Velvet Underground - Sunday Morning

MENU

HOME

 

Sunday morning, praise the dawning
It's just a restless feeling by my side
Early dawning, Sunday morning
It's just the wasted years so close behind.

Domenica mattina, la gloria dell'alba,
ma c'è una sensazione di irrequietezza che mi accompagna
Le prime luci del giorno, Domenica mattina,
ma sono appena dietro di me gli anni che ho sprecato

Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call
It's nothing at all

Fai attenzione, il mondo (intero) è alle tue spalle
c'è sempre qualcuno intorno a te che chiamerà
(ma) non è niente di niente

Sunday morning and I'm falling
I've got a feeling I don't want to know
Early dawning, Sunday morning
It's all the streets you crossed, not so long ago

Domenica mattina e sto cadendo
Sto provando una sensazione che non voglio riconoscere
Le prime luci dell'alba, Domenica mattina,
Sono tutte le strade che hai percorso, non molto tempo fa.

Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call
It's nothing at all

Fai attenzione, il mondo (intero) è alle tue spalle
c'è sempre qualcuno intorno a te che chiamerà
(ma) non è niente di niente

 

 

Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call
It's nothing at all

Fai attenzione, il mondo (intero) è alle tue spalle
c'è sempre qualcuno intorno a te che chiamerà.
(ma) non è niente di niente

Sunday morning
Sunday morning
Sunday morning
...

Domenica mattina
Domenica mattina
Domenica mattina
...

 

 

Note

 

Una splendida canzone scritta da Lou Reed per l'album di esordio del suo primo gruppo, i Velvet Underground. L'album, prodotto da Andy Wharol, è uscito nel  marzo del 1967 con il titolo "The Velvet Underground and Nico" e, pur non avendo ottenuto un grande riscontro di vendite all'epoca, ha avuto una grande influenza nella storia della musica rock. Wharol aveva curato (ovviamente) la immagine grafica dell'album disegnando la celebre copertina con la banana (a lato) che, nella prima edizione dell'LP, era sbucciabile realmente tramite uno sticker distaccabile.

Nel gruppo, oltre alla cantante tedesca Nico (Christa Päffgen) e a Lou Reed al canto e alla chitarra, era presente anche John Cale al piano e basso elettrico. Avvertenze per chi voglia conoscere i Velvet partendo da questo disco e da questa canzone: il resto dell'album è molto più rock.
(Per saperne di più su Lou Reed e i Velvet Underground: www.loureed.it)

La canzone parla di una tranquilla Domenica, il giorno senza obblighi, nel quale nessun dovere ci chiama? Oppure del faticoso riemergere dai fumi e dai postumi di un intenso e prolungato sabato sera? Oppure di uno stato di depressione, reso ancora più eclatante da un giorno di forzata solitudine e di interruzione dagli impegni della settimana?

Come è avvenuto per molte altre celebri canzoni e poesie ognuno ha la sua personale Sunday Morning. La interpretazione più probabile è la terza, in linea e in coerenza con il resto della produzione dei Velvet Underground, ma la maggior parte di noi ha colto una dolce e compiaciuta malinconia, e nulla vieta di usarla come sveglia per una pigra Domenica, da dedicare totalmente a noi stessi.

  

Per ascoltare questa canzone

 
 

Ads by Google

© Musica & Memoria / Novembre 2007 / Testo originale di Lou Reed riprodotto per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi AVVERTENZE) / Traduzione di A. Truffi / Copia per usi commerciali non consentita

CONTATTO

HOME