Camaleonti - Non c' niente di nuovo (1967)

HOME

MENU

 

Un giorno mi hanno detto
non puoi tornare indietro
ed io che credo a tutti
io sono andato avanti
ma il mondo sempre uguale
e quel che stato sar

Non c niente di nuovo
alla luce del sole 
le rose sono sempre rosse
e verdi i prati
non c niente di nuovo
per le strade del mondo
chi sogna resta sempre indietro
e crede di vivere

E tu cosa credi di avermi dato?
Tu, nascondendo il tuo passato agli occhi miei
non c niente di nuovo
tu mi hai dato lamore
rubando tanti altri amori
per questo ricordati
non c niente di nuovo.

E tu cosa credi di avermi dato?
Tu nascondendo il tuo passato agli occhi miei
non c niente di nuovo
tu mi hai dato lamore
rubando tanti altri amori
per questo ricordati
non c niente di nuovo.

Ads by Google

Note

 

L'anno successivo alla partecipazione al Cantagiro del 1966 quello dei complessi beat con un gradevole brano beat lento di produzione italiana (Chiedi chiedi) per i Camaleonti era cambiato quasi tutto il front-man Riky Maiocchi aveva lasciato il gruppo definitivamente per la sua carriera solistica ed era arrivato Mario Lavezzi che sarebbe diventato un protagonista della canzone leggera italiana nel decennio successivo. Niente pi traccia del beat negli abiti ora di foggia ironico-militaresca come era di moda dopo Sgt. Pepper e ispirato al nascente cantautorato l'efficace brano di Daniele Pace (cui si deve il testo un po' banale, in sostanza il senso che le donne sono sempre ...) con il fido Mario Panzeri.
Nella curiosa foto di copertina (cliccare per ingrandire) da sinistra Livio Macchia (chitarra e voce), Tonino Cripezzi (organo e voce), Paolo Di Ceglie (batteria), Gerry Manzoli (basso) e Mario Lavezzi in basso a sinistra.

 

Ads by Google

Musica & Memoria 2016 / Testi originali di Daniele Pace (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita

HOME