Gli spartiti anni '60

MENU

HOME

 

Oltre che tramite i dischi a 45 giri la notorietà delle canzoni anni '60 passava anche per gli spartiti, strumento di lavoro, ma anche oggetto del desiderio, per le migliaia di complessi beat che affollavano l'Italia negli anni del boom.
Dopo le copertine - una selezione è da tempo presente sul sito - pubblichiamo per la prima volta (crediamo) le riproduzioni delle copertine di una galleria di spartiti originali degli anni '60, gentilmente messe a disposizione del sito (e di tutti i navigatori) da Franco Sanna del gruppo Sopralenote. (Leggi la testimonianza di Franco).

NB: Gli Spartiti non sono in vendita: Sono presentate qui e nelle altre pagine successive soltanto le riproduzioni dei frontespizi degli spartiti, i contenuti e le notazioni musicali sono tuttora di proprietà dei rispettivi editori e non sono acquistabili tramite questo sito. Per alcuni suggerimenti su dove è possibile acquistare spartiti in rete leggere qui.

Vedi anche: Spartiti parte seconda / Spartiti parte terza / Spartiti parte quarta / Spartiti parte quinta / Covers / Complessi beat / Beat e canzoni di protesta / Testi canzoni / Dove trovare gli spartiti musicali

 

Una galleria di spartiti

   

Applausi
 Camaleonti

Caterina Caselli - Sono bugiarda
Versione originale: I'm A Believer / Monkees

   

 

 

Io mi fermo qui
Dik Dik / Donatello

Bang Bang e i numerosi interpreti italiani
del successo di Cher

   
   
Un angelo blu
Equipe 84
In fondo al viale
Gens
   
   
Tema
I Giganti
Una ragazza in due
I Giganti
   
La playa
Marie Laforet
Una bambolina che fa no, no, no
Michel Polnareff
 

Bisogna saper perdere
Rokes

E' la pioggia che va
Ma i due sulla destra chi sono?
Non sembrano proprio Charlton e Posner.
Eppure sono proprio loro, imberbi, nel 1965.
Vedi anche: Discografia dei Rokes.
   
Con le mie lacrime
(Versione italiana di As Tears Go By)
Rolling Stones
Gimme Some Lovin'
Spencer davis Group
(Versione italiana dei New Dada)
   
 
Pioggia
(versione italiana di Rain dei Beatles,
proposta tra gli altri da Augusto Righetti)
Il retro dello spartito di Michel Polnareff con una
breve biografia del cantautore francese.
Viene messo in chiaro per prima cosa che Polnareff
è praticamente nato capellone, e poi che è più
precoce di Mozart. Comunque è appurato che ora
è un beatnik, ma d'altra parte l'altro suo grande
successo del periodo era proprio Beatnik
(in italiano La lezione del capellone).
   
Continua ...  
 

«Allora non esistevano i potenti apparecchi moderni, tanto meno esisteva il computer per studiare i brani nei minimi dettagli: per suonare una canzone senza spendere troppo il musicista dilettante si affidava all’orecchio, poi scriveva gli accordi sul testo della canzone.

Volendo fare le cose “per bene” a Milano ci si recava alle Messaggerie Musicali o da Ricordi, dove si trovavano in vendita gli spartiti delle canzoni più recenti a prezzi che oscillavano fra le 120 e le 200 lire (1). Con un po’ di impegno però si poteva risparmiare tempo memorizzando gli accordi più “complicati”, che non si era riusciti a cogliere nell’ascolto.

Ogni tanto acquistavo gli spartiti delle canzoni più belle e, dopo i primi acquisti, scoprii con piacere che i commessi più sensibili mi facevano anche uno sconto. Ricordo ancora la signora gentilissima che da Ricordi mi fece il primo sconto e che da quel giorno si conquistò un cliente affezionato.

Quando cominciai a suonare in pubblico venni a sapere che si poteva risparmiare nell’acquisto degli spartiti andando direttamente nella sede delle tante case editrici musicali che allora riuscivano anche a vivere stampando la musica. Mi davano gratis di tutto e ricordo con emozione il primo giorno in cui per la prima volta timidamente entrai, con i miei lunghi capelli, in una di queste case editrici e ne uscii con un fascicolo di spartiti (gratis!!!); in particolare ricordo il saluto ricevuto, che mi fece salire di tre gradini nell’autostima: “Arrivederci Maestro”.»

(Franco Sanna)

 

Un oggetto del desiderio per il giovane musicista beat

Note

 

(1) Non costavano molto. Per fare un raffronto nel 1967 un disco 45 giri costava circa 400 lire, un LP intorno alle 1.800 lire, una rivista mensile come la diffusa Quattroruote 300 lire.

 

Ads by Google

© Musica & Memoria / Febbraio 2007 - Immagini non riproducibili o scaricabili senza permesso

NOVITA'

CONTATTO

HOME

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.