Radio pirata, radio libere, radio private

HOME

MENU

     

Le radio libere

Come è iniziato il fenomeno / La situazione in Italia / Le prime radio libere in Gran Bretagna / Radio Caroline / Radio Luxembourg / Le radio inglesi in Italia / La radio in Italia negli anni '60 / Qualcosa si muove / E le radio libere? / Aprire una radio libera / Le radio libere dilagano / Le leggi economiche vincono sempre / Diritti di copia / E la musica?

Programmi

Bandiera gialla / Per voi giovani / Alto gradimento / Supersonic / Popoff / Hit Parade / Radio 2: 21 e 29

Tra ieri e  oggi

La radio, oggi / Le frequenze / La radio negli Stati Uniti / La tecnologia di diffusione (FM, AM, Filodiffusione, Radio digitale terrestre, Satellite, Internet Web radio, P2P radio)

Vedi anche

La RAI e la censura / Le radio libere in Italia: un censimento del 1976 / I dati di ascolto delle radio / Le prime radio libere in Italia / Le radio pirata off-shore / La radio digitale terrestre

 

Ads by Google

Dalle radio pirata alle radio libere

 

La musica è legata strettamente alla radio, che è tuttora il principale mezzo di diffusione e di conoscenza delle novità musicali, anche se Internet è il futuro e ormai anche il presente, soprattutto grazie a YouTube. La radio ha avuto la sua stagione di massima espansione nell'era delle radio libere. Che in realtà hanno iniziato il loro viaggio come radio pirata, perché trasmettevano eludendo esplicitamente la legge, in modo un po' temerario, semi-legale o illegale del tutto, fuori dai confini e dalle acque territoriali. Era l'avventurosa vicenda delle radio off-shore degli anni '60, che poi sono diventate radio libere, sempre alternative, ma che sfruttavano le aperture e le possibilità offerte dal vento di libertà e di anarchia degli anni '70, ma che col tempo sono diventate semplicemente radio private, nel senso proprio di "imprese private", sempre meno interessate alla libertà e sempre più al profitto, premessa per la sopravvivenza.

Le radio, private o libere che siano, fanno parte del panorama musicale, sono il nostro accompagnamento, soprattutto quando viaggiamo in macchina, e facciamo zapping con i segni + e - tra una radio e l'altra, non appena parte la pubblicità. La radio, certo, è diventata col tempo un mezzo di minore importanza, quasi residuale dal punto di vista economico, rispetto alla televisione. È un mezzo di informazione e di intrattenimento che trova la sua principale ragione di utilizzo in mobilità, e in generale quando si possono utilizzare soltanto le orecchie, mentre tutti gli altri sensi sono occupati nel guidare o nel fare altre cose. La radio, pur con tecnologie diverse e mutazioni interne inevitabili, continua ad essere tra noi, sui nostri PC connessi ad Internet o sui nostri dispositivi mobili sempre più potenti e multifunzionali.

 

Gli inizi

INDICE

 

Gli investimenti per realizzare una radio sono stati ingenti fino a non molti anni fa, e quindi alla portata soltanto di grandi organizzazioni. Nei primi tempi della radiofonia quindi le radio erano soprattuttostatali, anche se negli Stati Uniti d'America già negli anni '40, organizzare e mettere in piedi una radio era un investimento alla portata anche di imprenditori di medie capacità finanziarie. Quindi iniziò, complici anche la libertà di azione garantita dalla costituzione americana, la struttura federale e la estensione del territorio, una proliferazione di radio libere, cioè di radio indipendenti, nel caso americano, dalle grandi reti nazionali.
Era quella fase raccontata nel film di Woody Allen "Radio Days", citata anche nel recente film dei fratelli Cohen "Fratello, dove sei" (Brother, Where Are Thou?, enorme successo della colonna sonora negli USA) e anche il tema di un album che è una pietra miliare della musica pop, il famoso disco del 1982 The Nightfly di Donald Fagen.

 

La situazione in Italia

INDICE

 

In Italia in Europa le cose erano piuttosto diverse. In Italia, dove peraltro la radio è stata inventata, come noto, da Guglielmo Marconi, le trasmissioni regolari sono iniziate ai tempi del fascismo e, anzi, proprio la radio è stata il mezzo principe di diffusione della propaganda del regime, che organizzava radiodiffusioni pubbliche nelle piazze dei discorsi del Duce, a beneficio di chi non aveva l'apparecchio in casa.

Dopo la guerra la radio è ripartita come strumento di intrattenimento, anzi il principale mezzo di intrattenimento, assieme al cinema, almeno fino alla definitiva affermazione della televisione nei primi anni '60.
La radio in Italia era diffusa da un solo gestore nazionale, ovviamente la RAI (erede della EIAR dei tempi del fascismo) e trasmetteva solo tre programmi nazionali; il primo e secondo canale di intrattenimento generale e di informazione, il terzo canale dedicato alla musica classica e in generale a programmi culturali e di approfondimento. Si potevano poi ascoltare molte radio straniere, sulle onde medie e sulle onde lunghe, che consentivano una propagazione ampia o amplissima delle trasmissioni. Le radio dell'epoca avevano una scala di sintonia dove erano indicate le località di origine delle trasmissioni, che spaziavano su tutta l'Europa, e alcune radio straniere, in primis Radio Vaticana, trasmettevano in italiano, fornendo un minimo di alternativa.

Esisteva poi la filodiffusione, che in realtà non era radio, ma una trasmissione via doppino telefonico di programmi musicali su tre o quattro canali tematici (classica, leggera, un po', in piccolo, come il servizio radio fornito dai canali satellitari attuali o dai canali radio internet), sempre gestita dalla RAI.

La filodiffusione non era hi-fi, ma almeno era stereofonica, a differenza della radio, che in Italia rimaneva monofonica sia sulle onde medie (dove non si poteva fare altrimenti) sia sulla modulazione di frequenza, che consentiva una maggiore qualità e che in USA già negli anni '50 era trasmessa in stereo, e garantiva una qualità della musica riprodotta al livello degli LP e dei giradischi di allora, o addirittura superiore.

Già dagli anni '60 la radio in Italia era meno centrale di dieci anni prima, in quanto la televisione si stava velocemente diffondendo in tutte le case; sempre meno numerose erano quindi le famiglie che, come avveniva dieci anni prima, si riunivano alla sera attorno agli apparecchi radiofonici a sentire i "radiodrammi" (le telenovele per radio) o le trasmissioni di intrattenimento. La radio rimaneva però un mezzo di svago importante, in quanto la televisione all'epoca non trasmetteva tutto il giorno, ma praticamente solo dal primo pomeriggio, con le trasmissioni per i ragazzi, fino a mezzanotte circa, con la famosa "fine delle trasmissioni", che inquadrava con una carrellata interminabile una antenna gigantesca, con il sottofondo della ouverture del Guglielmo Tell di Rossini.
La radio invece trasmetteva ininterrottamente nella gran parte delle ventiquattrore.

La radio era rigidamente controllata dall'unico gestore, ovviamente, e gli elementi musicali e di costume degli anni '60 erano recepiti in maniera minima e attentamente filtrata, riflettendo un orientamento tra il conservatore e il moralista ,tipico della direzione RAI di allora (il mitico Bernabei), che vedeva con sospetto i complessi beat con i capelli lunghi e gli atteggiamenti vagamente trasgressivi che cominciavano a affacciarsi. (Vedi: la RAI e la censura).

 

Le prime radio libere, le radio pirata inglesi

INDICE

 

La situazione in Europa era più o meno analoga a quella del nostro paese: radio statali, rigidamente controllate, tra le quali spiccava per qualità e professionalità la famosa BBC inglese, e naturalmente, si potevano osservare tempi diversi tra paese e paese nel passaggio di testimone tra la radiofonia e la televisione come strumento di diffusione (broadcast) principale.

A differenza degli Stati Uniti, dove non c'era alcun monopolio o concessione statale da violare, ma solo un problema di accesso a finanziamenti sufficienti e di registrazione e omologazione all'ente tecnico regolatore delle attrezzature, in Europa per trasmettere via radio, senza essere il gestore statale, bisognava violare la legge. D'altra parte però la premessa per nuovo mercato c'era, tanta musica alternativa che esplodeva, sulla scia del successo planetario dei Beatles e dei Rolling Stones, tanta voglia da parte dei giovani di ascoltare musica al di fuori delle fasce orarie prestabilite e di sentirsi parte di un circuito diverso e alternativo a quello degli adulti.
Insomma c'erano tutte le condizioni per imprenditori realmente intraprendenti che se la sentivano di buttarsi in quest'avventura; la stessa cosa è successa vent'anni dopo con la televisione, e vent'anni dopo ancora con Internet.

Una radio Westinghouse a valvole di fine anni '50

La radiotrasmissione però era rigidamente regolamentata e le frequenze, limitate e date in concessione, erano controllate, se non dall'esercito, almeno dalla polizia (la Polizia postale, in Italia). Alcuni imprenditori inglesi però violarono l'embargo ad inizio anni '60, nel 1964 per la precisione, ebbero infatti l'idea di trasmettere utilizzando navi ancorate fuori dalle acque territoriali inglesi, sfruttando il fatto che le onde radio non conoscono i confini. Era la mitica Radio Caroline. Una radio pirata quindi, che agiva in mezzo al mare, aggirando ingegnosamente la legge.

 

E tutto ciò avveniva non a caso nella Inghilterra della swingin' London, il paese allora più brillante e più all'avanguardia d'Europa e forse del mondo, e quindi più insofferente delle gabbie e delle restrizioni.
E questa nuova radio si affiancava alle trasmissioni ospitate da altri paesi, per aggirare i divieti, come Radio Luxembourg (che trasmetteva ovviamente dal Lussemburgo) e ad altre che si aggiunsero, perché il successo naturalmente fu grande, da subito.

Trasmettevano in inglese, ma soprattutto trasmettevano musica, che è un linguaggio universale, che abbatte le barriere linguistiche, avevano bisogno di musica per riempire le trasmissioni, ed erano quindi strettamente connesse ad una industria discografica, allora decisamente aperta al nuovo.
La radio ufficiale inglese, la BBC, peraltro non rimase a guardare, e rispose con trasmissioni dedicate ai giovani (come Saturday Club e Ready Steady Go!), dove debuttarono sia i Beatles sia i Rolling Stones.

 

Le radio libere inglesi le sentivano anche in Italia

INDICE

 

Se durante la guerra gli italiani sentivano le notizie dal mondo libero tramite Radio Londra, che trasmetteva in italiano per le zone occupate dall'invasore tedesco, ovviamente ora si poteva, con apparecchi potenti, sentire Radio Caroline o Radio Luxembourg (soprattutto la seconda).

Una classica (e ottima) radio Telefunken a valvole degli anni '50

Gli ascoltatori non erano rappresentati dal pubblico di massa, ma in prevalenza dagli appassionati e dagli addetti ai lavori, i musicisti dei primi complessi beat, gli autori delle canzoni; le trasmissioni inglesi, le classifiche, erano per essi la principale fonte di ispirazione e lo strumento per aggiornarsi al veloce succedersi delle mode.
Raccontano infatti i complessi dell'epoca (per esempio quelli della Equipe 84, secondo una loro testimonianza) le serate passate ad ascoltare le radio inglesi, a prendere nota o a registrare le canzoni più interessanti o quelle che erano in classifica, a scegliere tra quelle canzoni quelle da riproporre in italiano, trascrivendo la musica e traducendo il testo, o inventandolo daccapo, quando il testo non era facilmente decifrabile, perché, naturalmente, la musica è universale, ma capire testo della canzone inglese, a volte non è facile neanche per un'inglese.

  

La radio in Italia negli anni '60

INDICE

 

La radio in Italia nel frattempo continuava ad essere rigidamente controllata, esisteva una commissione di ascolto, in pratica una commissione di censura che stabiliva cosa poteva essere trasmesso e cosa no, non potevano essere trasmesse ad esempio le canzoni di Fabrizio De Andrè, in quanto trattavano temi non adatti o usavano parole non consentite, una sola canzone era ammessa, era "Fila la lana", ma erano proibite sia quelle licenziose come Re Carlo, oppure quelle poco rispettose dell'ordine costituito, come "Il gorilla", così come quelle antimilitariste, come "La guerra di Piero", ma erano al bando anche canzoni che in qualche modo uscivano dal perbenismo, anche di autori notissimi, come Domenico Modugno, proibitissima la sua canzone "Nuda", dedicata peraltro alla moglie (vedi: La RAI e le canzoni oscurate).

Esistevano naturalmente trasmissioni specializzate per far conoscere le novità discografiche, collegate all'industria del settore, come  ad esempio"Il discobolo", una trasmissione curata dal giornalista Vittorio Zivelli, celebrata nella canzone "Rollo & his Jets" di Francesco De Gregori: erano di solito piazzate in orari strani, riempitivo, e sempre troppo corte, per esempio Il discobolo presentava in tutto un pezzo straniero al giorno.

Un sintonizzatore a valvole anni '60: il Fisher FM-100 del 1962

   

Qualcosa si muove anche in Italia

INDICE

 

Ma la spinta della nuova cultura era troppo forte anche per la radio italiana, fino ad allora totalmente controllata dal partito cristiano e, in parallelo al primo centro-sinistra negli anni '60, qualche segno di rinnovamento venne introdotto. Così iniziarono a fine degli anni 60 le due trasmissioni storiche, prototipo per molte di quelle successive, vale a dire Bandiera gialla e Per_voi_giovani, entrambe uscite dalla fantasia di Gianni Boncompagni e Renzo Arbore in seguito anche al centro del grande successo di Alto gradimento.

Un altro benemerito della diffusione della nuova musica era stato anche Adriano Mazzoletti, in realtà all'origine un curatore di trasmissioni di musica jazz, che iniziò a fine anni '60 a curare trasmissioni dedicate al rock (Disc jokey, 1966), anche più avanzate di "Per voi giovani" in quanto a musica trasmessa.

 

Ma le radio libere?

INDICE

 

Non se ne sospettava neanche l'esistenza, mettere su una radio sembrava ai più un'impresa fuori dalla portata di chi non controllasse perlomeno un governo, se ne sentiva parlare le prime volte proprio a Per voi giovani, per esempio dal grande Herbert Pagani, che spesso collaborava alla trasmissione; inviato in Cile, allora nella breve stagione del governo di  Salvador Allende, con il suo stile entusiasta, Pagani ne parlava come di un paese pieno di libertà, e per provarlo faceva sentire un nastro registrato dalla radio della sua macchina a noleggio, girando le sintonia e sintonizzando una stazione dopo l'altra. Sembrava una cosa fuori portata da noi, dove girando la manopola della FM di radio se ne trovavano sì e no 4 (quelle della Rai più Radio Vaticana) oltre a qualche radio estera che cominciava a trasmettere per l'Italia in certe zone, come Radio Montecarlo nel Nord-Ovest e Radio Capodistria nel Nord-Est. Eravamo un buon esempio di libertà negata (ma mancavano solo due o tre anni all'esplosione).
Perché il tappo saltasse mancavano solo due cose, una tecnologia alla portata, se non di tutti, di molti, e una spinta che travolgesse i controlli e la legalità. 
Due cose che sembravano difficili da realizzarsi, ma che arrivarono puntualmente a metà degli anni '70.

 

Come aprire una radio libera

INDICE

 

Sul lato tecnico la strada venne aperta dalla cosiddetta banda cittadina (Citizen Band o CB): rice-trasmettitori radio di bassa potenza (e bassa qualità) che avevano sostituito, o per meglio dire integrato, il piccolo popolo dei radioamatori. 

I radioamatori infatti esistevano da sempre, da decenni, ed erano gli unici che potevano trasmettere via radio in modo privato, erano però strettamente regolamentati e censiti, erano quegli appassionati con antenne enormi, di grande costo, che facevano a gara fra di loro a chi riusciva a mettersi in contatto con paesi remoti, l'Argentina, l'isola di Pasqua, o magari a captare le trasmissioni degli astronauti nello spazio. I radioamatori erano censiti e conosciuti della polizia postale, regolamentata la loro attività. 
Con la banda cittadina l'accesso alla tecnologia e alla funzionalità si abbassava drammaticamente. 
Era un mezzo di comunicazione bidirezionale, che serviva a chi voleva contattare magari gli amici; era in pratica un antesignano dei telefonini, e il compagno di viaggio dei camionisti in giro per l'Italia.

La regolamentazione era carente, in pratica il CB era vietato, o almeno una stazione CB doveva essere trattata come quella di un radioamatore, ma la spinta congiunta dei produttori, che volevano vendere gli apparati, degli esempi stranieri, dove era utilizzata già, della esigenza degli utenti, camionisti in primo luogo, del generale momento sociale, fece saltare tutte le regole, e i CB proliferarono, occuparono le frequenze parlando uno sull'altro e sovramodulando per farsi sentire, mentre le autorità alzavano le mani e facevano finta di non vedere, bastava evitare almeno di occupare le frequenze della polizia.

 

Le radio libere dilagano

INDICE

 

A questo punto il passo successivo era quasi naturale, passare dalla comunicazione uno a uno alla comunicazione uno a molti, cioè broadcast; gli apparati non erano molto diversi, produttori e distributori e negozi più o meno gli stessi, l'antenna doveva essere più grande e gli investimenti un po' superiori, ma ormai ci eravamo, e la tolleranza delle autorità travolte dai CB garantiva la impunità.

Per aprire una radio libera quindi bastava a questo punto un amplificatore, anche da pochi watt, una frequenza libera (cioè non ancora occupata da un'altra radio), un'antenna, alcune elettroniche non molto costose (mixer, microfono, cuffie, giradischi, registratore a cassette, eventualmente a bobine) e soprattutto un gruppo di amici disposti a coprire le ventiquattrore della giornata, o perlomeno la maggior parte di esse, perché la prima  differenza con la radio ufficiale era che la radio libera era sempre disponibile e sempre pronta a farti compagnia, e soprattutto, se la frequenza era lasciata libera anche per mezz'ora, veniva occupata da qualche altra radio.
Quindi i fornitori di apparati della banda cittadina garantivano la tecnologia, la libertà sociale e la spinta alla deregolamentazione degli anni '70 garantivano la caduta dei controlli, assieme all'entusiasmo per il nuovo mezzo di comunicazione e di contatto con gli altri, assieme al piacere di accedere a un mezzo finora limitato ad una elite, alla quale era difficile in precedenza entrare a fare parte; il piacere di diventare senza sforzo giornalisti o DJ, garantiva la massa di volontari, tecnici, conduttori, giornalisti, che facevano le radio.

In pochi anni, o forse pochi mesi, tutte le frequenze disponibili, almeno nelle grandi città, vennero occupate da decine di radio libere, anzi non era frequente il caso di frequenze occupate da due radio, di radio che trasmettevano volutamente fuori dalle regole, in sovramodulazione, per sopravanzare le altre radio vicine e che, anche in un'area contigua, trasmettevano sulla stessa frequenza. Alla fine arrivò anche la copertura legale, dopo i sequestri e i tentativi di fermare il fenomeno dei primi mesi, grazie ad una storica sentenza della Corte Costituzionale che stabiliva la fine del monopolio (in ambito locale).

Per coprire le ventiquattro ore, naturalmente, la musica era fondamentale. Sarebbe stato difficile riempire il palinsesto soltanto con trasmissioni autoprodotte, con inchieste giornalistiche o con tutte le altre tipologie di trasmissioni che faceva tipicamente la radio di Stato, quindi il palinsesto della radio libere era essenzialmente costituito da musica di vari generi e stili, strutturata per rubriche (la rubrica di musica classica e di jazz, l'immancabile rubrica di musica lirica, e così via), naturalmente tanto rock, tanti cantautori, e la musica del momento. E niente diritti d'autore.

Un classico sintonizzatore degli anni '70: il McIntosh MR78 del 1972

Ma c'era anche qualcosa che la radio ufficiale non poteva permettersi o permettersi solo in parte, e che le radio libere sfruttarono sino in fondo, la comunicazione bidirezionale attraverso la sinergia con il telefono: le trasmissioni con gli ascoltatori, figlie delle trasmissioni ufficiali come "Chiamate Roma 3131", ma ora molto più capillari, perché il bacino di ascoltatori si era concentrato a livello locale, fino all'estremo limite delle rubriche di saluti tra parenti e amici che si scambiavano il ruolo di conduttori e ascoltatori ("...un saluto a zia Pina, a nonna Maria che si riprenda presto ...").

Per approfondimenti: Le prime radio in Italia / La normativa e il censimento delle radio libere in Italia nel 1976

 

Le leggi economiche vincono sempre

INDICE

 

Dopo le  prime radio "libere", che in realtà trasmettevano dall'estero, anche se erano orientate all'Italia, come le celebri Radio Montecarlo e Radio Capodistria citate prima (entrambe in italiano), iniziarono così le trasmissioni in quegli anni le radio poi divenute storiche, in alcuni casi attive tutt'ora (come i conduttori). A Roma c'erano Radio Blu,  Radio Elle e Radio Città Futura, a Milano Radio Milano International e Radio Popolare, a Bologna Radio Alice, a Napoli Radio Napoli City. (Vedi il censimento del '76 e le prime radio a Roma).
Quella stagione venne celebrata da Eugenio Finardi con la canzone "La radio", che enfatizzava la radio come strumento di informazione libera e "non invasiva", ed esprimeva l'entusiasmo per un nuovo strumento di comunicazione. La stessa stagione celebrata dal film di Luciano Ligabue "Radio Freccia".

Naturalmente la economia ha le sue leggi, che nel nostro mondo sono difficili da eludere, e nel breve volgere di qualche anno il volontariato si è esaurito o di molto ridotto, ed i costi di gestione, seppur bassi, hanno messo in crisi le prime radio, e le hanno costrette a diventare imprese commerciali. Qualcuna ha tentato di resistere chiedendo agli ascoltatori una sorta di canone. Ma una legge economica dice che se un bene o servizio viene dato gratis, in seguito è difficile, se non impossibile, farlo pagare (e questo è un elemento di riflessione per chi vuol fare pagare servizi su internet). Quindi queste iniziative si sono rivelate palliativi, e le radio rimaste sono state o quelle poche realmente basate sul volontariato, come Radio Onda Rossa o Radio Maria, o quelle diventate imprese commerciali, orientate quindi a vendere gli ascoltatori agli inserzionisti pubblicitari. Così diventando apripista delle ben più consistente esplosione della TV commerciale, anch'essa figlia di quella stagione di libertà.

La selezione tra le radio però non è stata tale da liberare le frequenze, e l'affollamento radiofonico degli inizi è rimasto poi cristallizzato per sempre, insieme alla confusione e alla sovrapposizione di frequenze, regolamentate dalla legge Mammì degli anni '80, ma tutt'ora in attesa di applicazione.

 

Diritti di copia

INDICE

 

Teoricamente la musica che una radio intendeva trasmettere doveva essere comunicata alla società autori ed editori (la mitica SIAE), a cui doveva essere spedita la scaletta di ogni giorno di trasmissione, e in seguito dovevano essere versati i diritti per le trasmissioni.
Naturalmente nessuna radio libera si sognava di versare diritti, anche perché in generale erano autofinanziate e chi vi lavorava, non solo lavorava gratuitamente, ma contribuiva anche ai costi fissi della radio, che erano poi soltanto attrezzature (antenna e altro) e costo dei locali, se non si era ospitati da qualche organizzazione.

Insomma la situazione di allora era simile a quello di ora su Internet, le radio musicali erano come i siti che archiviano e distribuiscono MP3. Le case discografiche però avevano allora un comportamento ben diverso, non facevano alcuna battaglia contro le radio libere, ma anzi mandavano dischi gratis alle radio appena appena affermate. Evidentemente ritenevano, a differenza di ora, che il mezzo migliore per promuovere la musica sia farla conoscere (!). (Per saperne di più: I diritti di copia e la musica).

 

E la musica?

INDICE

 

Naturalmente, dove prima trasmettevano tre radio, più Radio Vaticana e Radio Montecarlo, Radio San Marino e Radio Capodistria (e queste ultime tre "straniere", non ricevibili in tutta Italia) ora trasmettevano magari 100 radio, e mentre le trasmissioni musicali sulle radio di stato arrivavano a due o tre ore al giorno, le radio libere coprivano con la musica (trasmissioni o nastri pre-registrati) magari l'ottanta per cento della programmazione. Insomma una moltiplicazione delle trasmissioni di musica, una moltiplicazione dei generi di musica trasmessi, una moltiplicazione dei musicisti che trovavano uno sbocco su una qualche radio, e quindi un aumento della vendita di dischi, della copia di dischi, allora su cassetta, insomma la stessa situazione di ora, con le radio al posto di Napster o Winmx o eMule o LimeWire, le cassette al posto dei CD-ROM e dei masterizzatori.
L'unica differenza è che ora le vendite di dischi diminuiscono del 10% all'anno mentre allora aumentavano in percentuale anche maggiore, evidentemente c'è qualcosa di diverso, è possibile che il motivo sia la mutata politica delle case discografiche oppure è il mercato della musica che è radicalmente cambiato.

 

Com'è finita (ovvero: la radio, oggi)

INDICE

 

In realtà non è finita nel senso che le radio sono sempre 100 in ogni grande città, cioè tutte quelle che riescono ad entrare nelle frequenze lasciate libere, le radio sono ancora in attesa di regolamentazione, si aspettano da anni nuove tecnologie risolutive (il DAB o oppure il T-DMB) che però in Italia sono rimaste sperimentali per sempre e sono state definitivamente abbandonate con il nuovo decennio. E' cambiata però la tendenza, l'espansione si è fermata sin dagli anni '80, perché le radio libere hanno in realtà fatto da apripista a qualcosa di molto più profittevole dal punto di vista commerciale, vale a dire le televisioni private, che non a caso nessuno ha chiamato mai libere, che hanno drenato la raccolta pubblicitaria togliendola alle radio (e alla stampa), fermandone così la possibilità di sviluppo. 

La Tivoli Audio Model One, progettata da Henry Kloss, la migliore radio analogica in commercio.

Ora nessuno pensa più alle radio come radio libere, ma solo come radio commerciali. E purtroppo le esigenze commerciali hanno livellato lo standard verso i gusti musicali più comuni, e hanno allontanato ogni velleità di sperimentazione.
La porzione ridotta del mercato pubblicitario che il settore riesce ad attrarre rende molto critico il raggiungimento della soglia minima di sopravvivenza, possibile solo per musica e programmi di vasto ascolto, rendendo la vita difficile a stazioni specializzate in generi meno popolari (jazz o classica) a differenza di quanto avviene in altri paesi (vedi ad esempio la popolare TSF Jazz in Francia).

Le radio private replicano in definitiva tutte lo stesso modello, una rotazione delle stesse venti-trenta canzoni, la cosiddetta heavy rotation, a gruppi di tre, due minuti pubblicità, qualche scherzo del conduttore di turno, secondo lo stile della trasmissione della Rai Supersonic di parecchi anni fa, il notiziario (in pillole) ogni ora, ormai prodotto da agenzie specializzate in contenuti (es. Area) che lo forniscono a più emittenti, le trasmissioni sponsorizzate. Il tutto però controllato e meccanizzato tramite un sistema computerizzato chiamato Selector, utilizzato praticamente da tutte le emittenti maggiori.
Insomma la situazione non è poi molto diversa, in fondo, dai tempi della radio di Stato negli anni '60: due o tre radio che trasmettono musica per passione, e per qualche ora. E poi 100 radio tutte uguali.

 

L'assegnazione delle frequenze (ovvero: come aprire una radio oggi?)

 

La sentenza della Corte Costituzionale del 1976 (vedi la storia delle prime radio libere in Italia) ha dichiarato legittima la trasmissione in FM in ambito locale. Un piano di assegnazione delle frequenze non è stato però adottato dai governi dell'epoca, e neanche da quelli successivi, ed è stato perennemente bloccato dagli interessi dei gruppi televisivi privati a mantenere la situazione di fatto che si è creata nella fase di liberalizzazione. Le frequenze sono state quindi occupate dalle radio con il sistema "chi prima arriva" (il cosiddetto "Far West dell'etere") e la situazione di fatto è stata poi in qualche modo sanata con autorizzazioni a trasmettere concesse dagli enti di controllo. Con inevitabili cause e diatribe quando il soggetto autorizzato cedeva, o erano più soci e simili.

La situazione a distanza di decenni è ancora questa e di conseguenza aprire una radio FM locale in Italia è attualmente quasi impossibile. La legge di riordino e di assegnazione per la radiofonia è attesa da anni, anzi da decenni, e ormai si passerà direttamente alla radio digitale su rete mobile tra un anno o due (vedi dopo). Nel frattempo l'etere è di proprietà di chi lo ha conquistato ai tempi del Far West sopra ricordato e, se anche esistessero frequenze libere (è improbabile anche nell'angolo più sperduto d'Italia) non ci sarebbe una procedura di assegnazione formale.

L'unico modo per aprire una radio è comprare una frequenza da qualcuno che già la possiede, sperando che sia effettivamente vero che il proprietario sia lui e che invece non spunti più avanti qualcun altro che rivendica i diritti in base a qualche sentenza di 30 anni fa.
Per completare il quadro di arretratezza del nostro paese in questo campo c'è anche la quasi impossibilità di dare un valore attendibile alla frequenza. Il valore infatti lo dà la raccolta pubblicitaria, ma l'ente indipendente che certificava gli ascolti per le radio, che si chiamava Audiradio, ha chiuso per fallimento (provocato da contrasti tra le emittenti radio principali) nel 2010 e quindi gli ultimi dati, attendibili o meno che fossero, risalgono al 2009. Di sicuro sono ben diversi dalla realtà.

Una situazione che è conseguenza del fatto è che la radio in Italia interessa poco nel sistema dei media e della pubblicità, completamente focalizzato e concentrato ancora sul mezzo televisivo.

 

Il primo decennio del 2000 (gli "anni zero")

 

Nel primo decennio 2000 la radio continuava ad essere un sistema di comunicazione e di intrattenimento molto utilizzato. Oltre il 70%  della popolazione italiana ascoltava la radio in media una volta al giorno e fino all'85% accendeva e ascoltava la radio almeno una volta alla settimana (vedi i dati Audiradio riferiti al 2004). L'ascolto prevalente era in auto, altre modalità di ascolto in mobilità (con radio portatili in cuffia o integrate in telefonini o lettori MP3), e come sottofondo in uffici e negozi, in calo l'uso come compagnia a casa durante impegni incompatibili con la visione (molti usano la televisione come sottofondo sonoro).

L'ascolto era  molto frammentato a causa del grande numero di emittenti. Il sistema di rilevazione Audiradio raccoglie i dati per circa 200 stazioni sia nazionali sia locali, la più ascoltata (RAI Radiouno) raccoglie non più del 10% degli ascolti (dati 2004, sono rimasti pressoché stabili negli anni successivi), e la 15a (Radio 24) è già al 2,2%. E' presente comunque una concentrazione sulle stazioni maggiori, che ovviamente sono network nazionali, le prime 15 raccolgono circa il 65% degli ascolti totali. La frammentazione, in presenza di investimenti pubblicitari residuali sul mezzo radio (circa il 4%) è un altro elemento di debolezza del settore. I processi di concentrazione (che pure ci sono stati) sono rallentati per la stessa ragione: la raccolta pubblicitaria relativamente scarsa non fornisce mezzi finanziari sufficienti per affrontare le acquisizioni.

L'avvento di Internet ha rappresentato, infine, un ulteriore elemento di complessità, introducendo una ulteriore alternativa per gli inserzionisti, anche se il target si sovrappone solo in parte con quello tradizionale della diffusione radiofonica.

 

La situazione nel secondo decennio

 

Quadro regolatorio immobile, emittenti sostanzialmente lo stesse, sul lato dei contenuti un certo sviluppo delle radio specializzate (squadre di calcio, radio cristiane, radio etniche) e delle radio "da parrucchiere" (o da supermercato) con offerta pensata per essere gradita a tutti (tipo "un successo di oggi, un successo del passato") peraltro sotto tiro (i parrucchieri, non le radio) dal riscuotitore dei diritti SCF. L'unica grossa novità (negativa) è la chiusura del rilevamento indipendente Audiradio per la valutazione degli spazi pubblicitari. Una situazione provocata da contrasti tra le stesse radio maggiori (vedi qui) ma che penalizza inevitabilmente tutto il mercato, dando agli inserzionisti (che possono scegliere anche altri media) la possibilità di fare il prezzo.
Sul lato della tecnologia trasmissiva è definitivamente tramontata ogni possibilità di migrazione alla radio digitale terrestre, il nuovo mezzo trasmissivo sarà con ogni probabilità (in parte già lo è) la rete mobile di ultima generazione (3G e 4G) con gli smartphone come terminali, per uso individuale o come ripetitori connessi all'impianto dell'auto o di casa.

 

Il mercato della radio

 
Anche per le radio è stato attivato un sistema di rilevamento degli ascolti, necessario agli azionisti per la valutazione del valore degli spazi pubblicitari, come il ben noto Auditel delle emittenti televisive in chiaro. Era il sistema Audiradio, citato in precedenza e poi chiuso a partire dal 2009. Si può leggere un approfondimento sulla pagina dedicata al Mercato della radio in Italia.
 

Uno sguardo alla situazione USA

INDICE

 

Si dice spesso che la realtà economica e di mercato USA anticipa quella europea. In effetti questo a volte avviene (mercato della televisione) a volte no (telefonia mobile). Nel mondo della radio la moltiplicazione delle stazioni e poi l'avvento delle radio commerciali ha visto sicuramente gli Stati Uniti precedere l'Europa e l'Italia, un tempo monopoliste, ma vede attualmente significative peculiarità. La liberalizzazione è entrata in una seconda fase in USA nel 1996, con il Telecommunications Act, siglato dall'allora presidente Bill Clinton, nel quale era sostanzialmente eliminato il vincolo sulla estensione nazionale delle stazioni radio.

La liberalizzazione completa ha quindi consentito l'acquisto di stazioni radio, la concentrazione, e in definitiva l'affermarsi di una situazione di monopolio. A metà del 2004 infatti il network Clear Channel, di proprietà della famiglia Mays e originario di San Antonio nel Texas, possedeva 1239 stazioni radio in 216 città degli Stati Uniti, raggiungendo un bacino di 100 milioni di ascoltatori. 

Clear Channel è entrata anche nel settore della musica dal vivo, dove controlla (sempre nel 2004) 103 anfiteatri negli USA, arrivando a gestire il 70 per cento degli eventi musicali del paese.

Un impero mediatico nato quasi per caso, quando il capostipite della famiglia, Lowry Mays, ricevette la proprietà di una stazione radio come risarcimento di un debito, nel 1972. Un gruppo economico i cui ricavi sono garantiti dalla vendita degli spazi pubblicitari (nel settore radio) e dalla vendita dei biglietti e degli spazi nel settore eventi. 

Da notare anche che nessuna delle radio del network diffonde sull'intero territorio federale, sono tutte radio locali o, al massimo, coprono l'area di uno stato. Una situazione quindi peculiare del mercato USA, completamente diversa da quella europea.

La gran parte delle radio del network Clear Channel sono musicali, quindi ci possiamo chiedere quanto un simile monopolista possa guidare i gusti degli ascoltatori e quanto sia interconnesso con le Majors, le grandi case discografiche.

Un classico tuner USA,
il McIntosh MR80 del 1980)

Qui ci sono differenze con l'Europa. L'approccio di Clear Channel è esclusivamente orientato al business, i creatori dell'azienda non vengono dal mondo musicale (come alcuni famosi discografici quali David Geffen, Clive Davis della Virgin o altri boss delle case discografiche). L'unico criterio per la selezione della musica è "se funziona", cioè se aggancia gli ascoltatori alla stazione, mantenendo o aumentando il valore dello spazio pubblicitario.

Non sono quindi le case discografiche, in posizione di forza, ad utilizzare le stazioni radio come veicolo per la promozione dei propri prodotti considerati più profittevoli. E' il network radiofonico, in posizione di forza grazie al suo potere economico, a condurre una continua selezione, attraverso una valutazione che coinvolge in parallelo le stazioni principali, e a determinare settimana per settimana la Top Forty di Clear Channel, i brani che funzionano di più a cui Clear Channel dà priorità, in altre parole la heavy rotation di Clear Channel.

E' evidente che il grande potere del network, che si estende anche alla musica dal vivo, ai concerti, quindi all'altra grande forma di diffusione e promozione, può condizionare pesantemente i gusti del pubblico, e soprattutto mettere veri e propri ostacoli e veti alle musiche (o agli artisti) sgraditi, o considerati potenzialmente in grado di far scappare il pubblico (e gli inserzionisti).

E' questo il motivo della protesta di molti artisti USA contro lo strapotere di Clear Channel. La situazione di monopolio è però paradossalmente migliore di quella europea, ed italiana in particolare. Il potere di Clear Channel funziona infatti come contraltare al potere delle Majors, bilanciandolo, e diminuendo il controllo sulle scelte musicali di queste ultime.

Aggiornamento (maggio 2005): nel corso del 2004 la situazione di monopolio nel settore ormai chiave dei concerti si è estesa dagli USA anche all'Italia, nel senso che la stessa Clear Channel semi-monopolista in USA ha acquisito un ruolo analogo in Italia. Questa evoluzione si ha avuta con la acquisizione, da parte della Clear Channel Entertainment, la divisione che si occupa degli spettacoli, delle due principali agenzie italiane: la Milano Concerti di Roberto De Luca e la Trident Agency di Maurizio Salvadori, con il controllo sostanziale di un mercato diventato centrale per i musicisti e il mondo della musica in generale, dopo la crisi del mercato del disco.

 

Revisioni

   

Dicembre 2012, 19

Ristrutturata la sezione creando una pagina separata per le tecnologie di diffusione della radio.

Aprile 2012, 28

Aggiornamenti sulla parte tecnologica, in 4 anni qualcosa è cambiato. Sul lato della regolamentazione del settore invece tutto tace.

Settembre 2008, 6

Revisione e aggiornamento completo della pagina. Nuova pagina a parte dedicata alla radio digitale terrestre. Accenno alla DRM nel paragrafo dedicato alla AM.

Marzo 2008, 1

Introduzione di un menu per collegare le varie pagine sulla radio presenti nel sito

Febbraio 2007, 1

Aggiornamento sulla radio digitale: lo standard T-DMB e l'avvio della sperimentazione

Gennaio 2007, 1

Aggiornamento della situazione del DAB / La radio sulla DTT / La filodiffusione

Dicembre 2006, 30

Inserite schede separate per le trasmissioni storiche della radio: Per voi giovani, Alto gradimento, Bandiera gialla

Febbraio 2006, 18

Aggiornamento completo alla sezione sulla radio satellitare USA; corrette alcune inesattezze.

Ottobre 2005, 29

Sezione e link dedicato alla P2P Radio

Luglio 2005, 11

Situazione DAB

Maggio 2005, 7

Clear Channel in Italia (Uno sguardo alla situazione USA)

Maggio 2005, 1

Evoluzione nella offerta Visual Radio (contenuti e apparati)

Aprile 2005, 23

La situazione della radio in Italia ad oggi

Aprile 2005, 23

Il mercato della radio in Italia nel 2004

   

Osservazioni, commenti?

   

Scriveteci usando questo link     

   

 © Alberto Truffi -  Musica & Memoria 2002 - 2014

CONTATTO

TOP

MENU

HOME

 

       

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.