Franco Battiato

Come un cammello in una grondaia (1991) 

HOME

MENU

 

  1. Povera patria

  2. Le sacre sinfonie del tempo

  3. Come un cammello in una grondaia 

  4. L'ombra della luce

  5. Schmerzen (Richard Wagner)

  6. Plaisir d'amour (Johann Paul Aegidius Martin, Hector Berlioz)

  7. Gestillte Sehnsucht (Johannes Brahms)

  8. Oh Sweet Were the Hours (Ludwig van Beethoven)

 

Note

 

Dieci anni esatti dopo l'affermazione di Franco Battiato presso il grande pubblico come cantautore originale e decisamente fuori dal coro, con l'album La voce del padrone e il singolo Bandiera bianca, il musicista siciliano presenta un disco di grande importanza per due motivi antitetici: include due tra i risultati più alti e più apprezzati della sua arte, i brani L'ombra della luce e Povera patria, ed inizia un suo personale percorso di riscoperta della musica, incurante dei generi e delle epoche, che sarà ripreso quasi dieci anni dopo nelle due raccolte Fleurs e Fleurs3.

Qui è la volta di una selezione di lieder della musica classica tedesca, con musiche composte da Wagner, Brahms e Beethoven (quest'ultimo lied su un testo tratto da un canto popolare scozzese), oltre ad una notissima poesia  rinascimentale francese, poi musicata da Berlioz nell'ottocento, e più volte ripresa, Plaisir d'amour.

Il modo di proporli da parte di Battiato è anticonvenzionale, sono cantati con voce normale, non impostata, quindi possiamo dire non "professionale", ed in un certo senso sono così riscoperti come canzoni in quanto tali, al di fuori delle convenzioni del mondo accademico. Un approccio che non è passato senza polemiche (vedi le critiche del musicologo Paolo Isotta sull'eccesso di semplificazione e sulle carenze della voce). Approccio però perseguito lucidamente da Battiato, che dichiarava in una intervista dell'epoca (a L'Europeo, raccolta da Paolo Brogi) "Sono convinto della mia chiave d'interpretazione. Prendiamo Brahms: va cantato così perché è più corrispondente alla poesia. Ho ridotto la durata perché sei minuti sono troppi. Aver sveltito la parte centrale evita zone di noia. Il risultato? Una leggerezza del canto tipicamente pop." Quanto di più distante dalla riproposizione ritualizzata e cristallizzata della tradizione accademica.

Un disco che rimane comunque tra i meno "pop" della produzione di Battiato "leggera" caratterizzato musicalmente dagli accompagnamenti orchestrali e dalla rinuncia pressoché completa alla chitarra elettrica e in generale alle sonorità pop-rock.


 

Schmerzen

Dolori

Sonne, weinest jeden Abend

Sole, col pianto ogni sera

Dir die schonen Augen rot,

I tuoi begli occhi fai arrossare,

Wenn im Meeresspiegel badend

Quando ti immergi nello specchio del mare

Dich erreicht der fruhe Tod;

Pronta ti coglie una morte prematura;

Doch erstehst in alter Pracht,

Ma risorgi all'antico splendore,

Glorie der dustren Welt,

Gloria del mondo ottenebrato

Du des Morgens neu erwacht,

Tu come un fiero eroe trionfale

Wie ein stolzer Siegesheld!

Di nuovo al mattino ti ridesti

Ach, wie sollte ich da klagen,

Ah, come potrei lamentarmi,

Wie, mein Herz, so schwer dich

Come, cuore mio, vederti tanto appesantito,

Muß die Sonne selbst verzagen,

Se perfino il sole deve disperare,

Muß die Sonne untergehn?

Se perfino il sole deve tramontare?

Und gebieret Tod nur Leben,

E se la morte genera solo vita,

Geben Schmerzen Wonnen nur:

I dolori danno solo gioie:

O wie dank ich, daß gegeben

O come sono grato alla natura

Solche schmerzen mir Natur!

Che di tali pene mi diede l'affanno.

 

 

Plaisir d'amour

Gioia d'amore

Plaisir d'amour ne dure qu'un moment,

Gioia d'amore dura solo un momento,

chagrin d'amour dure toute la vie.

Pena d'amore dura tutta la vita.

J'ai tout quitté pour l'ingrate Sylvie;

Io ho lasciato tutto per l'ingrata Sylvie;

elle me quitte e prend un autre amant.

Lei mi lascia e prende un altro amante.

Plaisir d'amour ne dure qu'un moment,

Gioia d'amore dura solo un momento,

chagrin d'amour dure toute la vie.

Pena d'amore dura tutta la vita.

Tant que cette eau coulera doucement

Finché quest'acqua scorrerà dolcemente

vers le ruisseau qui borde la prairie

verso il ruscello che costeggia i prati

je t'aimerai, m'répétait Sylvie.

io t'amerò, mi ripeteva Sylvie.

L'eau coule encore; elle a changé pourta

L'acqua scorre ancora: lei però è cambiata.

Plaisir d'amour ne dure qu'un moment,

Gioia d'amore dura solo un momento,

chagrin d'amour dure toute la vie.

Pena d'amore dura tutta la vita.

   

Gestillte Sehnsucht

Nostalgia placata

In goldnen Abendschein getauchet

Immersi nel riverbero d'oro della sera

wie feierlilch die Wälder stehn!

come sono solenni i boschi!

In leise Stimmen der Voglein hauchet

Sulle voci degli uccelli

des Abendwindes leises Wehn.

dolcemente soffia la brezza della sera.

Was lispeln die Winde, die Vogelein?

Cosa mormorano il vento e gli uccellini?

Sie lispeln die Welt in Schlummer ein.

Mormorando avvolgono il mondo nel sonno.

Ihr Wunsche, die ihr stets euch reget

Voi desideri che sempre vi agitate nel cuore

ilh Herzen sonder Rast und Ruh!

senza sosta nè riposo!

Du Sehnen, das die Brust beweget,

Nostalgia che muovi il respiro

wann ruhest du, wann schlummerst du?

quando riposi, quando dormi tu?

Beim Lispeln der Winde der Vogelein

Mormorano i venti, gli uccellini;

ihr sehnenden Wunsche, wann schlaft ihr ein?

ma voi, desideri senza meta, quando dormirete?

Ach, wenn nicht mehr in goldnen Fernen

Ah, quando non più in lontananze d'oro

mein Geist auf Traumgefieder eilt,

il mio spirito alato dal sogno vagherà,

nicht mehr an ewig fernen Sternen

non più su stelle eternamente lontane

mit sehnendem Blick mein Auge weilt,

riposerò il mio sguardo pieno di nostalgia:

dann lispeln die Winde, die Vogelein

allora i venti e gli uccellini

mit meinem Sehnen mein Leben ein.

con il loro mormorio avvolgeranno i miei desideri e la mia vita.

 

Oh Sweet Were The Hours

O dolci furono le ore

Oh sweet were the hours, when in mirth's frolic throng

O dolci furono le ore quando di scherzosa allegria ridondanti

I led up the revels with dance and with song;

Io aprii i festeggiamenti con balli e con canti;

When brisk from the fountain, and bright as the day,

Quando fresca dalla fonte e chiara come il giorno

my spirits o'erflow'd, and ran sparkling away!

La mia gioia traboccò e fuggì tutt'intorno

Wine! Come bring me wine to cheer me,

Vino! Vieni e porta il vino che mi rallegri,

Friend of my heart! Come pledge me high!

Amico del cuore! Vieni e brinda a me!

Wine! Till the dreams of youth again are near me,

Vino! Finché i sogni di gioventù di nuovo sono vicini,

Why must they leave me, tell me, why?

Perché devono lasciarmi, dimmi, perché?

Retourn, ye sweet hours! Once again let me see

Tornate ore dolci! Lasciate che io riveda una volta soltanto,

Your airly light forms of enchantment and glee

le vostre lievi aree forme di gioia e di incanto.

Come, give an old friend, while he crowns his gay glass

Venite, concedete a un vecchio amico, mentre l'allegro bicchiere va ricolmando

A nod as you part and a smile as you pass

un saluto quando quando ve ne andate e un sorriso quando vi state allontanando

Wine! Come bring me wine...

Vino! Vieni e porta il vino...

I cannot forget you, I would not resign

Non so dimenticarvi, non voglio abbandonare la speranza

There's health in my pulse, and a spell in my Wine …

ho salute nel sangue e nel vino magia

And sunshine in autumn, tho' passing too soon

E seppur passi troppo in fretta, il sole d'autunno

Is sweeter and dearer than sunshine in June.

è più dolce e prezioso del sole di giugno.

Wine! Come bring me wine...

Vino! Vieni e porta il vino...

 

(1991 Emi Music Publishing Italia Srl / L'Ottava Srl)
Traduzioni dei lied tratte dal disco originale 1991 (curate da E. Janeczek) e rivedute da Musica & Memoria.

 

Informazioni sul disco

Edizioni musicali L'Ottava Srl 1991

Voce: Franco Battiato / Pianoforte: Antonio Ballista / Violino: Gavyn Wright / Viola: Roger Chase / Violoncello : Anthony Pleeth / Tastiere e computer: Filippo Destrieri / Astarte Orchestra of London diretta da Antonio Ballista (Berlioz e Wagner) e Giusto Pio (Battiato, Beethoven, Brahms) / Coro: Ambrosian Singers of London diretti da John McCarthy / Produzione: Enrico Maghenzani / Registrato nel 1991 negli Abbey Road Studios di Londra / Ingegnere del suono Benedict Tobias Fenner

 

I testi completi degli album di Battiato sono reperibili sul sito ufficiale www.battiato.it

© Musica & Memoria Dicembre 2003

HOME