Enzo Jannacci - Faceva il palo

HOME

MENU

   

Faceva il palo nella banda dell'Ortiga, (1)
ma lera sguercio, non ci vedeva quasi pi,
ed stato cos che li han presi tutti senza fatica,
li han presi tutti, tutti tutti tutti, fuori che lui.

 

Lui era fisso che scrutava nella notte
quand' passato davanti a lui un carabinier,
insomma on ghisa, trii carriba e on metronotte, (2)
gnanca una piega l l'ha f, gnanca un pliss. (3)

 

Faceva il palo della banda dell'Ortiga,
faceva il palo perch l'era el s mestee.

 

Cos precisi come quelli della Mascherpa, (4)
sono restati l i suoi amici, a vedere i carabinier,
han detto: Ma come, porco Giuda,
mondo cane: il nostro palo, brutta bestia, ma dov'?.
Lui era fisso che scrutava nella notte,
ha visto nulla, ma in compens l'ha sentii nient,
perch a vederci non vedeva un'autobotte
per a sentirci ghe sentiva on accident.

 

Faceva il palo della banda dell'Ortiga,
faceva il palo perch l'era el s mestee

 

Ci sono stati pugni, spari, grida e botte,
j'hann menaa via che l'era giam quasi mezzd. (5)
Lui sempre fisso, l, a scrutare nella notte,
perch el ghe vedeva istess de ntt come n del d (6)

 

Ed li ancora come un palo nella via,
la gente guarda, gli d cento lire e poi, poi va
lui, circospetto, guarda in giro e mette via,
ma poi borbotta, perch ormai l' un po' arrabbi. (7)

 

Ed arrabbiato con la banda dell'Ortiga
perch lui dice: Non si fa cos a rubar.

 

Dice: Ma come, a me mi lascian qui di fuori
e loro, loro chiss quand' che vengon su;
e poi il bottino me lo portano su a cento lire:
un po' per volta, ma a far cos non finiamo pi.

 

N, n, quest ch prppi on lavor de stupid,
io sono un palo, non un bamba, non ci sto pi;
io vengo via da questa banda di pistola, (8)
mi metto in proprio, cos non ci penso pi .

 

Faceva il palo della banda dell'Ortiga,
faceva il palo perch l'era el s mestee.

 

 

 

La versione originale di Walter Valdi

   

Faceva il palo nella banda de l'Ortiga,
ma l'era sguercc, el ghe vedeva quasi p,
e l' staa insc che j'hann ciappaa senza fadiga,
j'hann ciappaa tucc, ma proppi tucc, foeura che l.

 

Era l fisso che scrutava nella notte
quand gh' passaa proppi davant a l 'n polee,
insemma a on ghisa, trii cariba e on metronotte,
gnanca ona piega l l'ha faa, gnanca on plissee.

 

Faceva il palo nella banda de l'Ortiga,
faceva il palo perch l'era el s mestee.

 

Istess precis compagn de quei de la Mascherpa
hinn restaa l i s amis, in del ved i polee.
Hann dii: "Ma come! Brutta loeuggia, vacca porca
ma el noster palo, 'sto pistola, indove l'?"

 

Era l fisso che scrutava nella notte
l'ha vist nagotta ma in compens l'ha sentuu nient
perch vederci non vedeva un'autobotte,
ma per sentirci ghe sentiva on accident!

 

Faceva il palo nella banda de l'Ortiga
faceva il palo con passione e sentiment.

 

Ci sono stati pugni, spari, grida e botte,
j'hann menaa via che l'era gi quasi mezzd
lui sempre fisso l a scrutare nella notte
el ghe vedeva istess de nott com del d.

 

Ancora adesso l che scruta nella via
la gent le ved, ghe da on cent lira e poeu la va,
lui, circospetto, el varda in gir e poeu je mett via,
ma poeu el barbotta perch ormai l' on poo incazzaa.

 

A l' incazzaa con tutt la banda de l'Ortiga
perch l el dis che se fa minga insc a robb.

 

El dis: "Ma come! A m me lassen ch de foeura
e lor, le sa el Signor quand l' che vegnen su,
e poeu el bottino me le porten su a cent lira
on tocch per volta, a f insc finissom p!

 

Ah, n, quest ch l' proppi on lavor de ciolla
m sont on palo, minga on pippa, a ghe stoo p
m vegni foeura de la banda de l'Ortiga,
in d'ona banda insc scassada cosa foo?

 

M vegni foeura de la Banda de l'Ortiga
mi metto in proprio insc almen ghe pensi p!"

 
 

Note

 

"Faceva il palo" una canzone in dialetto milanese del cantautore Walter Valdi della quale Jannacci ha proposto una versione in italiano, anche se con ambientazione, accento e alcune parole ed espressioni tipiche del capoluogo lombardo. Dopo il testo cantato da Jannacci si pu leggere anche quello originale di Valdi. Molto simile anche la versione, sempre in dialetto, di Nanni Svampa. Una canzone quindi che pone in dubbio uno dei pi celebri e citati proverbi milanesi "ofel fa el to' mestee" (pasticcere fai il tuo mestiere), un invito a evitare di dare lezioni agli altri e concentrarsi su quello che si sa fare. A patto per di avere scelto il mestiere giusto, cosa anche questa non scontata, come esemplifica questa canzone. E come verifichiamo a volte nella vita reale.

(1)

Il quartiere storico milanese dell'Ortiga tra Lambrate e il Parco Forlanini.

(2)

Un vigile urbano, tre carabinieri e una guardia giurata (o metronotte).

(3)

"pliss" nel senso di pieghettatura, il termine francese (che significa "piega") usato in sartoria per le gonne "plissettate".

(4)

Detto tipico milanese. Pare fosse un'antica cascina i cui proprietari, poco alla volta, si sono fatti portare via tutto. Un po' come degli stupidi. Da cui il detto usato per indicare quelli che rimangono lě un po' come dei fessi.  Secondo altre fonti potrebbe essere un negozio di orologi molto celebre del centro di Milano, ma non avrebbe molto senso.

(5)

Li hanno portati via che era quasi mezzogiorno.

(6)

Perch vedeva nello stesso modo sia di giorno sia di notte.

(7)

Qui Jannacci censura un po' l'originale.

(8)

Per il significato del termine tipico milanese "pistola" vedere le note a T'ho compra' i calzett de seda.

   
 

 Altre canzoni di Enzo Jannacci tradotte in italiano  Sei minuti all'alba, Veronica, El purtava i scarp del tennis, T'ho compra' i calzett de seda, La Luna l' una lampadina, Sfiorisci bel fiore

 

 

Musica & Memoria Maggio 2014 / Testo originale di Walter Valdi ed Enzo Jannacci trascritto e reso in italiano per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita / Revisione Novembre 2015 (grazie al visitatore Pietro per la ptobabile spiegazione su chi erano quei della Mascherpa)

CONTATTO

DISCLAIMER

HOME