La musica classica - Wolfgang Amadeus Mozart

HOME

MENU

 

Vita e opere del grande compositore austriaco si possono leggere agevolmente su Wikipedia o su altre fonti. Qui è invece presente qualcosa di meno facilmente reperibile in rete, un quadro sinottico delle principali opere, limitatamente per ora al pianoforte e alla musica da camera.

 

 

Composizioni per pianoforte

 

 

Mozart ha scritto 18 sonate per pianoforte solo, molte delle quali hanno costituito le basi del genere musicale. Oltre ad altre composizioni minori (giovanili) che lasciamo agli specialisti.  Mozart è nato nel 1756, quindi le prime sonate sono state composte quando aveva 18 anni, l'ultima quando ne aveva 33. Nella tabella sono elencate le sonate per piano solo in ordine di data con la indicazione del numero progressivo tradizionalmente usato e del numero di catalogo Kochel.

 

Sonate

Tonalità

Anno

Opera / Num.

Catalogo Kochel

Titolo / Note

DO maggiore (C-Dur)

1774

N.1

K.279

Salisburgo

FA maggiore (F-Dur)

1774

N.2

K.280

Salisburgo

SI bemolle maggiore (Bb-Dur)

1774

N.3

K.281

Salisburgo

MI bem. maggiore (Eb-Dur)

1774

N.4

K.282

Salisburgo

SOL maggiore (G-Dur)

1774

N.5

K.283

Salisburgo

RE maggiore (D-Dur)

1775

N.6

K.284

Durnitz-Sonate (Monaco)

DO maggiore (C-Dur)

1777

N.7

K.309

Mannheim

RE maggiore (D-Dur)

1777

N.9

K.311

Mannheim

LA minore (a-Moll)

1778

N.8

K.310

Parigi

LA minore (a-Moll)

1778

N.10

K.330

Parigi

LA maggiore  (A-Dur)

1778

N.11

K.331

Parigi

FA maggiore (F-Dur)

1778

N.12

K.332

Parigi

SI bemolle maggiore (Bb-Dur)

1778

N.13

K.333

Parigi

DO minore (C-moll)

1784

N.14

K.475

Vienna

FA maggiore (F-dur)

1788

N.15

K533/494

Vienna

DO maggiore (C-Dur)

1788

N.16

K.545

Vienna ("Sonata facile")

SI bemolle maggiore (Bb-Dur)

1789

N.17

K.570

Vienna

RE maggiore (D-Dur)

1789

N.18

K.576

Vienna

SI bemolle maggiore (Bb-Dur)

1782

 

K.400

Solo 1° mov. Allegro (Vienna)

FA maggiore (F-Dur)

1788

 

Anh 135 (K.547a)

Vienna

         

I numeri di catalogo Kochel, i famosi K usati su tutti i dischi e produzioni di Mozart, sono indicati con riferimento alla prima edizione di fine ottocento, perché sono quelli comunemente usati tuttora. I curatori delle edizioni successive (dovremmo essere alla sesta) hanno seguito la strategia piuttosto assurda di rinumerare buona parte delle composizioni, rendendo impossibile capirci qualcosa ai non specialisti. Per questo si continuano ad usare i numeri del primo catalogo. Per comodità è indicata anche la tonalità nella notazione tedesca e anglo-sassone. La sigla Anh indica che la composizione era inclusa nell'appendice della prima edizione del catalogo Kochel, poi accreditata e con numero assegnato nelle successive edizioni. Poiché individuano diverse fasi della maturazione del compositore sono indicati anche i luoghi in cui le sonate sono state scritte.

 

Variazioni per pianoforte

Tonalità

Anno

Catalogo

Tema originale / Note

SOL maggiore

1766

K.24

Lied olandese (Graaf) (L'Aja)

RE maggiore

1766

K.25

Willem van Nassau (Amsterdam)

SOL maggiore

1773

K.180

Mio caro Adone (Salieri) (Vienna)

DO maggiore

1774

K.179

Minuetto di C.E.Fischer (Salisburgo)

MI bemolle maggiore

1778

K.354

Je suis Lindor (Beaumarchais) (Parigi)

MI bemolle maggiore

1778

K.353

La belle Françoise (Parigi)

DO maggiore

1778

K.264

Lison Dormait (Deleze) (Parigi)

FA maggiore

1781

K.352

Les Mariage samnites (Vienna)

FA maggiore

1783

K.398

Salve Tu Domine (Paisiello) (Vienna)

LA maggiore

1784

K.460

Come un agnello (Sarti) (Vienna)

SOL maggiore

1784

K.455

Unser dummer Pobel meint (Gluck)

SI bemolle maggiore

1786

K.500

Allegretto anonimo (Vienna)

RE maggiore

1789

K.573

Minuetto di Duport (Potsdam)

FA maggiore

1791

K.613

Ein Weib ist das ... (Vienna)

 

Sin da quando era un bambino (le prime due serie di 8 e 7 variazioni risalgono a quando aveva 10 anni) Mozart ha utilizzato la sua facilità di comporre per creare serie di variazioni (da 6 a 12) su temi presi da canzoni popolari o da arie d'opera. Un genere che poteva sconfinare nel virtuosismo ma una serie di composizioni nelle quali emerge comunque il più grande talento naturale che la musica abbia conosciuto.

 

Musica da camera con pianoforte

Sonate per violino e pianoforte

Tonalità

Anno

Opera / Numero

Catalogo

Titolo / Note

FA maggiore     

1781

N.24

K.376

Vienna

FA maggiore

1781

N.25

K.377

Vienna

SOL maggiore

1781

N.27

K.379

Vienna

MI bemolle maggiore

1781

N.28

K.380

Vienna

SI bemolle maggiore

1784

N.32

K.454

Vienna

MI bem. maggiore (Eb-Dur)     

1785

N.33

K.481

Vienna

LA maggiore

1787

N.35

K.526

Vienna

FA maggiore

1788

N.36

K.547

Sonatina in FA / Vienna

 

Le sonate per violino e pianoforte incluse nel catalogo Kochel sono almeno 46, e includono opere molto giovanili (a partire dall'età di 6 anni), frammenti e composizioni di un solo movimento e variazioni. Sono indicate quelle comunemente considerate principali, come si vede tutte composte a Vienna e tutte in modo maggiore, ma questo non significa che tra le altre non ci siano gemme musicali.

 

Trii per pf, vl e vlc

Tonalità

Anno

Opera / Numero

Catalogo

Titolo / Note

SOL Maggiore

1786

N.2

K.496

 

SI bem. magg. (Bb-Dur)

1786

N.3

K.502

 

MI maggiore    

1788

N.4

K.542

 

DO maggiore

1788

N.5

K.548

 

SOL maggiore

1788

N.6

K.564

 

 

Quartetti per archi con pianoforte

Numero / Tonalità

Anno

Opera / Numero

Catalogo

Titolo / Note

SOL minore

1785

N.1

K.478

Vienna

MI bem. maggiore

1785

N.2

K.493

Vienna

 

Nel K.478 Mozart adotta il modo minore, più drammatico e interrogativo, e la composizione risulta all'ascolto particolarmente moderna e diversa dalle altre del periodo.

 

Musica da camera per archi

 

--

Quartetti per archi

Numero

Anno

Catalogo

Titolo / Note

1-2-3-4-5-6-7

1770-1773

K.80-K.155-K.156-K.158-K.159-K.160

"Milanesi"

8-9-10-11-12-13

1773

K.168-K.169-K.170-K.171-K.172-K.173

"Viennesi"

14-15-16-17-18-19

1782-1785

K.387-K.421-K.428-K.458-K.464-K.465

Dedicati a Haydn

20

1786

K.499

"Hoffmeister"

21-22-23

1789-1790

K.575-K.589-K.590

"Prussiani"

Albert Joseph Moore - The Quartet

I 23 quartetti di Mozart completi e noti da sempre sono tradizionalmente numerati come indicato sopra. Sono anche comunemente raggruppati tra loro in base al periodo, al luogo di composizione e allo stile adottato. I primi 7, giovanili (da 14 anni a 17 anni) sono stati composti in alta Italia, nel Lombardo-Veneto allora parte dell'impero austriaco, in diversi viaggi, in maggioranza a Milano, da qui il nome. (Nella immagine, The Quartet, di Albert Joseph Moore, 1869).

 

Quintetti per archi

Numero / Tonalità

Anno

Catalogo

Titolo / Note

SI bem. maggiore

1773

K.174

Salisburgo

DO maggiore

1787

K.515

Vienna

SOL minore

1787

K.516

Vienna

DO minore

1787

K.406

Trascrizione Serenata K.384a

RE maggiore

1790

K.593

Vienna

MI bem. maggiore

1791

K.614

Vienna

 

Oltre a quelle elencate, che possono essere considerate le principali, nella produzione di Mozart per musica da camera sono presenti molte altre composizioni per varie formazioni, con strumenti a fiato, come il Kegelstatt Trio per pianoforte, clarinetto e violino, e anche per strumenti particolari, come l'organo meccanico e la Glassharmonika.

 

Concerti per pianoforte e orchestra

 

 

Tonalità

Numero

Anno

Catalogo

Titolo / Note

FA maggiore

1

1767

K.37

Arrangiamento da temi di Raupach e Honauer

SI bem. maggiore

2

1767

K.39

Da temi di Raupach e Schobert

RE maggiore

3

1767

K.40

Da temi di Honauer, Eckart, e C.P. Bach

SOL maggiore

4

1767

K.41

Da temi di Raupach e Honauer

RE maggiore

5

1773

K.175

 

SI bem. maggiore

6

1776

K.238

 

FA maggiore

7

1776

K.242

Lodron-Konzert per 3 pf.

DO maggiore

8

1779

K.246

Lutzow-Konzert

MI bem. maggiore

9

1771

K.271

Jeunehomme-Konzert

MI bem. maggiore

10

1779

K.365

Per 2 pf.

LA maggiore

11

1782

K.414

 

FA maggiore

12

1783

K.413

 

DO maggiore

13

1783

K.415

 

MI bem. maggiore

14

1784

K.449

 

SI bem. maggiore

15

1784

K.450

 

RE maggiore

16

1784

K.451

 

SOL maggiore

17

1784

K.453

 

SI bem. maggiore

18

1784

K.456

 

FA maggiore

19

1784

K.459

 

RE minore

20

1785

K.466

 

DO maggiore

21

1785

K.467

Tema del film "Elvira Madigan"

MI bem. maggiore

22

1785

K.482

 

LA maggiore

23

1786

K.488

 

Do minore

24

1786

K.491

 

DO maggiore

25

1786

K.503

 

RE maggiore

26

1788

K.537

Kronungs-Konzert

SI bem. maggiore

27

1791

K.595

 

 

I concerti per pianoforte e orchestra, un genere nel quale il musicista austriaco ha raggiunto i vertici della sua arte, sono tradizionalmente indicati, oltre che con il numero di catalogo, con un numero progressivo che inizia dai primi 4 concerti molto giovanili (aveva 11 anni) e che erano essenzialmente esercizi di studio. Un aiuto per orientarsi che può risultare poco utile se non si conosce la corrispondenza. Nella produzione di Mozart sono presenti oltre a queste elencate anche altre composizioni per piano e orchestra (rondò, fantasie, ecc.). I primi 10 sono stati composti negli anni di Salisburgo, tutti gli altri a Vienna. Come si vede solo due (il 20 e il 24) sono in modo minore, tutti gli altri nel più aperto e solare modo maggiore. Come curiosità e ausilio alla memoria è indicato anche l'utilizzo dell'andante del n.21 nel film romantico degli anni '70 Elvira Madigan, che ha contribuito fortemente alla fama del concerto (e di Mozart). Sono tutti in forma classica, a tre tempi, e di durata tra 20 e 25'.

 

Teatro musicale, Sinfonie, Concerti per violino, Concerti per altri strumenti, Musica sacra...

 

 

La produzione di Mozart, il più grande talento musicale conosciuto in musica, è vastissima pur in una vita purtroppo piuttosto breve, e non solo perché ha iniziato a comporre prima dei 10 anni, ma per la sua ineguagliabile capacità di comporre a partire da un tema e di creare nuovi temi musicali, facilitata dalla esistenza (e dalla sua perfetta padronanza) di una lingua musicale ormai stabilizzata e condivisa. Che ha però avuto il genio di superare, anticipando il romanticismo, soprattutto nelle ultime composizioni.

La produzione del musicista comprende, oltre ai 27 concerti per pianoforte e orchestra, 1 rondò e 4 fantasie per piano e orchestra, 7 concerti per violino e orchestra, 4 per corno, 4 per flauto e altri strumenti, 1 per fagotto e 1 per clarinetto (l'imprescindibile K.622, uno dei molti capolavori assoluti del compositore austriaco). Per i concerti è usata comunemente anche una numerazione, indicata in precedenza per quelli per piano.

Le sinfonie sono 41, dalle prime 5 composte quando aveva tra 9 e 11 anni, fino agli ultimi capolavori composti 3-4 anni prima della prematura scomparsa. Come per i concerti è in uso anche una numerazione per le sinfonie, le ultime 4, le più celebri sono quindi le n. 38 ("Praga"), 39, 40, 41 ("Jupiter").

Le opere teatrali compiute sono 24, le composizioni di musica sacra oltre 60. Questi numeri si riferiscono alle opere complete ed escludono frammenti, abbozzi ed opere incomplete, incluse comunque nel catalogo Kochel nelle varie edizioni. Già comunque conoscere una parte anche piccola dei più conosciuti richiede un considerevole impiego di tempo (comunque ben speso).

Per queste composizioni abbastanza note e caratterizzate, i molti cataloghi già disponibili in rete sono ampiamente sufficienti e un quadro sinottico con indicatori a confronto non fornisce un grande valore aggiunto, quindi evitiamo di inserire inutili doppioni.

 

Interpreti

 

 

Praticamente tutti i più importanti interpreti si sono cimentati anche con Mozart e quindi una qualsiasi indicazione è ardua e opinabile. Limitandoci solo ai pianisti tra i classici Clara Haskil e Vladimir Horowitz sono considerati normalmente al vertice, e venendo ai tempi più recenti Claudio Arrau. Più controverse le interpretazioni di Glenn Gould che peraltro non amava incondizionatamente il compositore austriaco. Tra i pianisti classici del nostro tempo sia Maurizio Pollini sia Vladimir Askhenazy hanno interpretato, soprattutto i concerti, ai massimi livelli. Gli interpreti attuali di riferimento secondo molti sono Alfred Brendel per le sonate e Murray Perahia per i concerti.

 

Indice

 

 

Composizioni per pianoforte / Musica da camera per archi / Teatro musicale, Sinfonie, Concerti per  violino, Musica sacra ... / Interpreti

 

Altre risorse sulla musica classica

 

 

La grammatica della musica: 1. Dal suono alla musica / 2. L'alfabeto della musica / 3. La lingua della musica

I compositori: 1. Musica barocca / 2. Musica classica / 3. Le opere: Mozart, Schubert

 

Ads by Google

© Musica & Memoria Marzo 2013 / Revisioni: Giugno 2013 (tabelle sonate e altre composizioni per piano)

CONTATTO

HOME

 

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.