Il paese di Agharti

MISTERI DELLA PREISTORIA

HOME

MENU

   

Il Re del Mondo vive nel centro spirituale del mondo, Agharti, e i suoi adepti sono le persone più importanti del nostro mondo, le guide invisbili, i maestri. Il luogo in cui risiede l'Agharti è sia spirituale (in quanto sta al di sopra e al di fuori dell'esistenza) sia fisico, ed ovviamente non mancano quelli che lo situano nella mitica Atlantide; le prove sono ricercate nei simboli presenti in testi sacri delle più antiche e grandi religioni, ove si possono rintracciare echi di questa setta iniziatica potentissima ma anche giusta, che regge le sorti del mondo attraverso i suoi adepti, oppure nella storia delle sette mitiche o reali che hanno percorso il mondo (Templari, Rosacroce, ecc.), ma anche negli Apostoli che hanno il compito di diffondere il Verbo.

Quindi questa setta di migliori regge le sorti del mondo e controlla e previene i danni che fanno gli uomini-bambini, ignari e inconsapevoli, come protettori occulti e invisibili.

Questa, almeno è la tesi dello scrittore francese Renè Guenòn nel suo libro dal titolo Il Re del Mondo, ispirazione per la omonima canzone di Franco Battiato. Agharti, che in sanscrito significa "L'inaccessibile", è il paese fondato dagli esseri superiori, provenienti dal pianeta Venere, i misteriosi esseri extraterrestri che hanno insegnato agli uomini la tecnologia. 

Entità intermediarie tra gli Dei e gli uomini come i Titani della antica Grecia, un altro mito che si può ricondurre alla presenza in epoche antiche, di esseri superiori e alieni che gli uomini dell'epoca hanno identificato come dei.

Gli uomini però non avrebbero usato la tecnologia loro donata per il meglio e la grande civiltà della antichità si sarebbe auto-distrutta, in una guerra nucleare della quale rimane memoria nel mito del diluvio universale provocato da testate nucleari che hanno sciolto i ghiacciai perenni ai Poli. Il diluvio universale fa parte delle leggende o delle memorie primigenie di molte civiltà, dell'Occidente e dell'Oriente, fino alle civiltà precolombiane d'America. Quindi l'evento che è stato all'origine di questo mito deve essere stato di ampiezza mondiale. Come appunto una guerra termonucleare globale.
Oppure semplicemente il diluvio è avvenuto in Mesopotamia, culla delle civiltà, dalla quale gli uomini si sono dispersi ai quattro angoli della Terra. Fino in America, continente che è stato popolato in epoche remote da uomini provenienti dall'Asia, in fuga dalle carestie, attraverso lo stretto di Bering (tra la Siberia e l'Alaska) allora ricoperto dai ghiacci e più stretto e quindi attraversabile, seppure a prezzo di una inenarrabile migrazione di popoli tra i ghiacci e nel nulla.

La stessa civiltà distrutta può essere anche all'origine del mito di Atlantide e degli altri misteri della preistoria, indagati da scienziati e studiosi da decenni.

 

La storia dei Titani e del loro dono agli uomini è ripresa nel fumetto classico di Sidney Jordan "Jeff Hawke e i giocattoli immortali" degli anni '60 a cui si riferisce la illustrazione sopra. I Titani erano extraterrestri persi sulla terra per un guasto alla loro astronave. I monaci buddisti custodivano, in Tibet, la porta di accesso alla tomba del loro figlio, morto accidentalmente per aver voluto respirare l'aria della Terra, sepolto assieme ai segreti di fabbricazione di tutta la loro avanzata tecnologia. Quindi la porta di Agharti, custodita dai monaci, era la porta di accesso alla tecnologia superiore, per esempio al controllo della gravitazione, una tecnologia per la quale però il genere umano non era ancora pronto e che quindi i monaci avevano il compito di mantenere segreta.

 

Secondo leggende più esoteriche e meno influenzate dal positivismo, Agharti, la cui capitale era Shamballa, in sanscrito, "Città degli smeraldi", era il paese degli esseri superiori provenienti da Venere. Venere è il pianeta più luminoso, quindi il pianeta della luce, e lo smeraldo è la pietra preziosa che simboleggia la luce. Di smeraldo era il gioiello caduto dalla corona di Lucifero, l'angelo ribelle precipitato da Dio nel centro della terra. E d'altra parte Luci-fero significa in latino "portatore di luce". Agharti quindi può essere la terra degli esseri provenienti da Venere e contemporaneamente degli angeli ribelli, cioè dei diavoli.

Il regno sotterraneo di Agharti è anche collegato a tutte le religioni successive; è il regno mitico nel quale gli uomini sono in comunione con gli Dei, l'età dell'oro, gli esseri superiori, iniziati, sono 12 come gli Apostoli, essi fanno parte del consiglio circolare, e qui si può vedere anche un nesso con il mitico reame di Artù, Camelot, e la Tavola Rotonda del loro gran consiglio, ed essi sono stati in varie epoche gli iniziatori delle varie religioni, che infatti sono sempre state annunciate da un profeta (Rama, Melchidesec, Siddharta o Buddha, Mosè, i Re Magi, Gesù Cristo, Maometto). 

Il Re del Mondo, secondo queste teorie, che sono quelle riprese da Renè Guenon, si chiama Manu, stessa radice del nome dell'arcangelo Michele, mediatore tra gli Dei e gli uomini, un Re che non regna in eterno, ma per una delle quattordici grandi epoche, o giorno dell'eternità (3), ed è coadiuvato da Mahatma (grande anima), colui che guarda il futuro (e curiosamente questo era anche l'attributo del grande pensatore e idealista, fondatore dell'India moderna, Ghandi), e da Mahanga, colui che cerca le cause all'origine di tutti gli eventi, e quindi dal consiglio circolare dei 12, e infine dalla società dei cavalieri-sacerdoti, i Templari.

Questa versione è più vicina a quella di Madame Blavatsky, fondatrice della Theosophical Society (2) a inizio '900, che fu tra le prime a parlare del mito di Agarthi e del Re del Mondo, recuperandolo non si sa da dove.

A queste teorie si interessò anche il Terzo Reich, che cercò seriamente, negli anni '30, la porta del regno di Agarthi nel deserto del Gobi, per accedere ai segreti lì custoditi, e quindi alla potenza che il Terzo Reich avrebbe ottenuto dalla conoscenza di quegli stessi segreti. Infatti del mito di Agarthi si trova eco nella città avita degli dei nibelunghi, Asghard, e quindi negli ambienti nazisti si era creata la convinzione che proprio gli ariani del Nord Europa fossero i veri eredi del regno sotterraneo, e quindi della età dell'oro.
Sponsor di questa operazione presso l'entourage di Hitler fu il ricercatore svedese Swen Edwig, che riuscì a farsi finanziare diverse spedizioni nel deserto del Gobi alla ricerca della mitica porta che da' l'accesso all'emisfero interno (che non risulta però abbiano avuto successo). Nell'immagine cartografica qui sopra la mappa dell'emisfero interno (o terra cava) elaborato da questi ricercatori del Terzo Reich, tratto da uno dei blog specializzati in queste vicende e teorie.

 

Note

 

(1) I Titani nella mitologia greca sono figli di Urano (il cielo) e di Gaia (la terra); il più giovane di loro, Crono, è il primo Dio. Crono impone la sua legge castrando il padre Urano e interrompendo il suo eterno abbraccio fecondatore con Gaia; fermando la eternità immutabile, Crono introduce nel mondo il passaggio inesorabile del tempo.

Crono, per non essere a sua volta spodestato dal figlio, inghiotte tutti i figli che gli dà la moglie Rea, ma uno di essi, il più astuto, Zeus, si allea con la madre e fa inghiottire al padre un farmaco per indurlo a vomitare dopo l'infanticidio.

Così Zeus diventa il Re degli Dei. E i Titani suoi zii e fratelli ritornano al rango di sotto-dei. Ma uno dei Titani, Prometeo, si incarica di gettare il ponte tra gli Dei e gli uomini, portando loro, secondo la leggenda più semplice, il dono del fuoco, e quindi della civiltà, ed essendo per questo punito in eterno, oppure, in altre interpretazioni più complesse, fungendo da intermediario nella invenzione dei riti che consentono agli uomini di avvicinarsi agli Dei, attraverso la macellazione rituale degli animali, riti che consentono agli uomini di essere assolti dal peccato di uccidere altri esseri per vivere.

(2) La Theosophical Society, fondata da Madame Blavatsky (Jelena Petrovna Blavatskaja, 1831-1891), era un'organizzazione diffusa in tutto il mondo, con sede ad Adyar, nel sud dell'India. La struttura era molto elastica, i membri in gran parte anziani. Alle pareti delle sedi, si vedevano le foto di una donna  e di due uomini dall'aria vagamente tolstoiana - il Colonnello Olcott e il "vescovo" Leadbeater.
La Theosophical Society è stata la prima delle sette di orientamento occultista e ha esercitato un notevole influsso sulla cultura occidentale (e un po' anche su quella orientale) nei decenni a cavallo del secolo.
È ad essa che dobbiamo una serie di nozioni e credenze diffuse - la reincarnazione, la "saggezza tibetana" e quella "indiana", il mito di Atlantide, il vegetarianismo, l'astrologia, la nozione di una perduta sapienza egiziana che avrebbe consentito al regno dei faraoni di costruire le immense piramidi, per citarne solo alcune. Tutte cose preesistenti alla Società, ma nessuna di loro avrebbe avuto l'impatto che ha avuto senza la genialità creativa della fondatrice. 
Per saperne di più: www.blavatsky.net 

Madame Blavatsky

(3) Per definire un giorno della eternità si può ricordare questa antica leggenda nordica: «Nelle foreste inaccessibili di conifere del grande Nord, in una zona che non ha mai visto la presenza dell'uomo, si erge una enorme roccia di granito nero, di un miglio di altezza ed altrettanto di larghezza; ogni mille anni un passero vola fino al massiccio e sfrega il becco contro la roccia per affusolarlo, facendo cadere così alcuni granelli del granito. Quando tutto il massiccio sarà completamente consumato e ridotto in polvere, sarà trascorso un solo giorno dell'eternità»

Vedi anche: I misteri della preistoria e le storie alternative del mondo

 

Ads by Google

© Alberto Maurizio Truffi -  Musica & Memoria 2002 / Varie fonti tra cui J.P.Vernant "L'universo, gli Dei, gli uomini" per la mitologia greca e Peter Kolosimo "Viaggiatori del tempo" per le informazioni storiche alternative. / Notizie su Madame Blavatski e la Theosophical Society dal sito www.cicap.org (Comitato Italiano per Il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale)

HOME