Musica & Memoria / Cover anni ’60 - ’70. Note alla Lista n.5

HOME

MENU

 

Sul sito Musica & Memoria è presente un elenco, che si avvia a diventare completo, delle moltissime cover da originali stranieri pubblicate da gruppi e cantanti italiani negli anni '60 e '70. L'elenco, vista la sua dimensione (oltre 2000 cover commentate) è suddiviso in 6 liste. Quando i commenti sintetici inseriti a fianco di ciascuna cover (sempre con indicazione dell'autore originale e italiano e del titolo della versione originale, e relative date) sono troppo estesi è aggiunta anche una pagina di note, come questa.

Indice delle note:

Nana Mouskouri / Neil Sedaka / Nino Ferrer / Milva / Mina / Nico Fidenco / Patrick Samson / Pooh / Nuovi Angeli / Ornella Vanoni / Paul Anka / Punti Cardinali

Vedi anche:

Il menu con tutte le informazioni sulle cover / L'indice completo / Vai alla Lista 5
 

Note della Lista 5 (da Milena Cantù ai Quattro Satelliti)

   

 

Le auto-cover in italiano di Nana Mouskouri

Anche Nana Mouskouri, come Caterina Valente o Petula Clark, dopo aver lasciato la Grecia ed essersi stabilita in Francia all'inizio degli anni '60, è diventata una "cantante multinazionale" ed ha pubblicato in molte lingue europee auto - cover dei successi, spesso legati alla natia patria greca ma spesso anche di diversa ispirazione. Quella che segue è la lista delle auto - cover nella nostra lingua.

  • Rosa d’Atene (Larici - Madjidakis)(1964)
  • La notte non lo sa (Testa - Bernard) (1964)
  • Quando tu verrai (Chiosso - Hadjidakis) (1964)
  • Rosa tra le rose (Chiosso - Mogol - Sanders - Stevens) (1965)
  • Rosso corallo (L.Chiosso - Alisch) (1965)
  • Oh mamma mamma (Mogol - Madjidakis) (1965)
  • Se a volte (G.Calabrese - G.Cichellero) (1966)
  • I parapioggia di Cherbourg (Testa - Pallavicini - Legrand) (1966)
  • Il tuo sorriso nella notte (Mogol - Theodorakis - Campanolis)(1966)
  • Era settembre (T.Jones - H.Schmidt - Marnay - Mogol) (1967)
  • Tutta vestita di blu (G.Calabrese - Petsilas - Marnay) (1967)
  • Gira rigira (Bertini - Jourdan - Pstsilas) (1970)
  • Se tu credi nell'amore (H.Pagani - Mason - Williams) (1970)
  • Cambierà (G.Calabrese - Bergman - Yarrow) (1970)
  • Come un eredità (Cosma - Delanoè - G.Calabrese) ( Sigla Tv La Figlia Di Mistral) (1985)
   
 

Scaletta dell'LP Neil Sedaka italiano (RCA Victor LSP 10140  -  1963)

Lato A
01) I tuoi capricci (Migliacci  -  Enriquez)
02) Quando sorridi così (Fersen  -  Enriquez)
03) La terza luna (Migliacci  -  Enriquez)
04) Adesso no (Meccia)
05) Finche vivrò (Bertini  -  Greenfield  -  Sedaka)
05) Il cielo ti ha creata per me (Rossi  -  PallescPi)

Lato B
01) Tu non lo sai (Pallesi  -  Greenfield  -  Sedaka)
02) Non cercare un'altra bocca (Gentile  -  Greenfield  -  Sedaka)
03) Il re dei pagliacci (Amenni  -  Greenfield  -  Sedaka)
04) L'ultimo appuntamento (Migliacci  -  Enriquez)
05) A 16 anni tu vuoi amare (Bardotti  -  Ronnye  -  Grosman)
06) Se c'è un paradiso (Migliacci  -  Enriquez)

 

 

 

Scaletta dell'LP di Neil Sedaka Smile (RCA LPM - 10181  -  1966)

01) Ricordando (Fumo Negli Occhi) (Smoke Gets in Your Eyes) (Jerome Kern  -  Otto A. Harbach  -  Nomen)
02) Un'ora sola ti vorrei (Umberto Bertini  -  Marchetti)
03) Na sera 'e maggio (Pisano  -  Cioffi)
04) Questa notte saprò (Again) (Nisa  -  Devilli  -  Newman  -  Cochran)
05) Estrellita (Ardo  -  Ponce)
06) Cantando con le lacrime agli occhi (Vittorio Mascheroni  -  Mario Panzeri)
07) Sorridi (Smile) (Ardo  -  Charlie Chaplin  -  John Tuner  -  Geoffrey Parsons)
08) I' te vurrìa vasà (Russo  -  Eduardo Di Capua)
09) Arcobaleno (Over the Rainbow) (Devilli  -  Harold Arlen  -  E.Y. Harburg)
10) Tu musica divina (Alfredo Bracchi  -  Giovanni D'Anzi)
11) L'amore è una cosa meravigliosa (Love Is a Many Splendored Thing) (Devilli  -  Sammy Fain  -  Paul Webster)
12) Sì amore (All the Way) (Giancarlo Testoni  -  Abbate  -  Jimmie Van Heusen  -  Sammy Cahn)

   
 

Nino Ferrer - Il baccalà / Les Cornichons e la musica originale (Big Nick)

La musica di Les cornichons (i sottaceti), pubblicato nel 1969 anche italiano da Nino Ferrer, nel 1969, con titolo Il baccalà, era presa da un brano strumentale di un tastierista afro americano di New Orkeans, James Carrol Baker, sopranominato “Piano Prince of New Orleans”. Già in tenera età dimostrò la passione per il pianoforte ed ebbe la fortuna già da piccolo di studiarlo. Suo malgrado però la stessa fortuna lo abbandonò presto, perché da ragazzo venne investito da una autoambulanza e che dai traumi subiti, per far fronte ai dolori dovette assumere morfina e dalla quale dipendenza inevitabilmente venne indotto a rincarare le dosi e dalla quale sostanza non poté più staccarsene, restandone vittima per tutta la sua breve vita, cessata a soli 44 anni per insufficienza renale. Il suo brano è il retro del 45 giri “Cross My Heart”, etichetta Peacock, numero di catalogo: 1923, pubblicato in Aprile del 1963. (I.S.)

   

 

Milva  -  Caro John (Johnny Is The Boy For Me  -  Les Paul & Mary Ford)

Di questa canzone esiste anche una versione in francese, pubblicata da Edith Piaf nel 1953, stesso anno della versione in lingua inglese di Les Paul e Mary Ford. Si tratta ovviamente della versione cui fa riferimento Milva per l'album Le canzoni di Edith Piaf dove è contenuta questa cover.
Le versioni di Les Paul e di Edith Piaf in realtà sono adattamenti della canzone originale rumena che ha per titolo “Sanie cu zurgălăi”, composta nel 1937 dal musicista rumeno Richard Stein e scritta dal poeta e drammaturgo moldavo - rumeno Liviu Deleanu, pseudonimo di Lipa Cligman, ed incisa nello stesso anno 1937 dalla nota cantante rumena Maria Tanase.
La prima registrazione nel dopoguerra e in occidente è accreditata a Les Paul & Mary Ford, che è di giugno 1953, come dal retro copertina dell’LP 33 giri pubblicato dalla Capitol. La versione di Edith Piaf è invece successiva e venne registrata il 24 dicembre 1953, ma la data di pubblicazione risale al 1954, confermato anche sull’LP 33 giri in Encyclopédisque, fermo restando il riferimento alle date di pubblicazione e non di registrazione, spesso confuse nei siti web. A seguito del successo internazionale della canzone l'autore del brano originale, Richard Stein, ha fatto causa a Les Paul ottenendo i diritti su questo brani e il relativo sfruttamento economico. Per aumentare la confusione tra le varie fonti, molti anni dopo un gruppo belga che si faceva chiamare proprio Vaya con Dios ha pubblicato una cover di questo brano con titolo semplificato in "Johnny". Siamo però nell'anno 1988. Nelle immagini sotto (da Discogs) le etichette del singolo originale di Les Paul (all'epoca erano venduti con copertina esterna non personalizzata).
 

   
 

Milva  -  Tango (Ricordi SMRL 6058  -  Novembre 1968)

Alle cover di Milva da originali tratti dalla tradizione argentina del tango dedichiamo una pagina a parte: Milva e il tango. Questa è la scaletta dell'album del 1968 della grande interprete e musicista italiana.

A1  -  Questo tango (La Cumparsita)  -  (Rondinella, Rodriguez)  -  3:17
A2  -  Guardando intorno a te (A Media Luz)  -  (Lonzi, Donato)  -  2:32
A3  -  Il cantastorie col bandoneon (Bandoneon Arrabalero)  -  (Bachica, Contursi, Bertini)  -  2:40
A4  -  La mia vita cambierà (Inspiracion) – (Rondinella, Paulus M.E.)  -  3:25
A5  -  Stanotte sognerò (Blue Sky)  -  (Rixner)  -  4:04
A6  -  Adios Muchachos (Adios Muchachos)  -  (Vedani, Sanders)  -  2:58
B1  -  La donna del buono a nulla (Duelo Criollo)  -  (Rezzano, Bayardo)  -  2:57
B2  -  Rodriguez morirai (Rodriguez Pena)  -  (Rondinella, Velic M. Juan, Greco Vicente)  -  2:44
B3  -  All'osteria (El Choclo)  -  (Villoldo)  -  2:56
B4  -  Il diario sa (Blue Tango)  -  (Rondinella, Anderson, Parish)  -  2:45
B5  -  So che nel cielo (Poema)  -  (Melfi, Bianco)  -  3:20
B6  -  Adios, Pampa mia (Adios, Pampa mia)  -  (F. Canaro, I. Pelay, Larici, M. Mores)  -  4:15

   
 

Mina - Chi sarà (Sway)

Sul lato B del singolo del 1961 di Mina, ancora con la Italdisc, una cover della celebre canzone messicana degli anni '50 Quién Será, un tango-bolero, nota in tutto il mondo per la sensuale versione di Dean Martin dello stesso periodo, dal titolo Sway (ondeggiare) e tutta giocata sulla magia della danza.L'originale è stata coscritta nel 1953 dai compositori messicani Pablo Beltràn Ruiz e Luis Demetrio (Luis Demetrio Traconis Molina), la prima interpretazione è attribuita al cantante colombiano Nelson Pinedo, appena subentrato al cantante Daniel Santos, nell'ultra novantennale gruppo proveniente dalla città cubana Matanzas, denominato (La Sonora Matancera). Nelson Pinedo con il gruppo registrò una cinquantina di canzoni e il loro repertorio era ed è basato principalmente sulla musica caraibica e in generale latino americana. La Sonora Matancera è un gruppo vocale e strumentale che nasce nel 1924, tuttora attivo, e in tutto il periodo della loro attività, ad oggi, si sono avvicendati quarantasette cantanti che registrarono col gruppo. Tra questi, oltre a Nelson Pinedo, i più noti sono: Alberto Beltrán, Bienvenido Granda, Bobby Capó, Carlos Argentino, Celia Cruz, Celio González, Daniel Santos ecc. Un altro gruppo di ventitré cantanti, si esibirono con la Sonora Matancera dal vivo, ma senza aver registrato, tra i più famosi: il messicano Pedro Vargas e l'italiano Ernesto Bonino.
Al 2017 si contano oltre un centinaio di versioni registrate da orchestre e da cantanti in tutto il mondo, con particolare attenzione alla ottima riuscita della più recente versione inglese, interpretata dal cantante canadese pop Michael Bublé nel 2003.

   

 

Mina - Se tornasse caso mai (If He Walked Into My Life)

Questo brano musicale ha fatto parte del musical "Mame", diretto da Gene Saks, ispirato al romanzo "Auntie Mame" di Patrick Dennis del 1955, così come l'adattamento per la commedia teatrale omonima del 1956 e per il film Auntie Mame del 1958. Venne presentato per la prima volta al Winter Garden Theatre di Broadway il 24 maggio del 1966. La colonna sonora era stata composta dal newyorchese Jerry Herman, noto anche per aver composto le musiche per altri famosi musical a Broadway, tra i quali: Hello Dolly del 1964. I testi erano stati adattati da Jerome Lawrence e Robert Edwin Lee. Il brano in oggetto venne suonato dall'orchestra nell'Ouverture e ripreso-cantato prima del finale dall'attrice principale Angela Lansbury, nella parte di Mame.

   
 

Le cover di derivazione cinematografica di Nico Fidenco

Nico Fidenco sin dal 1961 si è specializzato nella pubblicazione di dischi derivati da film di successo americani e, in alcuni casi, di film italiani. Si trattava a volte della cover della canzone guida del film o di una canzone già tratta dal tema musicale da artisti americani, in altri casi di un nuovo testo adattato al tema musicale. La copertina richiamava sempre il film e spesso sul lato B c'era una composizione originale, a volte strumentale, ispirata sempre al film. Un indizio di quanto fosse popolare e importante il cinema negli anni '60. Nel seguito una lista di queste cover o quasi - cover.

  • 1960: Su nel cielo (What A Sky)  -  Dal film italiano I delfini (Francesco Maselli)
  • 1961: Il mondo di Suzie Wong  -  Dal film omonimo di Richard Quine (tema di George Duning)
  • 1961: Ghinza Street  -  Dal film italiano Akiko di Luigi Filippo D'Amico (tema)
  • 1961: Exodus (Exodus, This Land Is Mine  -  Pat Boone)  -  Dal film omonimo di Otto Preminger
  • 1962: Colazione da Tiffany (Moon River)  -  Dal film omonimo di Blake Edwards
  • 1963: Una donna nel mondo  -  Dal film documentario La donna nel mondo di Gualtiero Jacopetti e Paolo Cavara (tema)
  • 1963: Hud  -  Dal film Hud il selvaggio di Martin Ritt (tema di Elmer Bernstein)
  • 1963: Cleopatra - Dal film omonimo di Joseph L. Mankiewicz con Liz Taylor e Richard Burton
  • 1965: L'uomo che non sapeva amare  -  Dal film omonimo (titolo originale The Carpetbaggers) di Edward Dmytryk (dal tema del film di Elmer Bernstein)
  • 1965: Jean Harlow la donna che non sapeva amare  -  Dal film omonimo di Gordon Douglas
  • 1965: Lord Jim -  Dal film omonimo di Richard Brooks (dal tema del film di Bronislau Kaper)
  • 1967: E venne la notte - Dal tema del film omonimo (titolo italiano, titolo originale Hurry Sundown) di Otto Preminger (1967)
  • 1967: Quelli della San Pablo - dal tema del film The Sand Pebbles di Robert Wise con Steve McQuuen
  • 1969: Oramai sto con lei - Tema del film The Touchables (Le toccabili) di Robert Freeman, del 1968.
 

Nel seguito le altre informazioni discografiche sulle versioni italiana ed originale di queste cover cinematografiche.

 

Versione italiana / Versione originale – Film / Interprete Originale / Note
Exodus (1961)
Exodus (The Exodus Song) (1961)
Pat Boone
Versione italiana su 45 giri RCA Serie Europa PM 3000 // Versione cantata su 45 giri Dot Records ‎– 45-16176; originale strumentale Orchestra Ernest Gold del 1960 su LP “Exodus - Original Soundtrack” - RCA Victor LSO 1058
Il mondo di Suzie Wong (1961)
The World Of Suzie Wong (Main Title)(1960)
Muir Mathieson
Versione italiana su 45 giri RCA Italiana 45N 1144 // Musiche di George Duning, direttore d'Orchestra Muir Mathieson. Originale su LP “The World Of Suzie Wong” - RCA Victor LOC-1059
Colazione da Tiffany (1962)
Moon River (1961)
Henry Mancini
Versione italiana su 45 giri RCA Victor PM45 3044 // Originale su 45 giri RCA Victor 47-7916
Cleopatra (1963)
Cesare & Cleopatra (1963) (strum.)
Alex North & Orchestra
Versione italiana su 45 giri RCA Italiana PM45 3222 // Originale su LP “Cleopatra” - 20th Century Fox FXG 5008
Hud (1963)
Hud Trailer (1963) (strum.)
Elmer Bernstein
Colonna sonora del film “Hud Il selvaggio” - Versione italiana su 45 giri RCA Italiana PM45 3224
Jean Harlow La donna che non sapeva amare (1965)
Lonely Girl (1965)
Neal Hefti
Colonna sonora del film "Harlow" – Versione italiana su 45 giri RCA Italiana PM45 3328 // Originale su 45 giri Columbia 43325
L'uomo che non sapeva amare (1965)
Love Theme from “The Carpetbaggers” (1964) – Edward Dmytryk
Elmer Bernstein
Versione italiana su 45 giri RCA Italiana PM45 3311 // Originale su LP "Äva Records" AS-45
Lord Jim (1965)
Lord Jim Theme (1965) (strum.)
Bronislau Kaper
Versione italiana su 45 giri RCA Italiana PM45 3338 // Originale su LP “Lord Jim (Original Soundtrack Recording)” - Colpix Records ‎– SCP 521
E venne la notte (1967)
Hurry Sundown - Main Title (1967)
Hugo Montenegro & His Orchestra
Versione italiana su 45 giri Parade PRC 5040 // Originale su LP “Hurry Sundown Original Soundtrack” - RCA Victor LSO 1133
Quelli della San Pablo (1967)
The Sand Pebbles theme (1966) (strum.)
Jerry Goldsmith
Versione italiana su 45 giri Parade PRC 5034 // Originale su LP “The Sand Pebbles” - 20th Century Fox Records ‎– 4189
Oramai sto con lei (1969)
All of us ("The Touchables" theme) (1968)
Nirvana
Versione italiana su 45 giri RCA Italiana PM45 3484 // Originale su LP “Original Motion Picture Sound Track Album The Touchables“ - 20th Century Fox Records S4206

   
 

Patrick Samson - Io e il tempo (A Love Like Yours, Martha & The Vandellas)

Singolo 45 giri, nel cui retro c’è la canzone “Sono un uomo”, etichetta Fonit - SPF 31207, pubblicato nel 1967. Questo brano venne presentato al Cantagiro, svoltosi dal 21 giugno al 8 agosto del 1967, facente parte del girone C, quello dedicato ai complessi, presentato a nome Patrick Samson Set, gruppo d’accompagnamento del cantante libanese, che nella breve permanenza in terra francese era noto come “Patrick Samson & Les Pheniciens”. Sia nel disco, sia nel database della SIAE, gli autori dichiarati sono Ollmar (Giancarlo Chiaramello)-musica e Vito Pallavicini - testo, ma in modo evidente il brano di Patrick Samson si rifà a un brano funk-soul proveniente dalla Motown di Berry Gordy jr. Anche se l’arrangiamento italico lo fa sembrare un’altra cosa, si tratta dell’adattamento di “A love like yours", eseguita da Martha & The Vandellas, autori Brian Holland e Lamont Dozier, disco originale: Lato B del singolo “Heat Wawe”, etichetta Gordy, una sussidiaria della più nota Motown, col numero di catalogo GORDY 7022, pubblicata nel 1963. Covers importanti da segnalare, nonostante fosse un lato B: Kim Weston, Manfred Mann, Juice Newton, Dusty Springfield, Ike e Tina Turner e altri.

   
 

Patrick Samson - Top  (Step Out Of Your Mind , American Breed)

Lato A/2 del primo LP italiano di Patrick Samson “Sono Nero”, etichetta Fonit - LPQ 09048, testo italiano di Nino Romano. L’originale era di una collaudata coppia di autori: il compositore, chitarrista e musicista di studio Al Gorgoni e il cantautore Chip Taylor (James Wesley Voight), che prima di affermarsi come quotati autori di grandi successi per altri, esordirono come duo canoro col nome Just Us. Questo brano è stato una hit da # 24 della Billboard hot 100, in luglio del 1967 per la rock band dell’Illinois The American Breed, rimasta attiva dal 1962 al 1970. Il loro più grande successo è una cover “Bend Me, Shape Me”, già pubblicato in gennaio dello stesso anno da un altro gruppo rock USA, The Outsiders. Disco originale: Singolo 45 giri Acta Records - 45-804, pubblicato nel 1967.

Sul lato B1 una versione in italiano per un potente brano funky / R&B, Funky Broadway, testo italiano sempre di Nino Romano, titolo Stasera canto io. Autore dell’originale il bassista, compositore e paroliere afro-americano Lester Christian, noto anche con lo pseudonimo di Dyke, nonché fondatore del gruppo R&B e funk statunitense Dyke and The Blazers, attivi dal 1965 al 1971, anno della prematura scomparsa dello stesso Christian. Questo brano è stato il secondo maggior successo del gruppo, # 17 della US R&B della Billboard in aprile del 1967. Disco originale: singolo 45 giri “Funky Broadway - Part I / Funky Broadway - Part II” Artco Records - 45-101, pubblicato nel 1966. Da segnalare la cover di Wilson Pickett con titolo semplificato in “Funky Broadway” una hit da # 1 della classifica R&B della Billboard nel mese di agosto del 1967, che è stata probabilmente la base per la versione del cantante libanese, che infatti lo cita nel testo (assieme però a Bobby Solo e Rita Pavone!).

 

 

Patrick Samson Set - Sono nero - LP Fonit ‎ LPQ 09048 - 1968

A1 Philly Dog
A2 Top (Step Out Of Your Mind – American Breed )
A3 Le mura stanno per crollare (Jéricho - Dick Rivers)
A4 Lasciami bere (Gin House Blues - Animals)
A5 Io e il tempo (A Love Like Yours - Martha and The Vandellas)
A6 Tell Mama
B1 Stasera canto io (Funky Broadway – Dyke and The Blazers / Wilson Pickett)
B2 Bambolina (Any Day Now – Chuck Jackson)
B3 I Believe
B4 Last Night
B5 Sono nero (Give And Take – Jimmy Cliff)

   

 

Patrick Samson – Soli si muore - Carosello ‎PLP 325 - 1969

A1 Soli si muore (Crimson And Clover – Tommy James and The Shondells)
A2 Se chiudo gli occhi (This Magic Moment – The Drifters)
A3 È questa vita così che mi va (Grooviest Girl In The World – The Fun and Games)
A4 Il diavolo col cuore (Race With The Devil)
A5 I muri parlano di noi (I Don't Want To Hear It Anymore – Dusty Springfield)
A6 Ubriaco di sogni (Live In The Sky - Dave Clark Five)
B1 Tanto era tanto antico
B2 Solo un pugno di briciole (Son Of A Preacher Man – Dusty Springfield)
B3 Mai (Why – Lonnie Mack)
B4 Lo capirai da te (I Got A Line On You - Spirit)
B5 Violini
B6 Basta (25 Miles – Edwin Starr)

   
 

Pooh - Resto con lei (Baby Let's Wait - Young Rascals)

Unica cover inedita su 45 giri con testo italiano di Pantros (Armando Sciascia), inserita nel lato A/2 del secondo LP dei Pooh, intitolato “Contrasto”, edito dalla Vedette Records col numero di catalogo VRMS 358, pubblicato nel 1968 e oggetto di una diatriba tra la casa discografica e il gruppo (era stato pubblicato usando diverse registrazioni anche di prova e senza il loro consenso). L’originale era stata coscritta dalle statunitensi Lori Burton e Pam Sawyer per il gruppo rock & roll, R&B e soul statunitense del New Jersey The Young Rascals (Le giovani canaglie o mascalzoni), fondato nel 1965 dal tastierista e organista Felix Cavaliere e dal cantante-chitarrista Eddie Brigati, entrambi di evidente origine italiana. In una nota pubblicata nel museo della “Rock & Roll Hall Of Fame”, The Young Rascals sono stati classificati come l’incarnazione della “blue eyed soul”, ossia, uno tra i primi gruppi bianchi che praticarono musiche R&B e Soul, al pari dei loro colleghi contemporanei Righteous Brothers, Van Morrison, Steve Winwood e Joe Cocker ma rispetto a questi ultimi, nella seconda metà degli anni ’60, erano superiori per successo e vendite. Un riconoscimento tardivo è stato riservato a questo gruppo da parte dell’organizzazione museale statunitense su citata, inserendoli nei propri annali nel 1997 per il loro rilevante contributo alla musica Rock & Roll. Disco originale: LP 33 giri “The Young Rascals” Atlantic - SD 8123, pubblicato in gennaio 1966. Esiste una cover in ottobre del 1966 del gruppo della Florida The Royal Guardsmen, pubblicato nel loro primo singolo 45 giri (Laurie LR-3359)-

   
 

Piccolo Man  -  Friends / Flower Pot Men (Piccolo Cuore - Nuovi Angeli)

John Carter (John Nicholas Shakespeare) e Ken Lewis (Kenneth Alan James Hawker) erano già noti per aver fatto parte del gruppo The Ivy League, un trio nato come session band, ma che proseguì autonomamente lanciando molti brani di successo, tra cui in particolare Funny How Love Can Be, per la maggior parte scritti dai due autori citati. Rimangono nel mondo della musica con un altro gruppo “The Flower Pot Men”, nato dalle ceneri del precedente, ma solo come autori e produttori. La loro etichetta Deram decise di cambiare ancora il loro nome, perché evidentemente giudicato poco efficace. Così diventano “Friends”, proprio a partire da questo brano (pur se nella copertina compare in piccolo anche il nome precedente). Disco originale: singolo 45 giri, etichetta Deram, numero di catalogo DM 198, pubblicato a luglio del 1968. Altra cover di rilievo da segnalare quella del gruppo di Pat Lynch And The Airchords, sempre del 1968. (I.S.)

   
 

The Little Red Boat By The River - The Spectrum (Il battello rosso - Nuovi Angeli)

Il gruppo “The Spectrum”, da non confondere con l’omonimo australiano dello stesso periodo, ma inglese, anche se in patria non ebbe notorietà rispetto al resto d’Europa e in particolare in Spagna. Formazione: Tony Atkins (chitarra solista), Colin Forsey (cantante), Bill Chambers (organista), Tony Judd (basso) e Keith Forsey (batteria) Originale scritta e composta da Denise Gross e Paul (Theodore) Leka, compositore statunitense, ricordato per aver fatto parte della band newyorkese “Steam”, loro è difatti la hit “Na Na Hey Hey Kiss Him Goodbye”composta dallo stesso Leka. Disco originale: singolo 45 giri, RCA Victor, numero di catalogo: 1753, pubblicato in ottobre del 1968. (Note I.S.)

   
 

Come In You’ll Get Pneumonia  -  Easybeats

 

L'originale di "Forse hai perso la memoria" dei Nuovi Angeli, contenuta nel loro primo LP omonimo, era stata scritta e composta da Tony Cahill, Harry Wanda e George Young, tutti membri del gruppo rock australiano The Easybeats, formatosi nel 1964 a Sydney. La loro hit è stat “Friday On My Mind”,# 6 della UK Singes Chart di ottobre 1966 e # 16 della Billboard Hot 100 di marzo 1967, da noi in Italia conosciuta attraverso la versione de I Ribelli, col titolo “La Follia”. Disco originale: lato B del singolo ” The Music Goes Round My Head”, etichetta United Artists, numero di catalogo: UP 1201, pubblicato in dicembre 1967.(Note I.S.)

   

 

When Julie Comes Around (Quando Giulia tornerà  -  Nuovi Angeli)

L'originale del retro del singolo 45 giri “L’uomo di Neanderthal” era una hit da #41 della Billboard Hot 100 e # 10 della UK Singles Chart, registrata dal gruppo rock - pop statunitense The Cuff Links, capitanato dal cantante Ron Dante, che fu la voce solista anche nel gruppo immaginario The Archies, della serie tv del cartone animato “Archie e Sabrina”, quelli della hit Sugar Sugar del 1969. Autori del brano originale erano i cantautori statunitensi Lee Pockriss e Paul Vance. Disco originale: singolo 45 giri etichetta Decca, numero di catalogo 732592, pubblicato in dicembre del 1969. (Note I.S.)

   
 

To Ma Ray Tom O Ray  -  William Chernoff (Kuku - ui Kuku - ue  -  Nuovi Angeli)

Questa canzone di puro intrattenimento pensata probabilmente per il genere "balli di gruppo", sulla scia di altre dei Nuovi Angeli, è stata pubblicata a nome de “La Tribù di Benadir”. Nome preso in prestito dalla via Benadir, nella quale numero civico 14, c'era la sede della loro casa discografica Polydor, che condivideva gli uffici con la etichetta Philips, anche questa usata per altri dischi dal complesso, entrambe facenti parte della Phonogram, che organizzava la distribuzione di entrambi le etichette, ma ognuna conservando la propria autonomia e il marchio. Nello stesso anno 1973 i Nuovi Angeli partecipavano al Disco per l'estate con una canzone più impegnata (La povera gente: La povera gente mangia riso, ma quando muore va in Paradiso, un posto bellissimo e trasparente, dove va la brava gente ... ) e probabilmente non si volevano mettere a confronto e in competizione i due diversi stili musicali.

   
 

The Ballad of Caryl Chessman (Ballata di Chessman  -  Ornella Vanoni)

Caryl Chessman era un fuorilegge che aveva commesso diversi reati ma non omicidi conosciuti, e che venne condannato in California alla pena di morte per stupro e sequestro di persona. Si batté per la commutazione della pena ottenendo numerosi rinvii per 12 anni ma fu infine condotto a morte nel 1960. La sua vicenda divenne quindi esemplare per i sostenitori dell'abolizione della pena capitale. Che non hanno ancora raggiunto il loro scopo perché in California è ancora in vigore oltre 50 anni dopo ed è stata anche confermata, seppur di misura, con un referendum nel 2012. Confermando gli USA come uno dei pochissimi paesi al mondo, e probabilmente l'unico tra quelli democratici, che prevedono questa pena contraria ai diritti fondamentali dell'uomo.

 

Ornella Vanoni - Quando dormirai (Aimez-Vous Brahms?)

La cover di Ornella Vanoni è tratta dal tema dal film drammatico franco-statunitense “Aimez-Vous Brahms?"   ovvero "Goodbye Again”, in USA e in Italia ovviamente “Le Piace Brahms?” del 1961 diretto da Anatole Litvak. Il film era tratto dall'omonimo romanzo di Françoise Sagan del 1959, grande successo internazionale. Interpreti: Ingrid Bergman, Yves Montand, Jessie Royce Landis e Anthony Perkins, il quale ottenne i premi per la migliore interpretazione maschile al Festival di Cannes nel 1961 e il David di Donatello nel 1962, come miglior attore straniero. La musica è ovviamente interamente ripresa da una composizione di Brahms e precisamente dalla Sinfonia N.3, terzo movimento, opportunamente inserita nella colonna sonora, condotta da Georges Auric. Oltre al brano strumentale di apertura al film, esiste una scena in cui la canzone è cantata in inglese e in stile jazz da Diahann Carroll, nella parte di cantante in un night club, con titolo “Love Is Just A Word”, scritto dalla paroliera e cantante statunitense Dori Langdon. Mentre il brano in lingua francese è intitolato “Quand tu dors pres de moi”, col testo di Françoise Sagan e con l’arrangiamento sempre di Georges Auric, fu registrato su 45 giri da Yves Montand, ed è questa la probabile versione a cui si rifà Ornella Vanoni.
Disco originale: LP 33 giri “Georges Auric-Goodbye
Again (original motion picture score)”, United Artists Records - UAS 5091, pubblicato nel 1961.

   
 

Ornella Vanoni - Il disertore (Boris Vian)

Canzone contro la guerra per eccellenza, che tratta senza mezzi termini il rifiuto di un ragazzo chiamato alle armi che, con una lettera garbata ma intrisa di tanta ironia, lspiega al proprio Presidente le sue ragioni nel non voler affrontare un ennesimo dramma di vita, dopo le tante sfortunate vicende capitate a lui e ai suoi familiari e, con ferma convinzione, spiega ancora il suo rifiuto nel non voler spargere inutilmente il proprio e l’altrui sangue, minacciando la sua diserzione. Lancia un monito al proprio Presidente: lui è pronto se necessario, a lasciarsi morire per mani delle autorità preposte. La versione italiana è stata tradotta dall’originale francese da Giorgio Calabrese, e registrata da Ornella Vanoni nel lato B del singolo “Le Mantellate” Ariston - AR 0517, e in precedenza (come riportato sulla copertina del singolo) sul LP 33 giri “Ah! L’amore l’amore, quante cose fa fare l’amore”, Ariston - AR PL 12050 pubblicati entrambi nel 1971. La scrittura e la composizione dell’originale è stata curata dal cantautore francese Boris Vian, in collaborazione per la composizione musicale con Harold Berg (dati SACEM). L’autore Vian ne eseguì una propria versione nel 1956, solo dopo quella più nota del cantante e attore franco-algerino Marcel Mouloudj del 1955. La sua canzone è stata inserita in B/2 del singolo 45 giri EP “Cinématographe”, etichetta Philips - 432.023.

   

 

Informazioni dettagliate sugli LP pubblicati da Paul Anka per il mercato italiano.

 

Scaletta dell'LP Paul Anka in Italiano (1963)

01) Piangerò Per Te (Crying in the wind) (Mogol - Anka)
02) Balla Con Me (Dance on little girl) (Spiker - Anka)
03) Crazy Love (Pallesi - Anka)
04) Eso Beso (Mogol - Anka)
05) Ora Triste (It's time to cry) (Devilli - Anka)
06) Dimmi subito di si (Tonight, my love tonight) (Spiker - Anka)
07) Abbandonati, Amore (Put your head on my shoulder) (Devilli - Anka)
08) Voglio Sapere (I'd like to know) (Devilli - Anka)
09) Ogni Giorno (Love me warm and tender) (Devilli - Anka)
10) Diana (Panzeri - Anka)
11) Non E' Finita (Don't ever leave me) (Devilli - Anka)
12) Chitarra, Vino E Amore (A steel guitar and a glass of wine) (Mogol - Anka)
13) Sei Nel Mio Destino (You are my destiny) (Bertini - Anka)
14) Cinderella (Spiker - Anka)
15) Non Giocar Con L'amore (Don't gamble with love) (Testoni - Anka)
16) Ogni Notte (Every night) (Mogol - Anka)

   
 

Scaletta dell'LP Paul Anka a casa nostra (1964)

01) Ogni Volta (Rossi - Robifer)
02) Il Tuo Compleanno (Migliacci - Anka)
03) Eh, Brava (Migliacci - Anka)
04) Parliamo Ancora (Migliacci - Anka)
05) Cercavo Proprio Te (Rossi - Anka - Sherman)
06) Domani Prendo Il Primo Treno (Rossi - Anka)
07) Oggi No, Domani (Rossi - Anka)
08) Hu, Hu (Migliacci - Anka)
09) Gli Amici E Tu (Rossi - Anka)
10) No, Non Mi Puoi Lasciar (Rossi - Anka)
11) Stasera Resta Con Me (Rossi - Anka)
12) Un Ricordo Per Me (Bardotti - Enriquez)

   
 

I Punti Cardinali - Lia / Tienimi

Il gruppo che ha pubblicato questo singolo promo con la Ricordi nel 1968, con due cover rispettivamente dai Cats e da Johnny Nash (uno dei primi brani reggae ascoltati da noi) proveniva dalla Sicilia e i suoi componenti erano Nino Venuto, chitarra, Mario Previti, tastiere (sempre con gli occhiali scuri perché non vedente), Piero Aspria, basso, Arnaldo Galli, batteria. Dopo due singoli in Italia (questo più nel 1970 La borsetta verde / Non ti dirò mai più di sì, cover rispettivamente di Little Green Bag e Something In The Air), alla fine degli anni '60 si sono trasferiti nei Paesi Bassi, stabilendosi per alcuni anni in Olanda. Lì registrarono diversi dischi dal 1972 al 1975 cambiano il nome in Cardinal Point (singoli: My Song Is Over, Mama Papa, Come On Say It e in più anche un LP omonimo).

   
 

Per segnalazioni o precisazioni scrivere a: Webmaster Musica & Memoria

   

Ads by Google

 

 

© Musica & Memoria 2014-2015 / Le note su Milva e i Nuovi Angeli sono redatte con il contribuito di Ignazio Sulis / L'elenco delle auto-cover di Nana Mouskouri è tratto da quello pubblicato sul blog Pensieri P33 / Data ultimo aggiornamento: 1 marzo 2015

CONTATTO

REVISIONI

HOME

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.