Caetano Veloso

Noites do Norte (2000)

HOME

INDICE

       

  1. Zera a Reza
  2. Noites do Norte
  3. 13 de Maio
  4. Zumbi
  5. Rock’n Raul
  6. Michelangelo Antonioni
  7. Cantiga de Boi
  8. Cobra Coral

  9. Ia
  10. Meu Rio
  11. Sou Seu Sabià
  12. Tempestades Solares
   
  

Zera a Reza

Finisci la preghiera

 

Vela leva a seta tesa

La vela conduce la freccia tesa

Rema na maré

Rema nella marea

Rima mira a terça certa

Rima mira la terza certa (il mercoledì giusto) (1)

E zera a reza

E finisci la preghiera

Zera a reza, meu amor

Finisci la preghiera, amore mio

Canta o pagode do nosso viver

Canta il pagode (2) del nostro vivere

Que a gente pode entre dor e prazer

Perché possiamo tra dolore e piacere

Pagar pra ver o que pode e o que não pode ser

Pagare per vedere che cosa può e che cosa non può essere

A pureza desse amor

La purezza di questo amore

Espalha espelhos pelo carnaval

Distribuisce specchi per il carnevale

e cada cara e corpo é desigual

e ogni faccia e corpo è diversa

sabe o que é bom e o que é mau

lo sai quello che è buono e quello che è cattivo

Chão é céu

Piano è cielo

E é seu e meu

Ed è tuo e mio

E eu sou quem não morre nunca

Ed io sono chi non muoie mai

vela leva a seta tesa

Vela porta la freccia tesa

rema na maré

Rema nella marea

rima mira a terça certa

Rima mira la terza certa

e zera a reza

E finisci la preghiera

 

Noites do Norte

Notti Del Nord (1)

   

A escravidão permanecerá por

La schiavitù resterà

muito tempo como a característica

per molto tempo come la caratteristica

nacional do Brasil.

nazionale del Brasile.

Ela espalhou por nossas vastas

Ha disperso nelle nostre vaste

solidões uma grande suavidade;

solitudini una gran dolcezza;

seu contato foi

il suo contatto è stato

a primeira forma que recebeu a

la prima maniera che ha ricevuto la

natureza virgem do país,

natura vergine del paese,

e foi a que ele guardou;

ed è stata quella che lui ha conservato

ela povoou-o como

lei (la schiavitù) lo ha abitato come

se fosse uma religião natural e viva,

se fosse una religione naturale e viva

com os seus mitos, suas legendas,

con i suoi miti, le sue leggende,

seus encantamentos; insuflou-lhe

i suoi incantamenti, il suo fascino;

sua alma infantil, suas tristezas sem pesar,

la sua anima infantile, le sue tristezze senza dolore,

suas lágrimas sem amargor,

le sue lacrime senza amarezza,

seu silêncio sem concentração,

il suo silenzio senza concentrazione,

suas alegrias sem causa,

la sua allegria senza un ragione,

sua felicidade sem dia seguinte...

la sua felicità senza il giorno che segue...

É ela o suspiro indefinível que

È lei il sospiro indefinibile che

exalam ao luar as nossas

esalano alla luna le nostre

noites do norte.

notti del Nord

 

 

 13 de Maio

 Il 13 Maggio

 

 

Dia 13 de maio em Santo Amaro

Il  13 maggio a Santo Amaro

Na Praça do Mercado

nella Piazza Del Mercato

Os pretos celebravam

I neri celebravano

(Talvez hoje inda o façam)

(forse lo fanno tuttora)

O fim da escravidão

la fine della schiavitù

Da escravidão

della schiavitù

O fim da escravidão

la fine della schiavitù

 

 

Tanta pindoba!

Grande festa!

Lembro do aluá

Mi ricordo la luna

Lembro da maniçoba

Mi ricordo la maniçoba (1)

Foguetes no ar

Razzi nell’aria

 

 

Pra saudar Isabel ô Isabé

Per salutare Isabella, Isabella (2)

Pra saudar Isabé

Per salutare Isabella

  

   

 Zumbi (1)

 

 
Angola Congo Benguela

Monjolo Capinda Nina

Quiloa Rebolo

Aqui onde estão os homens

Há um grande leilão

Dizem que há uma princesa à venda

Que veio junto com seus súditos

Acorrentados num carro de boi

 

Eu quero ver

Eu quero ver

Eu quero ver

Angola Benguela

Monjolo Capinda Nina

Quiloa Rebolo

 

Aqui onde estão os homens

De um lado cana de açúcar

Do outro lado cafezal

Ao centro senhores sentados

Vendo a colheita do algodão branco

Sendo colhido por mãos negras

 

Eu quero ver

Eu quero ver

Eu quero ver

Eu quero ver

Quando Zumbi chegar

O que vai acontecer

Zumbi é senhor das guerras

É senhor das demandas

Quando Zumbi chega

é Zumbi

É quem manda

 

Eu quero ver

Eu quero ver

Eu quero ver

Eu quero ver

Angola Congo Benguela

Monjolo Capinda Nina

Quiloa Rebolo

Eu quero

Angola

Benguela

Capinda

Quiloa


Angola Congo Benguela

Monjolo Capinda Nina

Quiloa Rebolo

Qua dove si trovano gli uomini

C’è una grande vendita all’asta

Dicono che c’è una principessa in vendita

Che è venuta assieme ai suoi sudditi

Incatenati al carro da buoi

 

Voglio vedere

Voglio vedere

Voglio vedere

Angola Benguela

Monjolo Capinda Nina

Quiloa Rebolo

 

Qua dove si trovano gli uomini

Da un lato canna

Dall’altro caffè

Al centro i signori seduti

Guardando la raccolta di cotone bianco

Che viene raccolto dalle mani nere

 

Voglio vedere

Voglio vedere

Voglio vedere

Voglio vedere

Quando Zumbi arriverà

Che cosa succederà

Zumbi è il signore delle guerre

È il signore dalle liti

Quando Zumbi arriverà

È Zumbi

Quello che  comanda

 

Voglio vedere

Voglio vedere

Voglio vedere

Voglio vedere

Angola Congo Benguela

Monjolo Capinda Nina

Quiloa Rebolo

Voglio vedere

Angola

Benguela

Capinda

Quiloa

  

 Rock'n'Raul (1)

 
Quando eu passei por aqui

A minha luta

Foi exibir

Uma vontade fela-da-puta de ser americano

(E hoje olha os mano) (gergo)

De ficar só no Arkansas

Esbórnia na Califórnia

Dias ruins em New Orleans

O grande mago em Chicago

Ter um rancho de éter no Texas

Uma plantation de maconha no Wyoming

Nada de axé Dodô e Curuzu

A verdadeira Bahia é o Rio Grande do Sul

 

Rock'n'me

Rock'n'you

Rock'n'roll

Rock'n'Raul

 

Hoje qualquer zé-mané (gergo)

Qualquer caetano

Pode dizer

Que na Bahia

Meu Krig-Ha Bandolo

É puro ouro de tolo

(E o lobo bolo)

Mas minha alegria,

Minha ironia

É bem maior do que essa porcaria.

Ter um rancho de éter no Texas

Uma plantation de maconha no Wyoming

Nada de axé Dodô e Curuzu

A verdadeira Bahia é o Rio Grande do Sul

 

Rock'n'me

Rock'n'you

Rock'n'roll

Rock'n'Raul.


Quando sono stato qui

La mia lotta

Era mostrare

Una fottuta voglia di essere americano

(E oggi guarda i “brothers”)

 (una voglia) di stare da solo nell’Arkansas

di ubriacarmi in California

(di avere) giorni rovinosi a New Orleans

(e) il grande mago a Chicago

 Avere una fattoria di etere nel Texas

Una piantagione di marijuana (2) nel Wyoming

Niente axè Dodô e Curuzu

La vera Bahia è il Rio Grande do Sul

 

Rock'n'me

Rock'n'you

Rock'n'roll

Rock'n'Raul

 

Oggi qualunque persona

Qualsiasi caetano (Veloso)

Può dire

Che a Bahia

Il mio Krig-Ha Bandolo (?)

e l'oro puro è dello stupido

(e il lupo è stronzo)

Ma la mia allegria

la mia ironia

è molto più grande di quella porcheria

Avere una fattoria di etere nel Texas

Una piantagione di marijuana nel Wyoming

Niente axè Dodô e Curuzu

La vera Bahia è il Rio Grande do Sul

 

Rock'n'me

Rock'n'you

Rock'n'roll

Rock'n'Raul

  

 Michelangelo Antonioni (1)

 

 

Visione del silenzio

 Visão do silêncio

Angolo vuoto

 ãngulo vazio

Pagina senza parole

 página sem palavras

Una lettera scritta sopra un viso

 Uma carta escrita sobre um face

Di pietra e vapore

 de pedra e vapor

Amore

 amor

Inutile finestra.

 inútil janela.

  

 

 Cantiga de Boi

 Canzonetta sul bue

 

Meça a cabeça do boi:

 Prendi la misura della testa del bue (1)

Um CD colado à testa

 Un CD incollato alla testa

Adornaram-no pra a festa

 Lo hanno adornato per la festa

Do que foi. Desça à metade

 che c'è stata. Sono scesi a metà

Do que eternamente nasce:

 di quello che eternamente nasce:

Na face que é iridescente

 nella faccia che risplende

Ó gente, dá-se a cidade.

 o gente, ecco la città

 

 

Abra a cabeça do boi:

 Apri la testa del bue:

Por trás do CD um moço

 da dietro del CD un ragazzo

Nesse cabra uma serpente

 In quel tipo un serpente (2)

Cobra lá dentro do osso

 dentro l'osso un serpente (3)

Posso não crer na verdade

 Non posso credere nella verità

Mas ela dobra comigo:

 Ma lei (la verità) raddoppia con me:

Abrigo em mim a cidade.

 guardo dentro di me la città.

 

 

Cantiga de boi é densa

 La canzonetta sul bue è intensa

Não se dança nem se entende

 Non si balla né si capisce (4)

Doença, cura e repente

 Malattia, guarigione e subito

E desafio ao destino

 e la sfida al destino

Menino já tem saudade

 Il bambino ha nostalgia

Do que mal surgiu à frente:

 di ciò che ha appena visto

Alma, CD, boi, cidade.

 Anima, CD, bue, città.

 

 

Purificação do adro

 Purificazione dalla piazza della chiesa

O quadro produz-se ali

 Il quadro ci si produce

Luz o paralelepípedo

 un parallelepipedo di luce

Límpido cristal de olhar

 Limpido sguardo di cristallo

Grécia, Roma e Cristandade

 Grecia, Roma e la Cristianità

O CD refrata o tempo -

 Il CD riflette il tempo –

- Templo-espaço da cidade.

 - il tempio-spazio della città. (4)

   

 

 Cobra Coral

Cobra Coral (1)

(sobre poema de Waly Salomão)

(da una poesia di Waly Salomão)

 

 

Pára de ondular, agora, cobra coral:

Smetti di ondeggiare, adesso, cobra coral
a fim de que eu copie as cores 
in modo che io possa copiare i colori 

com que te adornas,

con i cui ti adorni,

a fim de que eu faça um colar

in modo che io possa farne una collana

para dar à minha amada,

da dare alla mia amata 

a fim de que tua beleza

in modo che la tua bellezza

teu langor

il tuo languore 

tua elegância

la tua eleganza

reinem sobre as cobras não corais

possano regnare sugli altri serpenti (2)

  

 

 Ia

 Stavo per

 

Ia

Stavo per

Te chamar mas não vou mais

chiamarti ma non lo farò più

O dia

Il giorno

Já vem vindo lá de trás

sta arrivando dal passato

Da barra do mar da baía do Rio

dalla riva del mare nella baia di Rio

Tão só

Stando così solitario

Vendo a curva de Copa

guardando la curva di Copa (2)

Cabana da melancolia

Cabana della malinconia

Ia

stavo per

Te chamar mas meu peito está está frio.

chiamarti ma il mio cuore è freddo

 

 

Ah

Ah

Os braços de Iemanjá

Le braccia di Iemanjá (1)

O mar

Il mare

Quem há

Chi dovrà

De procurar seu lugar

cercare il suo posto

Em Iá

in Iá (Iemanjá),

Seu dia?

il suo giorno?

 

 

Num som

In un suono

Surdo o mundo quebra em mim

sordo il mondo irrompe in me

Sem fim

Senza fine

Esse instante seria

sarebbe quel momento

Ia

Stavo per

Desistir mas agora eu te chamo aqui.

desistere ma ora io ti chiamo qui.

    

    

 Meu Rio

Mia Rio

Meu Rio

Mia Rio

Perto da favela do Muquiço

Vicino alla favela del Muquiço

Eu menino já entendia isso

Io bambino già capivo tutto quello (che c’è da capire)

Um gosto de Sustical

un sapore di Sustical

Balé no Municipal

la Danza nel Municipal (1)

Quintino:

Quintino: (2)

Um coreto

un palco (3)

Entrevisto do passar do trem

intravisto passando col treno

Nós nos lembramos bem,

noi lo ricordiamo bene,

Baianos, paraenses e pernambucanos:

baianos, paraenses e pernanbucanos (4)

Ar morno pardo parado

L’aria tiepida grigia ferma

Mar pérola

mare perla

Verde onda de cetim frio

verde onda di raso fresco

Meu Rio

Mia Rio

Longe da favela do Muquiço

lontano dalla favela del Muquiço

Tudo no meu coração

tutto nel mio cuore

Esperava o bom do som: João

aspettava il buono del suono: João (5)

Tom Jobim

Tom Jobim (6)

Traçou por fim

ha tracciato finalmente

Por sobre mim

sopra di me

Teu monte-céu

il suo monte-cielo

Teu próprio deus

il suo proprio dio

 

 

Cidade

Città

Vista do outro lado da baía

Vista dall’altro lato della baia

De ouro e fogo no findar do dia

di oro e fuoco nel finire del giorno

Nas tardes daquele então

nelle serate di quel momento

Te amei no meu coração

ti ho amata con il mio cuore

Te amo

ti amo

Em silêncio

in silenzio

Daqui do Saco de São Francisco

da questa parte del Sacco de São Francisco

Eu cobiçava o risco

Desideravo il rischio

Da vida

della vita

Nesses prédios todos, nessas ruas

in tutti questi palazzi, in queste strade

Rapazes maus, moças nuas

ragazzi cattivi, ragazze nude

O teu carnaval

il suo carnevale

É um vapor luzidio

è un vapore lucente

E eu rio

e io ridevo

Dentro da favela do Muquiço

dentro la favela Del Muquiço

Mangueira no coração

Mangueira (7) nel cuore

Guadalupe em mim é Fundação

Guadalupe per me è la Fondazione

Solidão

Solitudine

Maracanã

Maracanã (8)

Samba-canção

Samba-canção

Sem pai nem mãe

senza padre né madre

Sem nada meu

senza niente di mio

Meu Rio.

Mia Rio.

  

  

 Sou Seu Sabiá

Sono il tuo Sabiá (1)

 

Se o mundo for desabar sobre a sua cama

Se il mondo sta per cadere sopra il tuo letto

E o medo se aconchegar sob o seu lençol

e la paura si infila sotto le tue lenzuola

E se você sem dormir

e tu senza dormire

Tremer ao nascer do sol

hai brividi al sorgere del sole

Escute a voz de quem ama

senti la voce di chi ami

Ela chega aí

lei arriva fino a te

 

 

Você pode estar tristíssimo no seu quarto

Tu puoi essere tristissimo nella tua camera

Que eu sempre terei meu jeito de consolar

ma io sempre avrò il modo di consolarti

É só ter alma de ouvir

basta avere l’anima per sentire

E coração de escutar

E il cuore per ascoltare

Eu nunca me farto do uníssono com a vida

Non mi sazio mai dell’unisono con la vita

 

 

Eu sou

Io sono

Sou seu sabiá

sono il tuo sabiá

Não importa onde for

non mi importa dove andrai

Vou te catar

vado a prenderti

Te vou cantar

ti canterò

Te vou, te vou, te dou, te vou te dar

ti vado, ti vado, ti do, ti darò

 

 

Eu sou

Io sono

Sou seu sabiá

sono il tuo sabiá

O que eu tenho eu te dou

le cose che ho te le do

Que tenho a dar?

Che cosa ho da dare?

Só tenho a voz

Ho solo la voce

Cantar, cantar, cantar, cantar

cantare, cantare, cantare, cantare

 

 

 

 

 Tempestades Solares

Tempeste Solari

Você provocou

Tu hai provocato

Tempestades solares no meu coração

tempeste solari nel mio cuore

Com as mucosas venenosas de sua alma de mulher

con le mucose velenose della tua anima di donna

Você faz o que quer

Tu fai ciò che vuoi

Você me exasperou

tu mi ha fatto esasperare

Você não sabe viver onde eu sou

tu non sai vivere dove mi trovo

Então adeus

Allora addio

Ou seja outra:

O diventi un’altra:

Alguém que agüente o sol.

qualcuna che sopporta il sole.

 

 Note

 

Zera A Reza

Terça letteralmente significa terza, ma probabilmente qui si riferisce al martedì di carnevale, “Terça-feira” in portoghese.

Pagode: ritmo musicale brasiliano somigliante al samba.

Probabilmente il protagonista tenta convicere sua amata, evidentemente religiosa e quindi ovviamente contraria alla “festa  dei piaceri carnali”, che il carnevale è una festa meravigliosa a cui abbandonarsi.

Noites do Norte

(1) Letteralmente "Noites" dovrebbe essere tradotto "Sere", perché  in Brasile dopo le 18:00 si dice comunemente "noite" (noites al plurale)

  

13 de Maio

(1) Piatto tipico dello stato del Pará

 

(2) Princepessa Isabel, nel 1883 ha dichiarato “l’abolizione della schiavitù”, concretizzata legalmente il 13 maggio del 1888 con la creazione della legge “Aurea” che concedeva la libertà immediata a tutti gli schiavi del Brasile.

  

Zumbi

(1) Zumbi dos Palmares (1655-1695) leader schiavo e simbolo della “resistenza nera” contro la schiavitù

  

Rock’n Raul

(1) Il brano è dedicato a Raul Seixas, noto cantautore del Rock brasilian, scomparso alcuni anni fa. Non si può parlare di rock brasiliano senza ricordarlo. Era decisamente irriverente e “un pochino” pazzo, come le sue canzoni.

 

(2) Maconha è come i brasiliani chiamano la Cannabis Sativa, l’erba allucinogena comunemente chiamata marijuana

Michelangelo Antonioni

(1) Canzone dedicata al grande regista italiano, a testimonianza del grande interesse per il cinema di Veloso, che lo ha visto commemorare Fellini con un concerto ed un album, partecipare ai premi alla carriera al festival di Venezia per Antonioni, ed interpretare se stesso, in un momento particolarmente intenso, nell'ultimo film di Almodovar "Parlando con lei"

(2) Le immagini poetiche sono probabilmente ispirate al clima e alla fotografia dei classici film di Antonioni degli anni '60, come L'eclissi o L'avventura

(filmografia di Michelangelo Antonioni)

 

Cantiga de Boi

(1)  La canzone è ispirata al “Boi-Bumbá”, festa folcloristica di origine indios dello stato dell’Amazonas, ora confluita nelle altre feste del carnevale brasiliano, come caratteristica della regione.
Uno degli elementi della festa è il bue, rappresentato da due uomini o ragazzi all'interno di un bue finto, riccamente adornato; nel caso narrato da Veloso ha come ornamento un CD attaccato tra le corna.

Il ragazzo dentro il bue quindi è "dietro al CD"

Il bue del Boi-Bumbà

(2) Cabra significa letteralmente "capra", ma è usato in tutto il nord-est per indicare in modo scherzoso tra amici un'altra persona, in questo caso quindi è uno dei due ragazzi dentro al bue.
Il serpente si riferisce probabilmente alla "boiuna", un serpente gigante, leggendario, che spaventava i pescatori, altro essere mitologica della tradizione dello stato di Amazonas.

(3) Dentro l'osso un serpente potrebbe essere una metafora di una "credenza interiore"

(4) Questo verso chiarisce che tutto il testo del brano non è fatto per essere capito, ma per dare sensazioni

(5) Gioco di assonanze che funziona anche in italiano tra "tempo" e "tempio", entrambe le parole possono essere associate a "spazio"

Immagini della festa del Boi-Bumbà

 

 

Cobra Coral

(1) Serpente brasiliano multicolore (rosso, nero e bianco)

(2) E' probabile che il poeta associ in una metafora il serpente alla donna amata

  

Ia

(1)   Iemanjá (o Janaína, in tupi guarani), è la dea delle acque, la regina dei mari. È uno degli personaggi segreti (“orixá”) più popolare del Candomblé, culto religioso afro-brasiliano molto diffuso nello stato di Bahia, e più volte citato nei libri di Jorge Amado (p.es. Dona Flor).

(2) Copacabana, la notissima spiaggia (e quartiere) di Rio de Janeiro

Meu Rio

(1) Il teatro principale di Rio De Janeiro (municipale)

(2) Un quartiere di Rio

(3) Intende probabilmente un piccolo palco improvvisato su cui suona qualcuno

(4) Abitanti dei rispettivi stati del Brasile

(5) Joao Gilberto, grande musicista brasiliano, tra gli iniziatori della nuova musica popolare brasiliana (MPB)

(6) Antonio Carlos "Tom" Jobim, il principale esponente della MPB

(7) La più antica scuola di samba di Rio

(8) Il maggiore stadio di calcio del mondo del paese pentacampione

  

Sou Seu Sabiá

(1) Il sabiá  è una specie di tordo, un uccello brasiliano dal bellissimo canto

Testi originali Caetano veloso © Universal / Traduzioni di Janaìna Truffi / DISCLAIMER / Riproduzione per usi commerciali non consentita / © Traduzioni Musica & Memoria Dicembre 2002

HOME