Bob Dylan - Girl From The North Country

HOME

MENU

   

If you’re travelin’ in the North country fair
Where the winds hit heavy on the borderline
Remember me to one who lives there
She once was a true love of mine

Se tu sei in viaggio verso la fiera del Nord
dove i venti soffiano forte lungo il confine
ricordami ad una persona che vive laggiù
lei un tempo era il mio unico amore (1)(2)

Well, if you go when the snowflakes storm
When the rivers freeze and summer ends
Please see if she’s wearing a coat so warm
To keep her from the howlin’ winds

Se ci vai quando ci sono le tempeste di neve (3)
quando i fiumi si diventano ghiacciati e l'estate finisce
ti prego, controlla se indossa un giaccone abbastanza caldo
da proteggerla dai venti che ululano

Please see for me if her hair hangs long,
If it rolls and flows all down her breast.
Please see for me if her hair hangs long,
That’s the way I remember her best.

Ti prego, guarda al posto mio se i suoi capelli sono (ancora) lunghi
se scendono e si appoggiano sul suo petto
Guarda al posto mio se i suoi capelli sono (ancora) lunghi
E' così che io la ricordo al suo meglio

I’m a-wonderin’ if she remembers me at all
Many times I’ve often prayed
In the darkness of my night
In the brightness of my day

Mi chiedo se lei si ricorda proprio di me
Molte volte, spesso ho pregato
nel buio di (ogni) mia notte
nella luce splendente di (ogni) mio giorno

So if you’re travelin’ in the North country fair
Where the winds hit heavy on the borderline
Remember me to one who lives there
She once was a true love of mine

Quindi, se tu sei in viaggio verso la fiera del Nord
dove i venti soffiano forte lungo il confine
ricordami ad una persona che vive laggiù
lei un tempo era il mio unico amore

   

 

Note

   

 

Una delle più belle canzoni scritte da Bob Dylan (che certo non ne ha scritte poche, di belle), contenuta nel suo primo album di brani tutti di sua composizione, il celeberrimo The Freewheelin', del 1963. Ispirata nel tema e nei versi (non nella musica, completamente diversa) da una canzone all'epoca certo ben poco conosciuta, Scarborough Fair, che Dylan aveva ascoltato durante un suo viaggio in Inghilterra nel dicembre del 1962, nella versione fedele alla tradizione del folksinger Martin Carthy, uno dei più influenti interpreti del folk revival inglese, negli anni successivi anche vicino alla sperimentazione folk-rock, essendo entrato a far parte di uno dei gruppi di questo filone musicale, gli Steeleye Span. Pochi anni dopo Paul Simon con Art Garfunkel avrebbero recuperato l'originale inglese con un particolare arrangiamento facendolo diventare uno dei pilastri del loro repertorio ed una delle canzoni più note di sempre.
Dylan avrebbe poi inserito la canzone anche in apertura del successivo album Nashville Skyline, interpretandola in duo con Johnny Cash.

 

(1)

Tutta la prima strofa riprende con variazioni quella iniziale di Scarborough Fair

(2)

Il senso del verso è più vicino all'italiano con una espressione più comune nella nostra lingua.

(3)

Nelle successive due strofe sembra che Dylan rielabori poeticamente quell'immagine.

   

Per ascoltare questa canzone

 
 

Ads By Google

© Musica & Memoria - Maggio 2012 / Traduzione Alberto Maurizio Truffi / Testo originale di Bob Dylan riprodotto per soli scopi di ricerca e critica musicale (Vedi Avvertenze) / Copia per usi commerciali non consentita.

DISCLAIMER

HOME