Profeti - Gli occhi verdi dell'amore

HOME

MENU

   

Io camminavo nella notte,
oramai non dormo più
quando ho incontrato una ragazza
che era sola come me

Aveva il viso di un bambino
aveva tutto e sai perché…

Aveva gli occhi dell’amore, verdi
come due lacrime d’amore, grandi
aveva gli occhi dell’amore, verdi


M’innamorai di lei
lei di me.

Abbiam girato per le strade
come rondini perdute
abbiam vissuto mille anni
nello spazio di due ore

Quando il mattino ci ha svegliati
senza parlare l'ho baciata…

Aveva gli occhi dell’amore, verdi
e l'ho baciata perché amo, lei
aveva gli occhi dell’amore, verdi

M’innamorai di lei
m’innamorai di lei
lei di me
hm hm hm hm hm
lei di me.

Credi, credi…

Aveva gli occhi dell’amore, verdi
come due lacrime d’amore, grandi…

 
   

Note

   

I Profeti - Gli occhi verdi dell'amoreI Profeti, in quel momento uno dei complessi più seguiti, anche se maggiormente impegnati sul versante commerciale, impegnati in una cover un ottimo brano USA (di Chip Taylor) portato al successo in America da Merrylee Rush e in Inghilterra da P.P. Arnold. Era esplicitato che fosse una cover, il titolo del brano era citato anche in copertina, ma l'originale non era stato un successo in Italia. Grande successo invece per i Profeti, anche nella trasmissione radiofonica Bandiera gialla (come evidenziato in copertina, veramente orrenda, come si può vedere, dove peraltro la modella in "sottofondo" non ha affatto un viso da bambina, anzi da bambino addirittura). La copertina non contava molto, era comunque un classico per l'atteso momento del "lento" nelle feste degli adolescenti.
Disco CBS 3761, prodotto da Elio Gariboldi, l'orchestra era diretta da Alberto Baldan Bembo, la data di uscita era ottobre 1968. Sul retro L'amore ha il tuo volto, un brano originale di Ambrosini e Savio.

Come in molte altre cover italiane il testo preparato per la nostra lingua (da Daniele Pace, in questo caso) non ha proprio nulla a che vedere con quello originale, peraltro in questo caso molto più valido (e non sempre è così). Qui è la storia consueta di un colpo di fulmine, di una favola d'amore conclusa con un lieto fine. Nell'originale (puoi leggerlo qui), pensato peraltro per una interprete donna e non facile da voltare al maschile, è invece la conclusione malinconica di un incontro d'amore, o forse di una storia d'amore, e l'auspicio che almeno ne rimanga un ricordo. In pratica, l'esatto opposto, l'unico elemento in comune è che i protagonisti sono una coppia e che c'entra l'amore (elementi in comune con non poche altre canzoni).

Vedi anche: Le altre cover su Musica & Memoria (oltre 2000 censite)

 

Ads by Google

Musica & Memoria 2010 / Testo originale di D. Pace riprodotto per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita

HOME