castle del 1970. Il singolo dei Delfini è riportato da diverse parti come pubblicato nel 1968 ma evidentemente dovrebbe essere del 1969.

Qualcuno forse piange

Diabolici

The Wind Cries Mary

Jimi Hendrix Experience

Tutto sommato una buona versione, da parte dei Diabolici, dello splendido e impegnativo blues del primo periodo di Hendrix.

C'è una strada

Diabolici

Homburg

Procol Harum

Altra versione del secondo grande successo internazionale del gruppo inglese, alternativa a quella vincente dei Camaleonti (L'ora dell'amore).

1-2-3 (1966)

Dik Dik

1-2-3 (1965)

Len Barry

Il primo singolo pubblicato dai Dik Dik è stato, coerentemente con tutta la loro produzione successiva, una cover. In questo caso un successo R&B USA arrivato anche in UK , non particolarmente incisivo né particolarmente noto da noi. Testo italiano di Daniele Pace. Altre informazioni sull'originale e sul primo singolo dei Dik-Dik nelle Note alla Lista 2.

Sognando la California (1966)

Dik Dik

California Dreamin’ (1965)

Mamas & Papas

E' andata decisamente meglio per loro al secondo tentativo. Il più grande successo dei Dik Dik era la versione italiana (fedele), curata da Mogol, dell'inno alla terra della pace e dell'amore, come veniva chiamata la California nella "summer of love" del 1966. Un brano di  John Phillips, fondatore del quartetto vocale misto Mamas & Papas, allora ai vertici del successo in USA e in tutto il mondo. Altre informazioni sull'originale nelle Note alla Lista 2.

Il mondo è con noi (1967)

Dik Dik

I Saw Her Again Last Night (1966)

Mamas & Papas

Terzo singolo ancora dal repertorio dei Mamas & Papas per la Dischi Ricordi, numero di catalogo SRL 10444 e ancora una volta testo italiano di Mogol, pubblicato in aprile del 1967. Con questo brano i Dik Dik parteciparono al Cantagiro del 1967 concorrendo per il girone “C”, quello dedicato ai complessi, la competizione si tenne dal 21 giugno al 8 luglio, con partenza da Catania e arrivo per la finale a Fiuggi. Un brano corale, trascinante e ben proposto (e fedelmente tradotto) in italiano, ma certo lontano dall'impatto di un classico senza tempo come si sarebbe poi rivelato essere California Dreamin'. Gli autori dell’originale sono gli stessi componenti maschi del gruppo Mamas & Papas: John Phillips e Denny Doherty. Singolo 45 giri registrato per la Dunhill, col numero di catalogo D-4031.

Se io fossi un falegname (1967)

Dik Dik

If I Were A Carpenter (1966)

Tim Hardin

Sul retro un'altra delle cover per le quali i Dik Dik sono ricordati. Una nota versione anche dai Rokes (Se io fossi povero). L'originale era stato pubblicato prima da Bobby Darin, con buon successo, e poi dall'autore Tim Hardin. Altre informazioni sul celebre brano nelle Note alla Lista 2.

Senza luce (1967)

Dik Dik

A Whiter Shade Of Pale (1967)

Procol Harum

Al quarto singolo (Ricordi - SRL 10464, pubblicato in agosto del 1967, testo italiano di Mogol) i Dik Dik e la ricordi vanno veramente sul sicuro. A Whiter Shade Of Pale dei Procol Harum era un successo senza confini in quel 1967, e tracciava la via per un nuovo stile musicale, il progressive rock. E' stata proposta in italiano da molti gruppi e cantanti, di solito nella versione chiamata "Senza luce"; oltre ai Dik Dik (che ne hanno ricavato il maggiore successo): Ragazzi Italiani, Rocky Roberts, Wess, Al Bano, Fausto Leali, Ghigo (cantando in inglese, con lo pseudonimo "Probus Harlem"). Altre informazioni sul celebre brano nelle Note alla Lista 2.

Inno (1967)

Dik Dik

Let's Go To San Francisco (1967)

Flower Pot Men

La più nota delle versioni del successo internazionale del gruppo inglese. Molto simile nelle sonorità e negli impasti vocali all'originale, sono spariti però completamente dal testo sia San Francisco sia i "figli dei fiori". Quinto singolo 45 giri dei Dik Dik, registrato per la Ricordi col numero SRL 10484, pubblicato in dicembre del 1967.

Windy (1967)

Dik Dik

Windy (1967)

Association

Il retro di Inno era un'altra cover su testo italiano di Luigi Clausetti. L'originale era un successo USA dello stesso anno del gruppo californiano soft folk o folk rock The Association, con tre singoli all'attivo tra il 1966 e il 1968. Altre informazioni sul celebre brano nelle Note alla Lista 2.

Cado giù (1967) Dik Dik My World Fell Down (1967) Sagittarius La versione italiana anche in questo caso è di Mogol, che accompagnò nel primo periodo i Dik Dik anche come produttore insieme a Lucio Battisti. Inserita nel lato A/5 del primo LP omonimo dei Dik-Dik, etichetta Ricordi – MPR 9035, pubblicato in dicembre del 1967. L'originale era un brano in stile psichedelico dei britannici John Carter e Geoff Stephens, per l’allora trio inglese fondato dallo stesso Carter “The Ivy League”.Singolo su 45 giri per la Piccadilly, con numero di catalogo 7N-35348, pubblicato in ottobre del 1966.
Nel 1303 Dik Dik Do You Believe (1967) The Storybook People Anche questo, sul lto B/5 del precedente LP con testo italiano di Mogol era un brano in stile psichedelico - hippy. Parla del passato (1394 nell'originale) ma con toni vagamente fantascientifici. Autore Glenn Grey. Non si sa come l'abbiano trovato i Dik Dik dato che non è stato un successo all'epoca. Anche in Wikipedia non c'è nulla sugli Storybook People, quasi un record. Si sa solo che era il gruppo californiano nel quale suonò il bassista newyorchese George Michael Biondo, che dopo il 1970 lasciò la band per entrare nella più conosciuta band canadese “Steppenwolf”.

L'esquimese (1968)

Dik Dik

The Mighty Quinn (1967)

Manfred Mann

Per il lato del singolo col brano di Battisti Il vento (Ricordi SRL 10499), successo del 1968 per i Dik-Dik, la cover in italiano di un successo inglese dei Manfred Mann, il gruppo del musicista omonimo, poi attivo nel campo della musica world, e del cantante e autore Paul Jones. La canzone era di Bob Dylan che però non l'aveva ancora pubblicata, faceva parte delle sue registrazioni nella fattoria The Big Pink, assieme alla Band, poi confluite in bootleg e album successivi. Il singolo dei Manfred Mann “Mighty Quinn” era stato pubblicato da Fontana Records, TF 897, nel gennaio del 1968, la cover dei Dik-Dik ad aprile.

Eleonora credi (1968)

Dik Dik

The Weight (1968)

The Band

L'originale, composto da Robbie Robertson, era il brano più noto dell'album di debutto "Music From Big Pink" del celebre gruppo che fu anche per molti anni il gruppo di Bob Dylan.  Versione italiana di Mogol per Ricordi, Lucio Battisti ha curato la produzione e l'arrangiamento. Pubblicata nel lato B del singolo 45 giri “Dimenticherai”, etichetta Ricordi, numero SRL - 10515, in vendita in ottobre del 1968. Piuttosto lontana da quella della Band la esecuzione dei Dik Dik ma a distanze siderali il testo di Mogol che ignora come d'abitudine il testo originale che ripercorre gli incontri simbolici di un hobo in un'America senza tempo. Un capolavoro di inventiva e di poesia che diventa la solita banale storiella d'amore (poco convinto).

Tu non sai amare (1969) Dik Dik That’s The Way God Planned It (1969) Billy Preston Testo di Luciano Giacotto per questo brano in scaletta nell’album LP ”Il Primo Giorno Di Primavera e Altri Successi” (Ricordi SMRP 9055), pubblicato nel novembre del 1969. Discreta l’interpretazione dei Dik Dik di un brano adatto al loro stile soft composto e cantato dal grande musicista che accompagnò anche i Beatles in alcune loro incisioni: Billy Preston. Fu un artista molto appezzato anche dai Rolling Stones, coi quali ebbe occasione di suonare diverse volte, così come con tanti altri artisti affermati sia in USA che in UK. Registrò il suo brano su album avente lo stesso titolo, LP 33 giri alla Apple Records (UK), cat. SAPCOR 9, pubblicato nel 1969. Per l’occasione Billy Preston, oltre ad essersi esibito nel canto accompagnandosi col pianoforte, venne accompagnato da un team di musicisti del calibro di Keith Richards al basso, Ginger Baker alla batteria, Eric Clapton e George Harrison alle chitarre.
Era lei (1969) Dik Dik It’s Me That You Need (1969) Elton John In Italia è stato un relativo successo, #15 della classifica dei singoli e il 75° singolo tra i più venduti nel 1970. Già registrato e pubblicato lo stesso anno ma su singolo dallo stesso autore del testo italiano Maurizio Vandelli, che la eseguì come solista, pur continuando la propria attività nel suo gruppo Equipe 84. Vandelli ha curato la produzione anche di questa versione dei Dik Dik. Lato A/3 del precedente LP 33 giri “Il primo giorno di primavera e altri successi”. L’autore del testo originale è ovviamente Bernie Taupin, noto per la ultra trentennale collaborazione col prolifico cantante, compositore e pianista inglese Reginald Dwight, noto ai più come Elton John. La canzone originale fu registrata su singolo su 45 giri, il terzo in assoluto della pop star inglese, su etichetta DJM, col numero DJS 205 e pubblicato in maggio del 1969. Bella interpretazione da parte dei Dik Dik, all'altezza dell'originale, testo come al solito stravolto, da una storia a 2 diventa una storia a 3 (e in amore il numero fa la differenza) ma per una volta il soccombente e l'altro e non il protagonista.

L’isola di Wight (1970)

Dik Dik

Wight Is Wight (1970)

Michel Delpech

La canzone francese, successo internazionale, celebrava, in contemporanea con l'evento, il festival rock-hippy organizzato nell’isola al largo della Gran Bretagna, ideale continuazione della esperienza dell’anno prima a Woodstock. Dal punto di vista musicale era però un “lentone” del tutto asincrono con quello che si sentiva nel festival (Hendrix e compagni). Niente di comparabile alla canzone simbolo del festival americano, Woodstock appunto, scritta da Joni Mitchell e cantata da Crosby, Stillts, Nash & Young.

Noi soli (1973) Dik Dik Bird (1970) Neil Young Testo completamente diverso rispetto all'originale, pur raccontando con garbo un tema d’amore, scritto da Sbrigo, pseudonimo di Giancarlo Sbriziolo detto Lallo, il bassista dei Dik Dik. Pubblicato su LP 33 giri “Storie e Confessioni” (Ricordi SMRL 6103). Buona la performance del direttore Natale Massara, che mantiene toni e ritmi in linea con l’originale pezzo di Neil Young. L'originale era contenuto nell'album  “After The Gold Rush” pubblicato il 19 settembre 1970.
Che farei (1973) Dik Dik Tell Me Why (1970) Neil Young Sempre tratto dal classico album di Neil Young e sempre in scaletta sull'album precedentemente citato, sul lato A/1.

E ho bisogno di te (1973)

Dik Dik

I Need You To Turn To (1970)

Elton John

Testo italiano di Giancarlo Sbriziolo, lato A/5 del precedente LP 33 giri “Storie e Confessioni”. L’originale è una ballata molto toccante, dove si nota lo stile marcatamente sinfonico, stile che si mantenne in altre successive composizioni di Elton John, che in questo caso addirittura si accompagnò col clavicembalo. Il testo è stato scritto dal suo fidato amico Bernie Taupin, e racconta di un grande amore provato per una ragazza e da “lui” ricordata e invocata dopo la sua scomparsa, standosene riflettendo in solitudine nel suo cottage. Questo bel brano è contenuto in A/2 del secondo album registrato in studio e alla presenza di un pubblico (dell’esecuzione originale esiste anche un video in YouTube). Disco originale LP 33 giri “Elton John”, registrato per la DJM Records col numero di catalogo DJLPS 406, pubblicato in aprile del 1970.

Confessione (1973)

Dik Dik

Pilgrims' Progress

Procol Harum

Testo italiano di Maurizio Vandelli, lato B/1 del LP “Storie e confessioni”. I Dik Dik dopo il grande successo di “Senza luce” puntano insieme al loro produttore a un altro brano dei Procol Harum contenuto nel terzo album della band “A Salty Dog” etichetta Regal Zonophone, numero di catalogo SLRZ 1009. Come la maggior parte delel canzoni dei PH era scritta e composta da Keith Reid e Matthew Fischer.

Ma tu chi sei? (1973)

Dik Dik

Bad Side Of The Moon (1970)

Elton John

Testo italiano del cantautore, compositore e paroliere veneziano Maurizio Piccoli, lato B/2 del precedente LP 33 giri “Storie e confessioni”. A differenza delle altre canzoni in scaletta questo brano proveniva da un lato B di un originale che in UK non ebbe riscontri importanti, probabilmente era il classico riempitivo per completare l’LP. L’originale è stata scritta da Bernie Taupin e composta ed eseguita da Elton John. Lato B del singolo 45 giri “Border Song”, etichetta DJM Records, numero di catalogo DJS.217.

Non si può (1973) Dik Dik Love To Survive (1971) Gary Wright Altra cover da Storie e confessioni, l'album dei Dik Dik pubblicato nel 1973. Per questo l'originale era un brano composto, prodotto e cantato dal cantautore statunitense Gary Wright, inserito nell’album LP 33 giri “Footprint”, registrato alla A&M Records, cat: SP 4296, pubblicato nel 1971. Testo italiano di Maurizio Vandelli.
Volando (1975) Dik Dik Sailing (1971) Rod Stewart In un singolo del 1975 i Dik Dik propongono in italiano, con testo di Alessandro Colombini,  questa canzone, proposta per prima (nel 1971) dal gruppo The Sutherland Brothers ma poi reinterpretata e portata al grande successo da Rod Stewart nello stesso anno. 
Strani fili (1978) Dik Dik No Hard Feelings (1978) John Miles Testo di Vito Paradiso, noto per essere stato cantante e chitarrista ed esponente del gruppo rock-progressivo, formatisi nel varesotto, i “De De Lind”, rimasto attivo dal 1969 al 1973. registrata su singolo su 45 giri, etichetta Ariston, cat: AR 00833 nel 1978. L'originale era di Bob Marshall e dello stesso John Miles. Pubblicato su LP 33 giri “Zaragon” alla Decca (UK)  cat. TXS-R126 nello stesso anno.

Cerca di capire (1965)

Dino

I should Have Know Better

Beatles

Testo italiano di Don Backy per questo brano dei Beatles proposto da Dino come retro di Te lo leggo negli occhi, una canzone di Sergio Endrigo, che era il suo secondo singolo come solista dopo la esperienza come front-man dei Kings, pubblicato con la ARC/RCA e primo successo. Da notare che del suo primo singolo Eravamo amici (1964), scritto da Shel Shapiro, è stata tratta una versione francese da Françoise Hardy con il titolo Nous etions amies, nello stesso anno. Qui e nel seguito sono elencate le cover di Dino nella sua carriera come interprete solista anche quando era ancora accompagnato dai Kings (come in questo caso) e veniva a volte indicato coem "Dino e i Kings". Nella lista n.4 quelle dei soli Kings.

Torna con me sulla Luna (1965) 

Dino e i Kings

I Saw Her Standing There

Beatles

Altra cover dei Beatles per i Kings degli inizi, su suggerimento, sembra, di Sergio Bardotti. Compariva nel primo 33 giri di Dino, ancora accompagnato dai Kings. Versione italiana di Danpa (Daniele Panzuti) piuttosto noncurante del testo originale. Il protagonista italiano è il solito sfigato la cui ragazza è presa da un altro e cerca di colpevolizzare lei, mentre invece nell'originale trovava la ragazza giusta, e coerentemente il ritmo incalzante del brano lo sottolineava. Molto buona invece la esecuzione di Dino con i Kings, non sfigura al confronto con quella dei Beatles, caso raro tra le molte covers in italiano del celebre gruppo inglese.

Lo sai tu  (1965)

Dino e i Kings

What I'd Say

Ray Charles

Altra cover per l'LP citato sopra.

Ma c'è un momento del giorno (1965) Dino You've Lost That Lovin' Feeling Righteous Brothers Un brano completamente in stile "righteous brothers" (confidenziale e sentimentale) per Dino ormai avviato decisamente verso i territori del pop. Era il retro di Il ballo della bussola, terzo singolo di Dino Zambelli con la ARC/RCA. 
Chi più di me (1966) Dino Can't Get Along Very Well Without Her (1966) Paul Anka Canzone presentata da Dino al Cantagiro del 1966 dove arrivò all'8° posto. Efficace versione con arrangiamento in stile primi anni '60 del lato B di I Can't Loving You di Paul Anka. Testo italiano di Sergio Bardotti, singolo ARC AN 40 86. Sul lato B Comincia l'amore, un originale con testo sempre di Bardotti con musica di Dalla e Reverberi.

Il sole è di tutti (1967)

Dino

A Place In The Sun

Stevie Wonder

Anche Dino propose una versione in italiano del primo grande successo internazionale di Stevie Wonder, già presentato anche dallo stesso musicista americano nella nostra lingua.

La tua immagine (1968)

Dino

The Sound Of Silence

Simon & Garfunkel

Traduzione decisamente infedele del classico brano di Simon & Garfunkel che accompagnava i titoli di testa del film "Il laureato". Riprende una versione precedente, con lo stesso testo, di Mike Liddel e gli Atomi (1966). Una ulteriore versione (1967) anche da Luisa Casali.

Obladì Obladà (1969) Dino Obladì Obladà Beatles Inserita invece nel primo LP di Dino, dal titolo semplicemente, Dino, questa versione di Obladì Obladà dei Beatles.
By Bye City (1969) Dino Bye Bye City Le Coeur L'originale era di un gruppo francese formato e guidato dal musicista e autore di questa canzone Pierre Groscolas.
Una viola del pensiero (1969) Dino The Windmills of Your Mind Michel Legrand Tratto dalla colonna sonora del film Il caso Thomas Crown, era il retro del singolo precedente.
Besame Mucho (1968) Dino Besame Mucho (1941) Emilio Tuero Questa versione del grande classico messicano, scritta da Nino Rastelli, è contenuta nel lato B del singolo 45 giri “La tua immagine”, etichetta ARC - AN 4160, pubblicato nel 1968. “Besame Mucho” era stata scritta e composta nel 1940, con andatura bolero, dalla pianista messicana Consuelo Velásquez Torres, che da una sua dichiarazione, risulta essere stata ispirata da una precedente composizione, il movimento “Quejas o la maja y el ruiseñor”, parte dell’opera per solo piano “Goyescas” composta nel 1911 dal compositore e pianista spagnolo Enrique Granados. La prima esecuzione cantata, così come concepita dall’autrice messicana, che le dette il titolo poi noto, come prima registrazione è attribuita al cantante e attore messicano, ma di origine spagnola, Emilio Tuero. Esiste un numero incalcolabile di versioni di questo classico, scritte con venti idiomi diversi, tra le quali spicca quella più curiosa e in inglese, con andatura rock, dei Beatles (ma mai pubblicata, era per la storica prima audizione del 1 gennaio 1962).
Ti credevo felice (1969) Dino Le chant de Mallory (1964) Rachel Già incisa cinque anni prima da Fabrizio Capucci, primo marito di Catherine Spaak, sempre per la ARC. Per Dino è il primo brano del secondo e anche ultimo LP 33 giri, intitolato a se stesso “Dino”, etichetta RCA-ARC - ALPS 11010, pubblicato nel 1969. L’originale era stata scritta dal duo d’autori francesi, ormai collaudato dal grande successo “L’amour est bleu”, il paroliere francese Pierre Cour e il compositore suo connazionale Andrè Popp. “Le chant de Mallory” prese parte al Eurovision Song Contest del 1964 tenutosi a Copenhagen e venne eseguita dalla cantante francese Rachel Ros, in rappresentanza della Francia, aggiudicandosi quattordici punti e il quarto posto. Disco originale: Singolo 45 giri EP, etichetta Barclay - 70 628, pubblicato nel 1964.
Pensiero d’amore (1969) Dino I’ve Gotta Get A Message To You (1968) Bee Gees Lato A/3 del precedente LP, testo italiano di Luciano Giacotto e Franco Migliacci. Brano già proposto e di grande successo, nello stesso anno 1969, da un altro cantante, molto apprezzato dale giovani ragazze, Paul Bradley Couling, in arte Mal. L’originale dei Bee Gees, come quasi tutta la loro discografia, venne coscritta dai tre fratelli Gibb: Barry, Maurice e Robin. Disco originale: singolo 45 giri Polydor - 56273, pubblicato nel 1968.
L’amore è una cosa meravigliosa (1969) Dino Love Is A Many- Splendored Thing (1955) The Four Aces Lato B/1 del precedente LP “Dino”, testo italiano di Devilli (Alberto Curci). Questo famosissimo brano faceva parte della colonna sonora del film omonimo, uscito nelle sale statunitensi il 18 agosto del 1955. Il film era diretto da Henry King e interpretato da William Holden e Jennifer Jones, e si è aggiudicato tre premi Oscar per: la miglior canzone, miglior musica e migliori costumi. La canzone era interpretata nel film da un coro non noto, diretto da Ken Darby, ed è conosciuta dal grande pubblico grazie alla versione pubblicata nello stesso anno dal quartetto pop vocale statunitense, molto attivo negli anni ’50, The Four Aces, i quali la piazzarono al massimo vertice della classifica hot 100 Billboard in agosto del 1955 e # 2 della UK singles chart di novembre dello stesso anno. Disco dei The Four Aces: singolo 45 Decca Records - 9 29625, pubblicato in agosto del 1955.
Eloise (1969) Dino Eloise (1968) Barry Ryan Lato B/2 del precedente LP “Dino”, testo italiano di Giuseppe Cassia e Sergio Tocci. Molto nota anche in Italia, sia l’originale che la versione italiana proposta del cantante britannico Barry Ryan, composta come tutte o quasi le sue canzoni dal suo fratello gemello Paul. Grande successo da # 1 della UK singles chart, con notevoli strascichi nel resto d’Europa. Il disco originale è un singolo 45 giri MGM - 1442, pubblicato nel 1968.
Be My Baby (it) (1971) Dino Be My Baby (1963) The Ronettes Lato B del singolo 45 giri “Notte calda”, etichetta RCA Italiana - PM 3586, pubblicato nel 1971, testo italiano di Franca Evangelisti e Paolo Lepore. L’originale è stata una hit internazionale da # 2 della hot 100 e # 4 della R&B della Billboard di agosto del 1963 ed è stata posizionata al N. 22 (un po’ esagerata) nella rivista Rolling Stone Magazine, tra le 500 migliori canzoni di tutti i tempi. Coscritta dai coniugi statunitensi Ellie Greenwich e Jeff Barry, noto team insieme al produttore e paroliere Phil Spector, questo bel pezzo venne affidato per la prima registrane al gruppo vocale femminile statunitense The Ronettes. La loro hit è un singolo 45 giri della Philles Records, di proprietà dello stesso autore e produttore Spector, col numero di catalogo 116, pubblicato nel 1963.

Hey Paula

Dino e Wilma Goich

Hey Paul, Hey Paula

Paul And Paula

Unico hit di questo duo (i nomi erano in realtà Ray Hildebrand e Jill Jackson, incisero prima il pezzo come Jill & Ray, poi per coerenza con il testo cambiarono il nome in Paul and Paula). Lanciarono la moda del duo misto e la risposta nera della Motown fu la celebre accoppiata Marvin Gaye - Tammi Terrell. Inserito nella colonna sonora di Animal House. Per la versione italiana una inedita coppia in una versione probabilmente posteriore.

Donna la prima donna (1965)

Dion Di Mucci

Donna the Prima Donna

Dion Di Mucci & The Belmonts

Probabilmente a seguito della proposta italiana da parte dei Nomadi di questo brano doo-wop (stile antesignano del surf) molto diverso dalla loro produzione posteriore, anche Di Mucci e i suoi Belmonts incisero una versione in italiano. Il paroliere era l'onnipresente Mogol, e sul disco il leader compariva curiosamente come "Di Muci" e, forse per le origini italiane, non se la cavava male con la nostra lingua.

La vita come va (1967)

Dionne Warwick

The Windows Of The World (a967)

Dionne Warwick Un singolo con due auto-cover anche dalla grande Dionne Warwick, gli originali sono ovviamente di Bacharach con Hal David.
Ogni donna che amerai (1967) Dionne Warwick

Walk Little Dolly (1967)

Dionne Warwick Il singolo è stato pubblicato dalla Scepter Records ‎con numero di catalogo SC 715 e la versione italiana è stata curata da Franco Califano. La stessa accoppiata di canzoni sul 45 pubblicato in USA nello stesso anno (SCE-12196).
Amori miei (1969) Domodossola Oh Happy Day (1968) The Edwin Hawkins Singers Il primo successo del gruppo vocale dei fratelli (e cugini) Miserocchi, presentato con buon successo alla Mostra internazionale di Musica leggera di Venezia nel 1969. Con testo italiano di di Paolo Limiti e Felice Piccarreda, era un brano vocale e strumentale impegnativo ma con una interpretazione ben riuscita, grazie al buon livello del gruppo, affiancato dai fratelli Alberto e Dario Baldan Bembo e all’arrangiamento del maestro Augusto Martelli. E' l'adattamento in italiano del celebre gospel “Oh Happy Day”.  Spesso citato erroneamente come tradizionale, deriva in realtà dall'aggiunta di un testo scritto da Philip Doddridge nel 1755 ad un brano di musica sacra composto nel 1705 da Johann Freylinghausen, un teologo protestante tedesco, e pubblicato in un suo canzoniere. Un brano divenuto di fama mondiale con l’arrangiamento di Edwin Hawkins del 1967 per il suo gruppo The Edwin Hawkins Singers, pubblicato su album LP “Let Us Go into The House Of The Lord”, etichetta Pavilion, cat: BPS 10001, nel 1968.
Ora che c’è lei(1969) Domodossola When I Was Five (1968) Lyn Roman Testo italiano di Paolo Limiti e Paolo Ordanini. E’ una canzone nota per via del passaggio nel secondo canale radio RAI, nella celebre trasmissione radio Bandiera Gialla. L’originale era scritta e composta da Alan Bernstein e Victor Millrose per la cantante afro-americana Lyn Roman, pseudonimo di Linda Griner, attiva per un brevissimo periodo nei primi anni '60 in area Motown, che successivamente registra un solo album LP per la Columbia Records a New York, per poi approdare alla Dot Records, dove registrò una decina di 45 giri e due LP 33 giri, uno di questi è “The Greatest Of Them All” nel quale è inserita la canzone in oggetto. Etichetta Dot Records (USA), numero di catalogo DLP 25903, pubblicato nel 1968, anche su 45 giri promo Dot Records-45-17148, pubblicato in ottobre 1968.
Venerdì (1971) Domodossola How Can You Mend A Broken Heart (1971) Bee Gees Lato A/4 del primo LP 33 giri pubblicato da questo lodevole gruppo ossolano “D…come Domodossola”, etichetta PDU, numero di catalogo PDL A 5036. L’originale è stata una hit composta dai fratelli Barry e Robin Gibb dei Bee Gees, che la inserirono nel loro LP 33 giri “Trafalgar”, dal quale poi venne estratto per formare un singolo che spopolò negli USA: #1 della Billboard Hot 100. Il brano inspiegabilmente non ottenne lo stesso risultato in UK, addirittura non entrò nemmeno nella classifica dei singoli. Disco originale: singolo 45 giri, etichetta Polydor, numero di catalogo 2058 115, pubblicato in giugno del 1971.
Il giorno dopo Pasqua (1971) Domodossola Mon coeur est un oiseau (1971) Andréa Parisy Lato A/5 dell'album “D…come Domodossola”, testo italiano di Dino Sarti, bolognese, famoso cantante e cabarettista negli anni '50 nella sua città, diventato poi autore di testi di canzoni. La canzone originale è stata coscritta dai francesi Franck Gérald, pseudonimo di Gérald Biesel, e Jack Arel. e cantata per la prima volta dall’attrice francese Andréa Parisy. Per lei è l’unico disco e si tratta di un singolo 45 giri, il suo lato B è “Laisse Tomber Les Tabous”, registrato per l’etichetta Philips, numero di catalogo 6006 150, pubblicato nel 1971.
Io…Aio (Eeo…ei…o) (1971) Domodossola Eeo-Eio (1971) The Beads Lato A/6 del precedente LP 33 giri “D…come Domodossola”, testo italiano di Dino Sarti. Il Testo dell’originale è stato scritto dalla cantante, autrice di canzoni e attrice inglese Lynsey Meta Rubin, meglio conosciuta con lo pseudonimo Lynsey De Paul. La musica è del cantante, compositore e produttore discografico, anch’egli inglese, Eddy Adamberry (Vedi la pagina delle Note). La prima registrazione di questo brano è accreditata band The Beads, presumibilmente inglese e di cui nulla si sa anche se registrava per la Decca (disco originale singolo 45 giri,numero di catalogo F 13244, pubblicato in ottobre del 1971). Il brano è più conosciuto per un'altra cover del giovanissimo attore inglese Jack Wild, noto per la sua parte di protagonista nel fil musicale Oliver! (trasposizione da Oliver Twist di Dickens, grande successo in UK e in USA nel 1968-69) che vanta anche una modesta discografia. Il titolo modificato della sua canzone è E.O.I.O. ed è stata pubblicata su LP 33 giri, etichetta Buddah Records, numero di catalogo BDS5110.
Glory, glory, glory (1971) Domodossola The Banner Man (1971) Blue Mink Lato B/2 del precedente LP 33 giri “D…come Domodossola”, testo italiani di Paolo Limiti. Il banner man sarebbe il portabandiera e "glory glory glory" è il refrain della canzone originale. Che era scritta dal britannico Erbie Flowers (Brian Keith Flowers) e dal duo di compositori britannici Cook-Greenaway, nome collettivo di Roger Frederick Cook e Roger John Reginald Greenaway, famosi anche come duo canoro, con lo pseudonimo “David & Jonathan”. La prima registrazione di “The Banner Man” è del gruppo britannico Blue Mink, co/fondato dagli stessi autorinel 1969 ed è stata una hit da # 3 in UK nel maggio del 1971. Disco originale: singolo 45 giri, etichetta Regal Zonophone, numero di catalogo RZ 3034.
Si muore (1971) Domodossola Heartbreaker Grand Funk Railroad Testo di Ermanno Parazzini per questa cover pubblicata su 45 giri con la etichetta PDU (PA 1061) ad aprile 1971. L'originale era “Heartbreaker” composta da Mark Farner, il chitarrista del gruppo hard rock e proto heavy-metal statunitense “The Grand Funk Railroad".
Pais Tropical (1974) Domodossola Pais Tropical (1969) Jorge Ben Jor Testo di Paolo Limiti e Nino Tristano pseudonimo di Nino Pirito per questa cover del classico della MPB pubblicato sull'LP  “Se Hai Paura”, etichetta PDU (PDL A 5086) a marzo del 1974. Il notissimo e più volte ripreso era stato scritto dal compositore e cantante brasiliano Jorge Ben Jor (Jorge Duilio Lima Menezes), autore anche del famoso e primo grande hit internazionale brasiliano ”Mas Que Nada” del 1963. Il brano in oggetto era stato pubblicato su LP 33 giri ”Jorge Ben” , etichetta Philips (Bra) (R 765.100 L).
Tutto bene (1975) Domodossola Sad Sweet Dreamer (1974) Sweet Sensation Versione italiana di Albertelli e Lubiak. L'originale era il principale successo per il gruppo soul britannico (di Manchester) Sweet Sensation (#1 UK, #14 USA). La voce bianca che esegue la parte solista nel brano originale era di un ragazzo, Marcel King, allora sedicenne e più giovane componente del gruppo di otto elementi. Per ragioni anche di estensione vocale nella ottima versione dei Domodossola viene eseguita dalla brava cantante del gruppo Laura Miserocchi.
100 Volte Lei (1970) Donatello All I Have To Do Is Dream (1958) Everly Brothers Testo di Giuliano Illiani, alias Donatello, cantante ricordato soprattutto per "Malattia d'amore" classico lentone da festa adolescenziale. Questo brano inedito (anche disperso) perché unica cover inserita su LP 33 giri “Donatello”, (etichetta:Ricordi, cat: SMRL 6076, pubblicato in ottobre del 1970). Si tratta della cover del grande pezzo melodico “All I Have To Do Is Dream”, composto dai coniugi Felice e Boudleaux Bryant, portato al grande successo dal duo statunitense The Everly Brothers, piazzando il il pezzo al 1° posto nelle tre classifiche dei singoli negli Usa del 1958, Billboard :- Hot 100 – Hot R&B – Hot Country.
Prova Tu (1972) Donatello The World Song (1971) Petula Clark Testo di Maurizio Vandelli, registrata nel lato B del singolo “Ti Voglio”(45 giri, etichetta: Ricordi, cat: SRL 10662, pubblicato in febbraio del 1972). Si tratta della cover di “The World Song” composta da John Bromley e Petula Clark e cantata da quest’ultima che la registrò come singolo 45 giri alla Pye Records(UK) (cat: 7N 45091, pubblicato nel 1971).

Ho rimasto (1963)

Don Backy

What Do You Want to Make Those Eyes at Me For (1959)

Emile Ford & The Checkmates

Traduzione libera come in altre cover del Clan. Versione italiana di Mogol e dello stesso Don Backy. Errore grammaticale nel testo ovviamente voluto, conseguenza di una scommessa persa con Celentano. Il titolo completo è "(Ancora una volta) Ho rimasto solo". Singolo Clan Celentano, n.cat. ACC 24013.

Sono solo (1963) Don Backy Call Off The Wedding (Without A Groom There Can’t Be A Bride) (1963) Babs Tino Sull'altro ancora una cover per la quale è stato scelto un titolo fortunatamente più breve dell'originale della cantante Babs Tino. L'originale era composto dal connubio collaudato d’autori Bart Bacharach-Hal David ed era stato pubblicato in gennaio del 1963 nella interpretazione di Babs Tino per la Kapp Records, cat. K 498X. Versione italiana del solito "highlander" della canzone italiana (Mogol) probabilmente non molto fedele, a giudicare dal titolo.
Amico (1963) Don Backy Keep Away From Other Girls  (1962) Helen Shapiro Un brano di Bacharach e Hilliard per questa altra cover curata sempre da Mogol e Don Backy. Sempre nel periodo Clan di Don Backy. Pubblicata anche sul primo LP di Don Backy (vedi dopo).
Io che giro il mondo (1964) Don Backy I Think I'm Gonna Like it Here Elvis Presley Incisa con il suo gruppo, i Fuggiaschi, questa cover da un brano dello stesso anno di Elvis Presley, sul retro del disco Clan ACC 24018 "Mama che caldo". Il brano di Elvis, contenuto nel suo film " " apparteneva al periodo "sudamericano". "Penso che mi piacerà qui", cioè in un esotico Messico (era inserita nel film di Elvis "Fun in Acapulco").
Succederà (1964) Don Backy Something Blue (1962) Elvis Presley Disco Clan ACC 24021, retro di "Cara", un brano di Mariano Detto. Testo italiano della cover da Elvis di Beretta e dello stesso Don Backy.
La fortuna (1965) Don Backy Fame and Fortune (1960) Elvis Presley Pubblicato sull'LP "L'amore di Don Backy" disco Clan ACC S LP 40005, e primo album per il cantautore toscano, nel tirolo richiama il successo di quell'anno di Don Backy (L'amore). Testo italiano della cover di Beretta e dello stesso Don Backy. L'originale era stato il primo successo di Elvis Presley dopo il rientro in attività dopo il servizio militare, che all'epoca non "risparmiava" neanche le pop star internazionali.

Mister Tamburino (1965)

Don Backy

Mr. Tambourin Man

Bob Dylan

In questo caso invece la versione italiana puntava a rendere in italiano il poetico e metaforico testo del capolavoro di Dylan, noto soprattutto per la storica versione dei Byrds. Altra cover per il primo LP di Don Backy.

Una ragazza facile (1965) Don Backy Memphis Tennessee (1959) Chuck Berry Per il retro del suo singolo L'amore (Clan ACC 24030) Don Backy ha preparato una versione, ovviamente diversa nel testo nell'originale (quello italiano è del solito infaticabile Mogol), dal noto blues rock di Chuck Berry degli anni '50. Il brano era però tornato d'attualità nello stesso 1965 grazie ad una nuova versione di Tom Jones del 1965, che era nota in Italia essendo anche risultata vincitrice a Bandiera gialla, e quindi è probabile che sia stato questo lo spunto per la scelta di Don Backy. Altra versione da parte dei Big Ben's, nello stesso anno con lo stesso testo scanzonato e trasgressivo.
Come testimoniato da un video degli anni '60 disponibile anche su YouTube nelle esecuzioni successive Don Backy cantava una versione censurata del brano (incredibile ma è così) che diventava "Una ragazza semplice" (e proprio non è la stessa cosa).
I Got A Woman (1968) Don Backy I Got A Woman (1954) Ray Charles Don Backy è un cantautore ma per completare il suo album del 1968 “Casa Bianca"  (etichetta Clan Celentano cat: ACC 40009) aveva inserito un gruppo di 5 covers. Una era un'altra versione di And I Love Her (già inserita) tra le cover dei Beatles. Tra le altre questo r&b di ascendenze gospel di Ray Charles (45 giri Atlantic Records 1050) scritto e composto dallo stesso musicista con Renald J. Richard della sua band. Titolo in inglese ma testo in italiano di autore non indicato sull'etichetto  (probabilmente lo stesso Don Backy.
Ritorna da me (1968) Don Backy My Blue Heaven (1927) Gene Austin Anche di questa canzone, in etichetta, non compare l’autore italiano del testo (ma si presume sia il solito Mogol). E’ la cover di “My Blue Heaven”, musica scritta nel 1924 da Walter Donaldson e il testo da George Whithing. La prima incisione risulta quella di Gene Austin su singolo 78 giri, etichetta Victor, cat. 20964, pubblicata nel dicembre 1927. Successivamente ripresa da Frank Sinatra, lato B del singolo “Should I?” su etichetta Columbia-4 38892 del 1950. E' più nota però la versione di Fast Domino, registrata nel lato B su singolo 45 giri “I’m In Love Again” su etichetta Imperial Records, cat X 5386 del marzo 1956, oltre a molte esecuzioni orchestrali e a un gran numero di altre cover (più di 80).
Quando un uomo non sa amare (1968) Don Backy When A Man Loves A Woman (1966) Percy Sledge Di questo r&b di grande successo internazionale e anche ben noto in Italia si contano alcune versioni in italiano. Oltre a questa di Don Backy con lo stesso testo (di Mogol), con piccole variazioni, anche una di Pierfranco Colonna ex Ragazzi del sole. ”. Musica e testo erano composti da Percy Sledge ma, a detta sua, cedette il copyright ai musicisti Calvin Lewis e Andrew Wright, per compensarli dell'aiuto ricevuto quando, disoccupato, venne aiutato da questi a portare al grande successo la canzone. Primo contratto e primo singolo per lui con la Atlantic Records, n. cat. 2326. In classifica al numero 1 sia in USA sia in top-10 UK.

Michelle (1966)

Don Miko

Michelle

Beatles

Testo italiano di Ricky Gianco per il cantautore Don Miko (Michele Bozzetti), impegnato in uno dei pochi brani dei Fab Four che potevano essere resi bene anche in italiano.

Non verrà (1966) Don Miko Little Girls Were Made To Love The Scepters Un tipico garage beat da un gruppo di Memphis per il lato B del singolo di Don Miko.
Tanto so che poi mi passa (1964) Dusty Springfield Every Day I Have To Cry Some (1963) Steve Alaimo Auto-cover di Dusty Springfield per il ricco mercato discografico italiano di un suo successo in UK, che era però a sua volta una cover di un brano precedente, anch'esso fortunato in USA, del cantante e poi produttore americano Steve Alaimo. Disco Philips 326 679 BF. Versione italiana di Mogol.
Stupido, stupido (1964) Dusty Springfield Wishin' and Hopin' (1964) Dionne Warwick Altra auto-cover di Dusty Springfield di un altro suo successo, un bel brano pop di Burt Bacharach. Inciso nel 1963 dalla Warwick (ma come lato B di un singolo) aveva avuto un buon successo nella successiva versione del 1964 della cantante inglese. Era il retro della precedente canzone. Versione italiana di Cassia. Sarà per via della lingua ma è ben superiore la versione inglese.
Chi sei? (1967) Edda Ollari Down (1966) Billie Dearborn Edda Ollari aveva iniziato la carriera giovanissima al Cantagiro 3 anni prima con un brano di discreto successo che era uno specie di ripasso sui congiuntivi (Che tu mi baciassi).  Questa cover era il lato B del suo terzo singolo C'è chi può, sempre con la etichetta Bentler (cat. BE-NP 5028).Gli autori del brano originale sono Herbert Bernstein e Larry Russell Brown e il testo italiano è di Alberico Gentile).
Dolce Amore (1970) Edwin Starr Soul Master Edwin Starr Un'altra delle cover pubblicate per il mercato italiano dalla Tamla Motown, la casa discografica n.1 del R&B con la versione in italiano, auto-cover, dei principali successi dei suoi campioni di incassi. Come per Stevie Wonder, Supremes, Four Kents, Temptations. Singolo Tamla Motown TM 8008.
Che Forza  (1970) Edwin Starr Oh How Happy Edwin Starr Lato B del singolo italiano di Edwin Starr.
Questi stivali sono fatti per camminare (1966) Eileen These Boots Are Made For Walkin' (1966) Nancy Sinatra Eileen (Goldsen) era una giovane americana, insegnante di francese, arrivata in Francia nel 1963. Le chiesero di tradurre in francese alcune canzoni folk americane ed inglesi, ma risucì invece a proporsi lei come cantante, con un primo LP tutto di traduzioni (Prends ta guitar - 1965). Nel '66 la sua casa discografica le propose di incidere tradotta in francese e in tedesco il successo mondiale di quell'anno di Nancy Sinatra, e così sono arrivate, con discreto successo in Germania e in Francia, Die stiefel sind zum Wandern e Ces bottes sont fait pour marcher. A ruota è arrivata la versione italiana che, anche in questo caso, tentava in qualche modo, inerpicandosi maldestramente sull'italiano, di riprendere il testo originale. Anche se con una ardita estensione quasi S/M ("... se mi stancherò, io camminerò coi miei stivali su di te ...").

Torna a casa ragazzina beat

Elio Ciprì

She'd Rather Be With Me

Turtles

Un brano ispirato ad una delle preoccupazioni dei benpensanti degli anni '60: la ragazza che scappa di casa per andare con i capelloni. La più famosa "fuggitiva" (o presunta tale) è stata sicuramente Patty Pravo.
Acquario (1968) Elio Gandolfi Aquarius (1968) 5th Dimension Ardimentosa cover in italiano dal celebre brano, momento culminante del musical Hair, per il giovane Elio Gandolfi, lanciato a Sanremo l'anno prima assieme a Shirley Bassey con il mitico brano La vita. Disco Carosello, versione italiana di Minellono.
Capelli (1968) Elio Gandolfi Hair (1968) Interpreti del musical L'operazione temeraria continua con la canzone centrale del musical di James Rado e Jerome Ragni. Versione italiana questa volta di Vito Pallavicini. Altro lato del singolo con Acquario. Da notare che Elio Gandolfi portava i capelli corti, anche sulla copertina di questo disco.
Un anno di più (1968) Elio Gandolfi Young Girl (1968) Gary Puckett & The Union Gap Un'altra cover per la partecipazione al Cantagiro '68 e presentata anche in programmi TV di prima serata con testo italiano di Alberto Testa per il lancio, coronato da scarso successo del giovane cantante ferrarese, singolo 45 giri, etichetta Carosello - CI 20201. L’originale era stata scritta e composta dal cantautore statunitense Jerry Fuller per la pop band californiana The Union Gap, uno dei gruppi di maggior successo degli anni '60 in USA, capitanata dal chitarrista, cantante e compositore Gary Puckett. La loro canzone è stata una hit da # 3 della Billboard Hot 100 in marzo del 1968 e # 1 della UK Singles Chart nell’aprile successivo. Disco originale, singolo 45 giri, etichetta Columbia - 4-44450, pubblicato in febbraio del 1968.

Mi mandi via (1967)

Elisabetta

Love Is Here And Now You're Gone 

Supremes

L'originale era un efficace R&B soft di Diana Ross con le sue fedeli Supremes Mary e Flo. Testo italiano di Franco Migliacci, era il lato B di Sospiro un singolo per la ARC (AN 4139) di una cantante di cui non si sa molto altro, se non il nome completo è Elisabetta Leocata, che ha pubblicato l'anno dopo un altro singolo con la Vedette (Battiti si, battiti no), che è di Roma e che qualche anno dopo è entrata nella formazione delle Voci Blu. Nella esecuzione era accompagnata dai Cantori Moderni di Alessandroni.

Non cercare la luna (1965)

Elisabetta Ponti

N'ecoute pas les idoles

Serge Gainsbourg

Elisabetta Ponti, esordiente per caso, arrivò con questo brano soft beat al II posto, dopo il melodico Mariolino Barberis, al Cantagiro del 1965, sopravanzando cantanti noti come Caterina Caselli, che presentava il suo brano di esordio Sono qui con voi, o Sonia e le sorelle.

Sha La La Lee (1966)

Elsa e i Beats

Sha La La Lee (1966)

Small Faces

Versione italiana di uno dei primi successi (n.3 in UK nel febbraio del 1966) degli Small Faces, poi semplicemente Faces, il primo gruppo di Rod Stewart.

 

Note

 

 

 
 

Vedi: La Pagina delle Note alla lista n.2


Per segnalazioni o precisazioni scrivere a: Webmaster Musica & Memoria


 

Ads by Google

 

 

© Musica & Memoria 2001-2016 - REVISIONI

CONTATTO

HOME

 

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.