Musica & Memoria. Note sulle traduzioni

INDICE

HOME

Musica & Memoria è un sito con contenuti totalmente gratuiti, non richiede alcun tipo di registrazione, è dedicato alla diffusione della cultura musicale. Le note critiche e le traduzioni sono inserite allo scopo di avvicinare gli utenti di lingua italiana ad autori noti e meno noti del panorama internazionale, stimolando la conoscenza e l'interesse per il loro lavoro, e quindi l'acquisto dei loro dischi, nei navigatori che facciano visita a questo sito.

Per gli aspetti legati alla riproduzione dei testi originali e delle traduzioni leggere le AVVERTENZE (DISCLAIMER).

Si ricorda che la riproduzione per scopi commerciali delle traduzioni presenti sul sito senza permesso preventivo degli autori non è consentita. Parimenti l'utilizzo delle traduzioni su altri siti Web, anche no-profit, senza permesso preventivo degli autori, non è consentito. L'utilizzo di tutto il materiale contenuto nel sito è regolato da licenza Creative Commons (vedi la pagina iniziale).

Per richieste, eventuali suggerimenti o osservazioni sulle traduzioni scrivere al webmaster.
 
Il sito è continuamente aggiornato, vengono inseriti di frequente nuovi testi, di conseguenza alcuni album possono essere incompleti, inoltre vengono introdotti progressivamente miglioramenti o correzioni, anche in base alle segnalazioni che riceviamo via e-mai.
Quindi si consiglia di controllare sempre la data della traduzione e il puntatore alle Revisioni, ove presente.

Scelta degli artisti

La scelta degli artisti e dei brani da tradurre nasce unicamente dai gusti personali dei curatori del sito, con un particolare riguardo ad autori meno noti, nonché dalla accessibilità dei testi stessi, intesa come effettiva possibilità di arrivare a rendere il loro significato in italiano. Sono inoltre stati privilegiati gli autori dei quali non esistono o non sono al momento disponibili traduzioni in italiano, inserendo puntatori ai siti dedicati a specifici artisti (come è il caso di Bruce Springsteen, degli U2, dei Beatles).

Autori e brani spaziano così in varie epoche e generi, nel tentativo di dare un assaggio del mondo musicale anglosassone e della musica popolare brasiliana (MPB). Ovviamente qualsiasi obiettivo di completezza o di un minimo di esaustività è velleitario, alla luce delle quantità in gioco.

(In www.allmusic.com sono censiti 100.000 artisti, e questi sono per l’80% di lingua inglese, e sono autori di canzoni; nella ipotesi conservativa di 20 brani in media a testa, l’universo dei brani possibili in lingua inglese, ragionevolmente noti, potrebbe essere dell’ordine di 1.600.000 ed oltre)

Si è privilegiata comunque, per quanto possibile, la traduzione di album completi, ritenendo l’album un oggetto artistico con una sua compiutezza e forma, e quindi da trattare in modo unitario.

Traduzioni già disponibili

Poiché la maggior parte della musica pop e rock è in lingua inglese, esistono molte (anche se non moltissime) proposte di traduzione, su internet o su libri specializzati. La qualità è purtroppo variabile, e spesso la traduzione è letterale, con carente gestione delle espressioni idiomatiche (“modi di dire”) e quindi a volte di scarsa efficacia, arrivando sino a dei veri e propri misunderstanding. È consigliabile confrontare sempre il testo a fronte.

Scelte di traduzione

Nella lingua inglese, come noto, la seconda persona singolare e plurale coincidono, ed inoltre i verbi non sono declinati al maschile o al femminile, quindi un verso di un brano può rivolgersi ad un interlocutore singolo o a più interlocutori, ed essere interpretato sia al maschile sia al femminile. In generale la traduzione segue il senso generale del pezzo, ma a volte la scelta non è univoca.
Nei casi in cui il testo è in prima persona è stato usato il genere (femminile, maschile) in base al sesso dell'autore, dovendo, in italiano, specificarlo.
Le espressioni gergali e le frasi idiomatiche sono state tradotte per quanto possibile con quelle in uso in italiano, così "man" è stato tradotto di solito "fratello" o "amico", "baby", "tesoro" o “amore” e così via.

In generale nelle traduzioni si tenta di rendere il testo scorrevole in italiano, di dare l'impressione, in altre parole, che sia scritto nella nostra lingua, rinunciando alla traduzione letterale quando non adatta a questo scopo, ma evitando di reinventare il testo. Nelle note viene generalmente indicata anche la traduzione letterale dell'originale.

Nei testi delle canzoni sono molto frequenti i "modi di dire" e le espressioni gergali (contemporary expressions, idioms e phrasal verbs) e quindi la possibilità di un fraintendimento è sempre possibile (lo sarebbe anche in italiano). L'aiuto dei navigatori che possono segnalarci eventuali fraintendimenti è essenziale per migliorare la qualità delle traduzioni sotto questo aspetto.

I traduttori automatici

A proposito delle difficoltà di traduzione, se pensate che per le traduzioni dall'inglese o da altre lingue (soprattutto anglo-sassoni) i traduttori automatici (machine translators) siano una valida scorciatoia, leggete qui.
 

© Musica & Memoria 2002-2015

CONTATTO

ENGLISH

HOME