Padova Beat

COMPLESSI_BEAT

HOME

I complessi Beat / Gli altri complessi Beat / Le cover / Intervista ai Delfini / Le altre interviste / I testi delle canzoni / Mondo Beat / Bibliografia Beat / Verona Beat / Album fotografico di Padova Beat

Per saperne di più: Bacchiglione Beat (il sito completissimo di Giordano Melchiorri sulla scena musicale di Padova)

Padova Beat, ovverosia Bacchiglione Beat - Ricerca a cura di Alessio Marino della Beat Boutique 67

Ragazzi dai capelli verdi - The Ranger Sound / LP

Qualcuno si è mai chiesto cosa significasse Bacchiglione beat? E' una sigla nata nel 1965 per rifare il verso al Mersey Sound di Liverpool. Padova vuole accaparrarsi il titolo della Liverpool italiana (ma Verona non sta di certo a guardare!) e crea questo nomignolo (basandosi proprio sul fiume Bacchiglione, in analogia al fiume Mersey di Liverpool, che diede il nome al Mersey Beat) che rimane vivo ancora oggi.

Tre gruppi sono stati all'epoca le colonne del beat cittadino; Royals, Delfini e Ranger Sound (in seguito Ragazzi dai capelli verdi). Ma accanto a questi nomi storici, che un qualsiasi appassionato di beat conosce e dei quali possiede dischi, ci sono stati tanti altri piccoli nomi, che a fatica oggi vengono ricordati.

   

I Complessi beat nella Padova degli anni '60

 Le Catene : il gruppo era di Pressana (Verona) che comunque dista pochissimo da Padova e mi sembra allora giusto includerli "brutalmente" in questa ricerca. Formati da Riccardo Bassi, Alessandro Visentin Franco Bisin, Alberto Pessa. Pubblicano un unico 45 giri nel 1967 per la Spring Records di Milano, Syl / A Ray of Moonlight.

 I Condor : Da non confondersi con i Condors di Verona e con un altro gruppo bergamasco (sempre senza la S finale) in cui suonava il fratello di Roby Facchinetti dei Pooh. Complesso formato da Bruno Zola, Adriano Macchini, Maurizio Boldrin, Nino De Lucchi. Non è certo che siano loro, ma esiste un 45 giri diviso a metà con i "Blaaah!" a nome Condor, dal titolo "Nel cuore della notte" edito dalla Car JB nel '68. In un vecchio articolo su una rivista d'epoca vengono definiti come "specializzati in slow rock e nel blues di Fats Domino e Chuck Berry".

I Ragazzi dai capelli verdi I Craaash : Sono il complesso nato dalle ceneri dei Condor, infatti vi militavano Boldrin e De Lucchi insieme a Giorgio Gandolfo, Claudio Dello Strologo, Massimo Ronconi. Sono stati anche il gruppo d'accompagnamento di Pino Donaggio. Hanno registrato un unico disco (veramente bello, molto R&B e con toni oscuri e psichedelici) con i brani "Come mai" e "In ogni uomo", edito dalla EMI nel 1968.

 I Delfini : Il gruppo più noto e ricordato tra quelli formatisi a Padova negli anni '60, con molti singoli all'attivo, anche di buon successo, a loro è dedicata una scheda tra i complessi principali del periodo beat in Italia.

 I Diapason : Autori di un raro singolo uscito nel '67 per la Arlecchino records (Phalena / Prendi il fucile), i padovani Diapason erano composti da due coppie di fratelli: Paolo e Francesco Felletti Spadazzi e Nicolò e Carlo Arcieri. Notevole il lato B del loro disco, che attinge pienamente dal movimento beat, con un testo di sberleffo sulla guerra. Nel 1967 nel film musicarello "Soldati e Capelloni" appaiono i DYAPASON ma, confrontate le immagini della pellicola con le foto del complesso, è da escludere che si tratti dello stesso gruppo.

 Gildo Fattori e i suoi Strangers : Sestetto capitanato dal cantante Gildo Fattori. La formazione classica del gruppo degli Strangers dal 1963 al 1966 vedeva Gildo Fattori al canto, Giuliano Calore alle tastiere, Luciano Tortima alla chitarra solista, Piero Uguagliati alla chitarra ritmica, Paolo Giuffrida al basso elettrico, Franco Sasso alla batteria. Mario Gutierrez (chitarra solista), Maurizio Peci (sassofono) e Paolo Piran (chitarra basso) sostituiscono agli inizi del '66 Paolo Giuffrida e Luciano Tortima, passati ai Troupe '70.
Gli Strangers pubblicano almeno quattro singoli nel periodo '66/'70, da segnalare sicuramente il brano "Sha Mama", del 1966, che è un rozzo e violento shake beat ascoltando il quale è impossibile restar fermi! (Tu lo sai mio Dio / Sha Mama - CAR JB 1966).

 I Nematelminti : rimane traccia (con una foto) in qualche articolo di Big... un quartetto di cui non si conoscono i nomi ma la voce del cantante assomiglierebbe molto a quella di Paul dei Beatles. Non risultano incisioni all'attivo.
(Novembre 2008: nel frattempo I Nematelminti si sono messi in contatto con M&M e hanno fornito informazioni sulla loro storia e sulla loro formazione, composta da Pierluigi Lucietto, Dario Foà, Mair Babad e Gianfranco Bilato. Per approfondimenti vedi Mondo beat).

 I Plebei : di questo complesso (credo un quintetto) posso solo dire che ha partecipato al Rapallo Davoli del 1966, vincendo anche un premio speciale (Coppa Ariston per la simpatia). Esistono incisioni all'attivo a nome Plebei ma non dovrebbero essere attribuibili a questo complesso.

 I Pony Box : Formati da Mauro Zampiron, Nino Lazzarin, Giorgio Giacinti, Gianni Fiore, Roberto Cavallari. Non risultano incisioni all'attivo.

 I Puppys : Quintetto formato tra il 1965 e il 1966 dal batterista Pino Roncato e da Franco Paccagnella, a cui si aggiunsero Walter Pegoraro (chitarra solista), Paolo Pozzer (voce), Walter Paccagnella (basso). Successivamente entrarono prima Ezio Ferrari all'organo Hammond e poi Raffaele Versace alla voce. Pubblicano un gradevole 45 giri vagamente R&B per la CDB nel '68, "Meglio di no" / "Quando una rondine se ne va". Tuttora attivi nella zona di Padova, con Roncato, Walter Paccagnella, Ferrari e Versace.

Una città in fondo al mare / Ma saprei I Ranger Sound  Formati da Franco Serena, Gianni Piccinino, Toni Costantini, Lorenzo Ceccato e Antonio Corazzina. I Ranger Sound pubblicano un unico 45 giri Noi Siamo Felici / Ricordarmi ‎CDB C.D.B. 1085, ricordato soprattutto per il lato B, un raro esempio di autentico garage beat italiano.

 I Ragazzi dai capelli verdi
 Franco Serena con buona parte dei componenti di un altro gruppo (i Troupe '70) da' vita subito dopo a questo gruppo, caratterizzato appunto dai capelli colorati di verde per i suoi componenti. Qualche articolo su Giovani e Ciao Amici (rimasti incuriositi dall'idea originale, tanto come lo furono con l'idea estrema dei Pelati!) e il complesso  si godette un po' di popolarità e l'incisione di ben tre 45 giri, tutt'oggi molto ricercati. Vari cambi di formazione non permettono al gruppo di sopravvivere alla decimazione dei complessi beat della fine degli anni 60. Negli anni '80 e '90 si riformano per dare vita ad un revival beat che li porta all'incisione di qualche disco e nuova popolarità nella loro Padova. Curiosità: nel 1965 appaiono in veloci sequenze della pellicola "Io la conoscevo bene" di Antonio Pietrangeli. (Per la formazione di arrivo dei Ragazzi dai capelli verdi vedi Altre schede, ndr).

 I Royals : Formati da Gabriele Zambon, i fratelli Enrico e Franco Carbucicchio, Silvano Gaffarelli e Amleto Zennaro. Autori di tre 45 giri nel biennio '66/'68 sono anche ricordati per aver girato un episodio di Tutto Totò (Totò Ciak - 1967) e alcuni caroselli per la Innocenti. Maurizio Vandelli suonò le percussioni e curò il mixaggio nel brano "Le stelle del cielo" (Lato B del loro ultimo singolo). Curiosità: in un vecchio articolo degli anni '60 si legge che nei primi mesi del '66 dovevano registrare a Milano il brano "Dite a Laura che l'amo".

 I Rubber Soul : con quel nome preso dal noto LP dei Beatles i quattro ragazzi padovani si aggiudicano un articolo con foto su un vecchio numero di Giovani (del '67) in cui viene anche riportato un loro 45 giri (e viene anche il dubbio se è mai stato realizzato, visto che non si trova traccia altrove e che alcuni dischi segnalati in quella rubrica non sono mai risultati in commercio!) "Non chiederò" e "Amami se puoi". Paolo Pierani (batteria), Dori Bartolomei (basso elettrico), Bruno Modulo (chitarra accompagnamento) e Alfredo Caruto (chitarra solista) sono i nomi dei componenti, tutti e quattro studenti che si dilettavano con il beat (di cui anche loro composizioni). Il gruppo era stato fondato da Giordano Melchiorri (batteria) e comprendeva anche Luigi Paccagnella (tastiere). Il gruppo ha poi cambiato nome e (parzialmente) formazione dando vita a The Holls.
Il primo batterista e fondatore del gruppo Giordano Melchiorri ha confermato inoltre, scrivendo a Musica & Memoria, che il disco 45 giri annunciato da Giovani non è mai stato pubblicato ed è rimasto a livello di master.

 The Holls : il gruppo nato dai Rubber Soul verso la fine degli anni '60 comprendeva Giordano Melchiorri (batteria) con Dori Bartolomei (basso elettrico), Giacomo Andreozzi (chitarra accompagnamento) e Alfredo Caruto (chitarra solista). Successivamente la formazione del gruppo si estese con l'apporto di Paolo Pavan e Giovanni De Bonis , entrrambi al sax, per seguire l'evoluzione dei gusti musicali (e il nuovo interesse per il rhythm & blues) e svolse una intensa attività professionale nel Veneto, facendo anche da gruppo ospite in alcuni concerti di Rita Pavone. Ancora cambi di formazione sulla fine degli anni '60 con Paolo Piva (basso elettrico) e Paul Hantem (canto) al posto di Bartolomei e Modulo ed una ulteriore incremento della attività con concerti nel Veneto e sulla Riviera Adriatica, sugli stessi palchi di nomi come i Rokes, i Giganti, Mina, Simonetti, Gaber, Ombretta Colli.

 I Solitari : Gruppo "storico" della scena musicale padovana, potevano essere considerati come "i papà" del Bacchiglione Beat, visto che erano più in età rispetto agli altri complessi di adolescenti. Nel periodo beat i componenti del gruppo erano  Fabrizio de Mattheis (chitarra), Paolo Cappellato (voce e chitarra), Pino Corazzina (batteria) e Roberto Jacopetti (basso). I solitari erano arrivati a questa formazione dopo numerosi avvicendamenti. I componenti originari, nel 1963, erano Giuliano Calore (pianoforte), Franco "Tiger" Fontanili (basso e chitarra), Giorgio Bresin (chitarra) e Franco Sasso (batteria). Calore e Sasso sono poi passati agli Strangers di Gildo Fattori.
(Per saperne di più sui Solitari cliccare qui)

Bilancio provvisorio

Nel primi giorni del 1966, da una indagine fatta da un supporter di Padova della rivista Big, esistevano 42 complessi beat ufficiali; si presume che siano complessi che si esibivano e che avevano una formazione più o meno stabile e un discreto repertorio... perché i classici complessini da "oratorio" e da cantina saranno stati molti di più!

Posso citare altri nomi, oltre quelli analizzati in questa breve ricerca, poi spariti nel nulla: Ghost, Corsari, Rocking Gates, Orbit 6, Mods, Troupe '70, Jeminy 4, Pinguini, Fellini (o Felini?), Pipistrelli, Profeti, Anime, Rebels, Gabbiani, Giaguari, Drifters, Blue Star, Verticali, Jolly...

Altri gruppi che non ho citato per mancanza di fonti, ma presenti nell'archivio di Musica e Memoria: i Magnifici, GB Group, i Serpenti (originari di Este, anche se attivi anche in Veneto, ndr), i Dragoni, i Comedians.

(Per altri gruppi di Padova e per altre immagini dei complessi citati vedere: Altre schede complessi beat - ndr)

© Musica & Memoria Gennaio 2008 / Autore: Alessio Marino - Beat Boutique 67 / Riproduzione non consentita / Revisioni: Maggio 2008 (Solitari), Settembre 2008 (Gildo Fattori e gli Strangers, Ranger Sound e Ragazzi dai Capelli verdi), Novembre 2008 (Nematelminti), Novembre 2009 (The Holls e ulteriori informazioni sui Rubber Soul fornite direttamente da Giordano Melchiorri), Maggio 2010 (formazione completa dei Puppys, sulla base di informazioni fornite direttamente da Pino Roncato)

CONTATTO

HOME

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.