Il mercato della musica nel 2012

MENU

HOME

   

Indice: Il mercato USA / Il mercato globale

 

Vedi anche: Il mercato della musica / Dati 2011 / I dati 2009, con analisi dei trend dal 2005, 2008, 2007, 2006 / I dati 2004, con  analisi dei trend dal 1999Standard audio e video / La distribuzione della musica / Le majors

 
   

Il mercato USA

   

Anche per il 2012 facciamo una analisi approfondita solo sui dati del mercato USA rilevati dalla RIAA, L'associazione tra le case discografiche USA. Il mercato USA è molto interessante perché ha sempre anticipato le tendenze del resto del mondo occidentale, ed europeo in particolare, e continua a farlo tuttora.

 

Commenti

 

Nel 2012 si sono confermati i due punti di svolta registrati nel 2011:

  • inversione del trend: si è arrestato il calo del valore complessivo del mercato della musica; la consistenza complessiva del mercato è rimasta stabile, allo stesso valore totale dell'anno precedente;

  • break even point: anche quest'anno il mercato ha tenuto grazie alla crescita del settore del digital download legale e degli altri servizi digitali che da quest'anno superano in valore la distribuzione su supporti fisici.

Il dato totale rimane molto inferiore rispetto ai numeri di prima della crisi del CD (7 miliardi di dollari, la metà rispetto al 1999) ma l'industria discografica spera che sia in corso una inversione di tendenza. Da notare anche la costante crescita del vinile che si sta affermando come alternativa al CD e che sembra essere in prospettiva l'alternativa alla musica liquida.

 

I trend principali 2005 - 2012

 

Nel seguito riportiamo i dati rielaborati da M&M per evidenziare i principali trend del mercato, per una visione di sintesi su come viene ascoltata la musica nel principale mercato mondiale.

 

Mercato digitale versus mercato fisico

 

Il primo grafico mostra semplicemente gli andamenti dei due canali di distribuzione fisico e e digitale a partire dal 2005, primo anno nel quale il digital download e gli altri servizi digitali sono stati rilevati in modo sistematico.

 
Global Music Market 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Total digital value (1)     1.101,80     1.636,80   2.386,30   2.721,70   2.972,60   2.965,70   3.555,60   4.052,70
Total Physical Value (2)   10.477,50     9.269,70   7.495,30   5.474,30   4.376,10   3.518,50   3.170,90   2.584,30
Total Market   11.579,30   10.906,50   9.881,60   8.196,00   7.348,70   6.484,20   6.726,50   6.637,00
 

 

 

L'istogramma mostra chiaramente il calo costante del fatturato per la vendita delle musica su supporti fisici (marrone) e la crescita altrettanto costante della distribuzione digitale (blu), ma non in misura sufficiente da compensare il calo del mercato globale, che nei 7 anni del periodo esaminato si è ridotto al 57% di quanto valeva nel 2005.

(1) Mercato digitale:
Download (single + album)
Music Video
Kiosk
Mobile
Subscription
Digitale Performance Royaltes

(2) Mercato supporti fisici:
CD album + single
Vinyl album + single
Cassette
Music Video
DVD Video
   

Download digitale versus CD

 

Nel secondo grafico è confrontato l'andamento del segmento di mercato che più ci interessa, la distribuzione dei contenuti musicali in senso stretto, confrontando il classico supporto su CD con il digital download via Internet. Come si vede l'andamento è in linea con il mercato complessivo.

 
Digital vs CD 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
CD   10.520,20     9.372,60   7.452,30   5.471,30   4.274,10   3.389,40   3.100,70   2.532,00
Digital download         421,60         878,00   1.257,20   1.711,50   2.030,70   2.232,10   2.593,20   2.828,40
Totale    10.941,80   10.250,60   8.709,50   7.182,80   6.304,80   5.621,50   5.693,90   5.360,40

 

 

La decrescita quasi costante delle vendite di CD

 
CD 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Valore mercato CD   10.520,20   9.372,60   7.452,30   5.471,30   4.274,10   3.389,40   3.100,70   2.532,00
Riduzione in valore mercato CD   - 1.147,60 - 1.920,30 - 1.981,00 - 1.197,20 -    884,70 -    288,70 -    568,70
Variazione % $   -10,9% -20,5% -26,6% -21,9% -20,7% -8,5% -18,3%

 

 

La riduzione in numero e valore dei CD venduti sul mercato USA prosegue in modo quasi lineare. Dopo un accenno di interruzione del calo tra il 2011 e il 2010 nel 2012 il decremento è ripreso ad un ritmo dell'ordine del 20% rispetto all'anno precedente.

 

L'affermazione progressiva del download digitale legale

 
Digital download 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Unità (singoli+album)         170,00      625,30       868,40      1.128,60      1.236,80      1.283,40    1.428,60   1.508,90
Valore $         421,60      878,00   1.257,20      1.711,50      2.030,70      2.232,10 2593,2   2.828,40
Costo unitario $ (album)(1)          2,48 1,40 1,45 1,52 1,64 1,74 1,82 1,87
Variazione $       456,40     379,20       454,30       319,20       201,40      361,10     235,20
Variazione $ %   108,3% 43,2% 36,1% 18,7% 9,9% 16,2% 9,1%

 

(1) Parametro: 12 brani / album

 

Il recupero del vinile

 

Nell'ultimo grafico viene evidenziato il recupero progressivo di una posizione non marginale nel mercato da parte del vinile, abbandonato dall'industria discografica negli anni '80 e sorprendentemente in forte crescita a partire dal 2010. Nel 2012 il peso complessivo delle vendite di LP ed EP su vinile in USA ha superato il 6% del mercato complessivo del CD. Un risultato notevole considerando anche il numero ridotto di impianti che includono un giradischi e l'utilizzo solo casalingo. Nell'istogramma viene mostrato il contributo crescente del vinile al raggiungimento del 100% per CD+Vinile.

 
CD versus Vinyl 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
CD Album   10.520,20      9.372,60   7.452,30   5.471,30   4.274,10   3.389,40   3.100,70   2.532,00
Vinyl LP/EP           14,20           15,70         22,90         56,70         60,20         87,00       119,40       162,60
% Vinyl/CD 0,13% 0,17% 0,31% 1,04% 1,41% 2,57% 3,85% 6,42%

   

Il resto del mondo

 

L'associazione internazionale dell'industria discografica, la IFPI, rende disponibili a tutti da alcuni anni solo report sintetici, con analisi ma pochi dati, e solo per il mercato digitale. I report analitici sono solo a pagamento per uso professionale e forniscono un dettaglio sui principali paesi del mondo. Ancor più che le analisi della RIAA quelle della IFPI sono focalizzate sul problema della pirateria, ed impegnate a sostenere la utilità delle leggi più restrittive. Come nell'anno precedente è disponibile invece per tutti un report sul mercato della musica digitale, quello che va bene in tutto il mondo.

Con il link a lato si può scaricare il Digital Music Report 2013 che è pubblico, ma non facilmente trovabile sul sito. Chi fosse interessato al report completo può scriverci.
Nel seguito gli andamenti principali rilevati nell'anno.

 

Il mercato globale nel 2012

 

La novità più importante è che la crescita dei paesi BRIC e delle economie emergenti ha compensato nell'anno passato la decrescita di USA ed Europa. Il mercato globale secondo la somma delle stime elaborate da IFPI valeva nel 2012 16,48 miliardi di dollari contro i 16,45 dell'anno precedente, con una leggera crescita, quindi. I mercati in crescita nell'anno erano India (la crescita più consistente), Cina, Giappone, Brasile, Messico e, tra le economie da più tempo sviluppate, Canada, Australia, Svezia, Norvegia. Non sono rilevati i dati del mercato russo (per completare i paesi BRIC). Da notare che il mercato USA vale da solo più di un terzo del mercato globale (vedi i dati precedenti).
Nel grafico tratto dal rapporto è mostrato l'andamento dal 1997 al 2012 con la stabilizzazione negli ultimi due anni.

Oltre che dalla crescita delle economie emergenti (o in realtà ormai abbondantemente emerse) la stabilizzazione del mercato deriva anche, confermando il dato USA, soprattutto dalla crescita del settore digitale ma anche della raccolta dei diritti di diffusione su vari canali e media (performance rights revenues) e dei diritti pagati a forfait (synchronisation revenues). L'andamento dal 2008 è mostrato nel secondo grafico sempre tratto dalla sintesi del rapporto.

 

Nel report ci sono molte altre cose interessanti ma come negli anni scorsi torniamo alla musica e vediamo cosa è piaciuto di più nel mondo nel 2012. Cominciando dagli album che hanno visto in generale prevalere il pop più commerciale con la boy band One Direction, la banale Taylor Swift, Bieber e compagnia. Fa piacere vedere che il puro talento anche quest'anno ha avuto il suo riscatto con Adele sempre al primo posto e con la inattesa affermazione di Mumford & Sons (altra categoria) al decimo posto davanti agli insulsi Maroon 5. Fa piacere anche notare che qualcosa di nuovo o almeno di non pop, pur se forse discutibile, riesce ad affermarsi (Lana Del Rey, P!nk) e che la classifica mondiale è dominata dal pubblico giovane, con solo un album "for adults only", quello dell'inossidabile Rod Stewart. La classifica completa arriva al 50esimo posto e il trionfatore dell'anno scorso, Bruno Mars, è arrivato al massimo al 17 (ma sempre un paio di milioni di copie le ha vendute). Divisi tra le due major Sony e Universal le prime 10 piazze, la Warner al massimo al 12 con una riedizione. Praticamente inesistenti le indies tra i primi 50. (I dati sono in milioni di album venduti nei vari formati)

   
# Artist Album Sold Label
Adele 21 8,3 Sony (XL Rec)
2 Taylor Swift Red 5,2 Universal
3 One Direction Up All Night  4,5 Sony  
4 One Direction Take Me Home 4,4 Sony
5 Lana Del Rey  Born To Die 3,4 Universal
6 Justin Bieber Believe 2,6 Sony
7 P!nk The Truth About Love 2,6 Sony
8 Rod Stewart  Merry Christmas, Baby 2,6 Universal
9 Rihanna  Unapologetic  2,3 Universal
10 Mumford & Sons Babel 2,3 Universal / Sony

 

Passando ad esaminare la situazione dei singoli lo scenario è ancora più spostato sul consumo in stile "usa e getta" della musica, e il successo è legato quasi sempre al traino di altri settori, vale a dire all'utilizzo dei brani in serie televisive di successo, film o videogiochi, oppure da videoclip ben riusciti, anche se spesso è qualche ideuzza nella struttura del brano che fa la differenza. La classifica è fortemente determinata dal mercato USA, come si vede anche dalla presenza costante di genere rap e dintorni, anche se si affaccia prepotentemente il mondo globalizzato con Michel Tejo e soprattutto l'improbabile rapper coreano sovrappeso PSY. La popolarità dell'interprete è invece del tutto secondaria, quest'anno solo due dei top-10 erano relativamente noti (Maroon 5 e Flo Rida) gli altri praticamente sono diventati famosi con questi successi internazionali, la prima, la giovanissima Jepsen, addirittura dall'X-Factor canadese. Nessun brano dai primi 10 album. Due mondi separati.

 
# Artist Title Total D. YouTube %
1 Carly Rae Jepsen  Call Me Maybe  12,5 435,5 2,9%
2 Gotye  Somebody That I Used To Know  11,8 399,1 3,0%
3 PSY  Gangnam Style  9,7 1.591,0 0,6%
4 fun.  We Are Young 9,6 184,2 5,2%
5 Maroon 5  Payphone  9,1 206,0 4,4%
6 Michel Teló  Ai Se Eu Te Pego!  7,2 500,1 1,4%
7 Nicki Minaj  Starships 7,2 125,3 5,7%
8 Maroon 5  One More Night  6,9 163,9 4,2%
9 Flo Rida  Whistle  6,6 220,8 3,0%
10 Flo Rida  Wild Ones  6,5 159,4 4,1%
 

Il rapper USA Flo Rida dovrebbe essere considerato secondo ex-aequo visto che piazza due brani che arrivano a 12,3 milioni di download complessivamente. Tra l'altro è anche il più astuto perché i suoi videoclip, sempre gli stessi del genere (rapper nero tatuato e muscoloso che fa la bella vita circondato da belle ragazze prosperose) se li è fatti produrre e pagare (presumibilmente) da note località turistiche (Acapulco e Dubai). Rapper donna che segue lo stesso schema è la Nicki Minaj. I più elaborati e sicuramente costosi sono i videoclip mini film dei Maroon 5, prediletti per ignoti motivi dalla loro major (la Universal). Lo sappiamo che è ripagata da buone vendite, in pratica sono i primi nell'anno considerando i due brani piazzati (16 milioni di download), ma con lo sforzo che hanno messo in campo ci arriverebbe chiunque. Unici intrusi di musica alternativa e di una indie i .fun, grazie ad una serie televisiva USA (come la Carly Rae Jepsen).

Tutti grandi successi che hanno portato a casa anche oltre 10 milioni di dollari in un anno senza costi (a parte quelli iniziali di produzione della musica e del video), e' interessante però anche fare un raffronto con le visualizzazioni su YouTube.

Nelle ultime due colonne proponiamo quindi un confronto con i download gratuiti su YouTube, prendendo peraltro solo i dati del video ufficiale, che per questi brani c'è sempre (ma che è accompagnato da decine di altri upload non ufficiali). Come si vede i download pagati sono una piccola percentuale di quelli gratis (non è strano), al massimo al 5-6%. Per il rapper sud coreano ancor meno considerando l'incredibile numero di visualizzazioni (1 miliardo e mezzo, su 6 miliardi di persone al mondo ...), pare sia il video sinora più visualizzato di tutti i tempi. Il passaggio su YouTube però è solo apparentemente gratuito, chi lo guarda la connessione deve pagarla, e se è un dispositivo mobile, smartphone o tablet, non costa pochissimo, e soprattutto è un veicolo pubblicitario. Non abbiamo i dati, ma è probabile che con questi numeri enormi i ricavi da pubblicità, che poi andranno divisi tra Google/YouTube e la casa discografica, siano anche superiori a quelli del download. Il futuro della musica e (speriamo) la soluzione degli annosi problemi sui diritti di copia.

 

Ads by Google

 

© Musica & Memoria / Aprile 2013 / Elaborazioni e analisi di Musica & Memoria

HOME

HOME

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.