New Trolls - Una miniera

HOME

MENU

 

Le case, le pietre
ed il carbone dipingevano
di nero il mondo.
Il sole nasceva
ma io non lo vedevo
mai laggiù nel buio.
Nessuno parlava solo
il rumore di una pala
che scava, che scava.

Le mani, la fronte
hanno il sudore
di chi muore
negli occhi, nel cuore,
c'è un vuoto grande
più del mare,
ritorna alla mente
il viso caro
di chi spera
questa sera
come tante
in un ritorno.

Tu, quando tornavo,
eri felice di rivedere
le mie mani
nere di fumo, bianche d'amore

Ma un' alba più nera,
mentre il paese
si risveglia,
il sordo fragore
ferma il respiro
di chi è fuori
paura, terrore,
sul viso caro
di chi spera
questa sera come tante
in un ritorno.

Io non ritornavo
e tu piangevi
e non poteva
il tuo sorriso togliere
il pianto dal
tuo bel viso.

Tu, quando tornavo,
eri felice di rivedere
le mie mani
nere di fumo, bianche d'amore.

 

Note

 

Indimenticabile singolo del 1969 dei New Trolls, prima dell'ingresso completo nella nascente scena progressive italiana con lo storico album Concerto grosso, ha consolidato il genere minerario sentimental-scongiuratorio, ed è diventata un classico intramontabile anche per la notevole performance vocale, in chiave altissima, di Nico Di Palo.
Ispirata probabilmente nel tema da New York Mining Disaster dei Bee Gees (del 1967) e da fatti tragici avvenuti negli anni, come la tragedia di Marcinelle in Belgio (1950) che aveva coinvolto molti minatori italiani emigrati, la canzone era stata composta dagli stessi New Trolls (D'Adamo per il testo, De Scalzi e  Di Palo per la musica) e forse era ispirata anche dal celebre romanzo "La cittadella" di Cronin, o dalla sua efficace trasposizione televisiva con protagonista Alberto Lupo (1964). Inevitabile anche il collegamento con canzoni classiche come
Miniera (di Bixio e Cherubini), cantata da Luciano Tajoli, Claudio Villa e altri, e ripresa recentemente anche da Gianmaria Testa, nel suo album Da questa parte del mare.
La canzone dei New Trolls è  stata pubblicata ad ottobre del 1969 su singolo Cetra SP 1415, sul lato B Il sole nascerà.

 

Le canzoni da miniera  

Una miniera (New Trolls), Mr. Jones (Motowns), New York Mining Disaster 1941 (Bee Gees), Sfiorisci bel fiore (Enzo Jannacci), Miniera (Claudio Villa)

 

Ads by Google

© Musica & Memoria Luglio 2007 / Testo originale riprodotto per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali di testo e commenti non consentita

DISCLAIMER

HOME

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.