Giungla d'asfalto - John Huston (1950)

HOME

MENU

 

La scena finale del ballo dei ragazzi davanti al juke-box nel celebre giallo Giungla d'asfalto (The Asphalt Jungle) di John Huston, un classico del cinema americano (1950).

Scheda del film / Musica e cinema / Immagini della musica / Musica e tecnologia

 

Giungla d'asfalto - Immagini dal film

 
La ragazza  
  e il "professore" (Doc)
e il il juke-box  
  e la gioia di danzare
La musica Ŕ jazz ... ... jazz orchestrale scatenato
  La danza
scatenata ...  
... a due  
   
Il professore e la giovinezza
 

Giungla d'asfalto - Scheda

 
 Regia: John Huston / Sceneggiatura: John Huston, Ben Maddow, tratta dal libro "La giungla d'asfalto" di W.R. Burnett

 Personaggi e interpreti

Sterling Hayden (Dix Handley), Louis Calhern (Alonzo D. Emmerich), Jean Hagen (Doll Conovan),
James Whitmore (Gus Minissi), Sam Jaffe ("Doc"), Anthony Caruso (Louis Ciavelli), Teresa Celli (Maria Ciavelli), Brad Dexter (Bob Brannom), Gene Evans (Poliziotto), Barry Kelley (Dietrich), Marc Lawrence (Cobby), John Maxwell (Dr. Swanson), John McIntire (Commissario Hardy), Marilyn Monroe (Angela Phinlay), Dorothy Tree (May Emmerich)

 

 Storia

Capostipite dei film sulla "rapina della vita", la storia ruota intorno a Doc, il "professore", che in carcere ha ideato una rapina perfetta a una gioielleria ed una volta uscito trova i comprimari per realizzarla. Il piano Ŕ studiato nei minimi particolari, il professore Ŕ paziente e meticoloso nella lunga e complessa organizzazione, e al momento dell'azione tutto procede per il meglio, ma per una sfortunata coincidenza, del tutto casuale, proprio alla fine le cose vanno storte e i rapinatori vengono catturati o uccisi uno dopo l'altro. Solo Doc, che aveva pensato a tutto, Ŕ sulla via della fuga, ormai irrangiugibile, ma in un bar vede dei ragazzi, un juke-box e si blocca ad ammirare la "dolce ala della giovinezza", Ŕ consapevole che cosý si perderÓ, ma ...

A questo film Ŕ ispirato, assieme a molti altri, anche il classico del cinema italiano I soliti ignoti, di Mario Monicelli (1958, ovviamente la storia Ŕ declinata qui in chiave ironica).

 

 Colonna sonora

Come la gran parte dei film dell'epoca di grande produzione hollywoodiana, la colonna sonora era interamente composta appositamente per il film da un musicista specializzato. In questo caso era Miklˇs Rˇzsa, uno dei massimi compositori di musica da film, a cui si debbono la colonna sonora di molte pellicole storiche, come Il ladro di Bagdad, Doppia identitÓ, Ben Hur, Il Re dei Re, Quo Vadis?, Ivanohe, e che ha vinto anche tre premi Oscar, per Ben Hur (1959), Vita privata di Sherlock Holmes di Billy Wilder (1971) e The Golden Voyage of Sinbad (1974).
Per Giungla d'asfalto ha scritto una colonna sonora interamente in stile jazz e be-bop, coerente nei ritmi serrati con la ambientazione noir e le continue scene d'azione.
Anche il brano della danza sfrenata davanti al juke-box Ŕ jazz (orchestrale), una musica che all'epoca aveva lo stesso ruolo trasgressivo che poi sarebbe passato al rock'n roll, fino all'hip-hop dei giorni nostri.

 

 Vedi anche:  Altre immagini dai film / Notizie su questo film in Wikipedia

 

ę Alberto Maurizio Truffi / Musica & Memoria / Maggio 2007 / Revisione: Giugno 2007 (colonna sonora)

CONTATTO

HOME