Il mercato della musica

HOME

MENU

 

Il mercato della musica e il settore dell'industria che ha vissuto i più grandi sconvolgimenti negli ultimi 50-60 anni ed è stato anzi quasi sempre il banco di prova per le nuove tecnologie poi divenute di massa e pervasive.

I dati di vendita commentati: 2015, 2014, 2013, 2012, 2011, 2010, 2009, 2008, 2007, 2006, 2005, 2004

 

Sugli stessi argomenti in Musica & Memoria

 

Dal musicista all'ascoltatore / Gli standard e il passaggio al digitale / La diffusione / La distribuzione / La radio / Le majors del disco / Gli album più venduti negli anni '60 / Le FAQ di Musica & Memoria / Il mercato della musica 2004-2010

 

I periodi del mercato della musica

TOP

 

Seguendo il classico schema per decenni gli anni '60 sono stati il periodo del 45 giri, che nel decennio diventa un prodotto di massa grazie alla diffusione dei giradischi economici, che consentono di superare l'ascolto collettivo (il juke-box) che dominava il decennio precedente e i primi anni '60. Gli anni '70 vedono l'affermazione del LP e del suo contraltare economico, le musicassette, gli anni '80 il lancio e la rapida affermazione del CD, e in parallelo la (temporanea) sparizione o quasi del vinile, quindi la tecnologia digitale che arrivava per la prima volta in un mercato di massa e soppiantava l'analogico. Gli anni '90 hanno visto l'affermazione e la massima crescita del mercato del CD, diventato supporto universale anche in mobilità con il Discman (successore dell'innovativo Walkman a cassette del decennio precedente) e con il CD per car audio, ma sono stati anche gli anni in cui è iniziata la diffusione di massa dei masterizzatori casalinghi e quindi della copia o duplicazione senza perdita. (Nella foto i Pink Floyd, protagonisti principali nell'epoca d'oro dell'album progressive, durante la registrazione di The Dark Side Of The Moon, con Alan Parsons).

Negli anni zero le invenzioni della compressione MP3 e della distribuzione P2P hanno consentito la distribuzione della musica gratuita su Internet e dato una spinta decisiva alla diffusione della rete globale nella quale siamo ormai immersi, incluso il passaggio in massa all'alta velocità ADSL, affermatasi proprio in quegli anni. Sono stati anche gli anni in cui la distribuzione gratuita e quindi illegale è stata incanalata in un mercato legale con l'accoppiata iPod / iTunes e quindi è nato il download digitale come nuovo mercato di massa. Gli anni '10 di questo secolo stanno vedendo un'altra rivoluzione, iniziata in realtà anch'essa nel decennio precedente, la sparizione progressiva e definitiva del supporto, anche se immateriale e digitale (il file archiviato dall'utilizzatore), sostituito dalla possibilità di ascoltare in streaming la musica in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, con la massima libertà di scelta, e nel momento. Una rivoluzione resa possibile e amplificata dalla diffusione di massa nel decennio di altre due innovazioni epocali: lo smartphone e il tablet, e in parallelo di reti dati mobili ad alte prestazioni (3G e 4G).

Ad un ordine di grandezza inferiore come numeri ma di importanza equivalente per il presidio della qualità dell'ascolto gli anni zero hanno visto la proposta anche per la musica dell'alta definizione, prima (in modo poco convinto) su supporto fisico (SACD e DVD-Audio) e poi vn modo un po' più convinto e con maggiore interesse da parte degli appassionati, via download. Ma gli anni zero hanno visto anche il ritorno del vinile che arriva ad una affermazione anche come quote di mercato a partire dal 2015.

 

I protagonisti

TOP

 

Una serie di rivoluzioni e rivolgimenti che hanno visto un succedersi di protagonisti ben precisi: le grandi case discografiche, le major, negli anni '60 e primi '70, gli artisti creativi e che guidavano le tendenze musicali nei '70, gli anni degli LP, dell'impegno e del progressive e anche della diffusione di massa dell'hi-fi. Tra i produttori la Philips con le musicassetta che consentiva di abbassare i costi elevati dell'LP grazie alla duplicazione e la condivisione e la Sony con il Walkman e la possibilità di fruire la propria musica in mobilità. (Nella foto a lato il patron della Sony Akio Morita con il walkman).

Negli '80 ancora protagonisti la Sony e la Philips con il lancio del CD, autentica fuga in avanti tecnologica (riuscita) che utilizzava tecnologie di base ancora non mature. Nei '90 ancora la Philips con la diffusione di massa a costi contenuti del masterizzatore incluso nel PC, a cui potremmo aggiungere Microsoft per la diffusione di massa del PC stesso.

Dagli anni zero in poi tutte le rivoluzioni sono sulla rete, e all'inizio hanno protagonisti sconosciuti, Chiariglione per la messa a punto dell'MP3 e Shawn Fenning detto Napster per l'omonimo sistema efficientissimo di distribuzione in rete, il peer-to-peer. Comincia nello stesso periodo l'ingresso nel settore della Apple guidata da Steve Jobs, con l'iPod e iTunes, che riconducono in un alveo legale e profittevole le innovazioni introdotte con MP3 e Napster, e danno l'avvio a quella che diventerà la più grande azienda di tecnologia del mondo. Ancora la Apple protagonista a fine decennio e soprattutto nel decennio successivo, quello presente, con iPhone che trasforma l'ormai datato telefonino in un device universale sfruttando pienamente le potenzialità nuove della rete e lo trasforma anche in una sorgente musicale e video, e con l'iPad che ne estende l'uso e lo fa convergere con quello dei PC mobili grazie allo schermo grande e di alta qualità.

Un ruolo fondamentale anche del concorrente globale di Apple, Google, con YouTube che impone progressivamente e infine globalmente il concetto di streaming (musicale e video) e che con Android rende lo smartphone da un grande mercato proprietario ad un grande mercato di massa globale, e infine anche un ruolo importante per Spotify che dà il via al mercato di massa (non ancora del tutto) anche per lo streaming in abbonamento.

 

Dove va il mercato della musica

TOP

 

La situazione non è ancora in equilibrio e vede una forte distanza tra consumi di musica sempre crescenti e ricavi che non crescono con la stessa velocità, e di conseguenza una sofferenza per tutti gli attori del mercato, dai musicisti agli editori alle case discografiche. Una conseguenza della disparità nei rapporti di forza tra chi controlla la diffusione della musica e gestisce gli introiti pubblicitari e di abbonamento o acquisto, e chi crea la musica. Conseguenza a sua volta di una offerta sempre più ampia, grazie alla facilità con cui si accede ai canali di diffusione (in primis YouTube), al costo sempre più basso di produzione grazie alle tecnologie digitali, e all'abbattimento progressivo delle barriere geografiche, di lingua e di cultura. Il risultato è un frazionamento e quindi una debolezza dell'offerta e anche degli intermediari che la gestiscono (Nella foto Martin Lorentzon, co-founder di Spotify).

Una situazione che, assieme alla disponibilità sempre più ampia di banda e di device mobile sempre più performanti, favorisce un ulteriore sviluppo dello streaming ed una conseguente progressiva riduzione dello spazio per il download come avviene già dal 2015. Come negli altri settori dell'entertainment si può quindi prevedere la progressiva stabilizzazione verso un mercato a tre livelli di ampiezza decrescente:

  • a consumo immediato (streaming) gratuito e in chiaro con pubblicità
  • a consumo immediato (streaming) premium senza pubblicità e con contenuti speciali in abbonamento a prezzi differenziati in base alla qualità (compressa alta qualità, qualità CD, HD)
  • con possesso ma solo per caratteristiche speciali del contenuto musicale (DSD HQ) o del supporto (vinile)
  

Ads by Google

 

© Alberto Maurizio Truffi - Musica & Memoria  - Aprile 2016

NOVITA'

HOME

 

   

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.